In Concert (Emerson, Lake & Palmer)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In Concert
Artista Emerson, Lake & Palmer
Tipo album Live
Pubblicazione 18 novembre 1979
Durata 43 min : 06 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere Rock progressivo
Etichetta Atlantic Records
Produttore /
Registrazione 1977
Note Album dal vivo
Emerson, Lake & Palmer - cronologia
Album precedente
(1978)
Album successivo
(1992)

In Concert, pubblicato nel 1979, è il decimo album di Emerson Lake & Palmer, gruppo di rock progressivo britannico.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album è tratto dal concerto del 26 agosto 1977 allo Stadio Olimpico di Montréal in Canada, ultima data del tour promozionale estivo per il doppio album Works volume 1, uscito nel marzo dello stesso anno.

Il trio era affiancato da un'orchestra di 60 elementi più un coro, entrambi diretti da Godfrey Salmon. La tournée in questione fu la penultima intrapresa dal gruppo negli anni settanta e soltanto dieci delle sessantuno date del tour videro la presenza dell'orchestra, a causa dei costi troppo alti[1]; la band vi rinunciò definitivamente per il tour dell'autunno-inverno 1977-78[1], che fu anche l'ultimo prima dello scioglimento ufficiale.

L'intero concerto di Montréal fu anche filmato per la televisione e successivamente pubblicato in formato video.

In Concert fu pubblicato quasi un anno dopo che il gruppo si era sciolto e rappresenta l'ultima uscita discografica a nome Emerson, Lake & Palmer - raccolte escluse - fino al 1992.

I brani[modifica | modifica wikitesto]

In apertura, Keith Emerson esegue al sintetizzatore Yamaha GX-1 la breve Introductory Fanfare che fa da accompagnamento all'annuncio della band. Segue una rilettura per gruppo e orchestra del tema di Henry Mancini per la serie televisiva statunitense Peter Gunn (1958).

Tiger in a Spotlight è un brano originariamente composto per l'album Brain Salad Surgery e successivamente incluso in Works Volume 2.

C'est la Vie di Greg Lake proviene da Works Volume 1 e vede Emerson insolitamente impegnato alla fisarmonica.

The Enemy God, anch'esso da Works Volume 1, è l'arrangiamento per gruppo ed orchestra ad opera di Carl Palmer di un brano dalla Suite Scita di Prokov'ev.

Il lato A si chiude con la canzone Knife Edge, dal primo album del trio, arrichita da passaggi con l'orchestra.

Il lato B contiene l'esecuzione del terzo movimento del Piano Concerto No. 1 di Emerson, seguita da una nuova versione di Pictures at an Exhibition.

Pictures at an Exhibition eseguita dal trio nel 1977 è molto più breve di quella contenuta nell'album omonimo. A farne le spese, le parti scritte ex novo per il disco del 1971 (tranne The Curse of Baba-Yaga) in favore dei brani originali di Musorgskij, qui riarrangiati per orchestra in modo piuttosto simile (strumenti elettrici a parte) alla celebre trascrizione di Maurice Ravel del 1922.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

  1. Introductory Fanfare (Keith Emerson) - (0:53)
  2. Peter Gunn (Henry Mancini) - (3:34)
  3. Tiger in a Spotlight (Emerson, Greg Lake, Carl Palmer, Peter Sinfield) - (4:09)
  4. C'est la Vie (Lake, Sinfield) - (4:15)
  5. The Enemy God Dances With the Black Spirits (Excerpt from "The Scythian Suite", 2nd movement) (Sergei Prokof'ev) - (2:47)
  6. Knife Edge (Emerson, Lake, Dick Fraser, Leóš Janáček ) - (5:03)

Lato B

  1. Piano Concerto No. 1 Third movement: Toccata con Fuoco (Emerson) - (6:42)
  2. Pictures at an Exhibition (Modest Musorgskij, Emerson, Lake, Palmer) - (15:43)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Orchestra e coro[modifica | modifica wikitesto]

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Le note di copertina dell'album non specificano gli strumenti, fatta eccezione per il primo violino (concertmaster).

  • Peter Anderson
  • Claire Bergman
  • Paul Biro
  • Chris Brown
  • Pamela Buell
  • Michael Campbell
  • Dave Christopher
  • Marshall Coid
  • Sue Ellen Colgan
  • Bruce Cramer
  • Nestor Cybriwsky
  • Wilfredo Deglans
  • Joel Derouin
  • Bruce Dukov (accreditato Bruce Dukoff) - primo violino
  • Scott J. Eddlemon
  • Susan Eddlemon
  • Joel Elias
  • Susan Enger
  • John Englund
  • Mitchell Estrin
  • Robert Fisher
  • David Frost
  • Robert Gerry
  • Melody Goldstein
  • Jonathan Haas
  • Tony Harris
  • Don Hermanns
  • Valerie Heywood
  • Lamar Jones
  • Robert Karon (accreditato R. Karon)
  • William Keck
  • Soye Kim
  • John Knight
  • Manuel Laureano
  • Larry Lenske
  • David Lord
  • Susan Lynn
  • Tim Malosh
  • Paul Marnet
  • Jean Martin
  • Joseph Meyer
  • Robert Moir
  • Thalia Moore
  • Katherine Mueller
  • Deborah Newmark
  • Elisa Nillson
  • Mary O'Reilly
  • Lanny Paykin
  • James Ryon
  • Ron Schneider
  • Tom Sefcovic
  • Greg Singer
  • Stephani Stang
  • Amy Teare
  • James Wallenberg
  • Roger Welch
  • Robert Wendt
  • Bruce Whitson

Coro[modifica | modifica wikitesto]

  • Diane Duguay
  • Jacques Lareau
  • Jeffrey Meyer
  • Claudette Roy
  • Yves Saint-Amant
  • Marjorie Sparks

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ELP Tour dates, asahi-net.or.jp.
Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo