Jerusalem (inno)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
And did those feet in ancient time
Jerusalem
Milton preface.jpg
Prefazione del Milton, ove viene mostrato l'inno
CompositoreWilliam Blake (testo)
Hubert Parry (musica)
Epoca di composizione1804-1916

And did those feet in ancient time (in inglese: "E quei piedi nei tempi antichi"), meglio conosciuto come Jerusalem (in inglese: "Gerusalemme"), è un inno inglese, scritto nel 1804 da William Blake come prefazione al proprio poema epico Milton e messo in musica da Sir Hubert Parry nel 1916.

Il testo è ispirato ad una leggenda apocrifa secondo cui, negli anni perduti, Gesù avrebbe compiuto un viaggio assieme allo zio Giuseppe di Arimatea a Glastonbury[1]; inoltre vi è un riferimento al Libro dell'Apocalisse, in cui viene descritta la venuta della Gerusalemme celeste.

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Testo originale

And did those feet in ancient time
Walk upon England’s mountains green?
And was the Holy Lamb of God
On England’s pleasant pastures seen?

And did the Countenance Divine
Shine forth upon our clouded hills?
And was Jerusalem builded here
Among these dark Satanic Mills?

Bring me my bow of burning gold!
Bring me my arrows of desire!
Bring me my spear! O clouds, unfold!
Bring me my chariot of fire!

I will not cease from mental fight,
Nor shall my sword sleep in my hand,
Till we have built Jerusalem
In England’s green and pleasant land.

Traduzione

E quei piedi nei tempi antichi
Camminarono sulle verdi montagne d’Inghilterra?
E fu visto il Santo Agnello di Dio
Tra i piacevoli pascoli d’Inghilterra?

E il Divino Volto
Risplendette sulle nostre colline nebbiose?
E fu costruita qui Gerusalemme
Tra questi oscuri mulini satanici?

Portatemi il mio arco di oro bruciante!
Portatemi le mie frecce del desiderio!
Portatemi la mia lancia! O nuvole, apritevi!
Portatemi il mio carro di fuoco!

Io non cesserò di combattere la battaglia spirituale,
Né la mia spada sarà a riposo nella mia mano,
Finché non avremo costruito Gerusalemme
Nella verde e piacevole terra d’Inghilterra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jerusalem, su L'angolo della poesia, 4 giugno 2011. URL consultato il 16 marzo 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]