TensorFlow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

TensorFlow è una libreria software open source per l'apprendimento automatico, fornisce moduli testati ed ottimizzati utili nella realizzazione di algoritmi per diversi tipi di compiti percettivi e di comprensione del linguaggio[1]. È una seconda generazione di API che è attualmente usata sia in ambito di ricerca che di produzione da 50 team[1] in dozzine di prodotti commerciali Google, come il riconoscimento vocale, Gmail, Google Foto, e Ricerca. Questi team hanno usato in precedenza DistBelief, la prima generazione di API. TensorFlow fu sviluppato dal team Google Brain e rilasciato sotto la licenza open source Apache 2.0 il 9 novembre 2015.

Supporto Hardware e Software[modifica | modifica wikitesto]

Tensorflow supporta i principali sistemi operativi a 64 bit (Windows, Linux e MacOsX) e su Android. Nonostante la documentazione ufficiale, all'inizio, parlasse di un limitato supporto hw, attualmente può funzionare su numerose tipologie di cpu e anche su gpu, grazie al supporto di linguaggi come Cuda o OpenCl.

Google, inoltre, ha ideato e realizzato un processore ASIC espressamente dedicato a questo linguaggio, chiamato TPU (Tensor Processing Unit), in grado di erogare, nella sua ultima versione 180 teraflop di potenza.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

TensorFlow fornisce api native in linguaggio Python, C/C++, Java, Go, e RUST. Api di terze parti disponibili sono in C#, R e Scala.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]