Works Volume 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Works Volume 2
ArtistaEmerson, Lake & Palmer
Tipo albumStudio
Pubblicazione10 novembre 1977
Durata43:54
Dischi1
Tracce12
GenereRock progressivo
EtichettaAtlantic Records
ProduttoreKeith Emerson, Greg Lake, Carl Palmer, Peter Sinfield (a seconda dei brani)
Registrazione1973-77
Emerson, Lake & Palmer - cronologia
Album precedente
(1977)
Album successivo
(1978)

Works Volume 2 è l'ottavo album del trio rock britannico Emerson, Lake & Palmer, pubblicato nel 1977.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album, uscito a otto mesi di distanza da Works Volume 1, raccoglie dodici brani registrati fra il 1973 ed il 1977 i quali, secondo una formula analoga a quella dell'album precedente, sono per metà eseguiti dal gruppo al completo e metà incisi e prodotti da ciascun componente come solista, gran parte di questi ultimi senza contributi da parte degli altri due colleghi. Diversamente dal Volume 1, che ripartiva in modo netto le due tipologie di brani (una facciata accreditata a ciascuno dei tre come solista, la quarta registrata insieme) su quest'album i lavori solistici e quelli di gruppo compaiono in ordine sparso e, sulle note di copertina, la provenienza di ciascun brano è deducibile solo dall'indicazione degli autori e dei produttori.

Altra differenza di rilievo rispetto al Volume 1, oltre al formato singolo anziché doppio, è costituita dal fatto che solo sette brani sono inediti: gli altri cinque erano già stati pubblicati su 45 giri, a nome del gruppo o dei singoli membri.

I brani[modifica | modifica wikitesto]

Tiger in a Spotlight[modifica | modifica wikitesto]

La canzone, con testo di Peter Sinfield, fu registrata nel 1973 durante le session di Brain Salad Surgery. Si basa sulla tipica struttura del blues in 12 battute e pertanto, nel solo centrale di Keith Emerson al pianoforte, presenta qualche analogia con la Piano Improvisation inclusa nel triplo album dal vivo Welcome Back, My Friends, to the Show That Never Ends - Ladies and Gentlemen Emerson, Lake & Palmer, la cui registrazione peraltro è posteriore di almeno cinque mesi (febbraio 1974) a quella di questo brano.

When the Apple Blossoms Bloom in the Windmills of Your Mind, I'll Be Your Valentine[modifica | modifica wikitesto]

Il brano dal titolo più lungo mai pubblicato dal trio. È un altro estratto, stavolta strumentale, dalle session di Brain Salad Surgery, già edito nel 1973 come lato B del singolo Jerusalem.

Bullfrog[modifica | modifica wikitesto]

Lavoro solista strumentale di Carl Palmer, qui affiancato da due membri del trio jazz Back Door: Ron Aspery (sax e flauto) e Colin Hodgkinson (basso), entrambi accreditati in copertina come coautori ma non come esecutori. Palmer, oltre alla batteria, vi suona anche le campane tubolari e il vibrafono. Un passaggio ospita una breve sovraincisione di sintetizzatore, forse opera di Emerson.

Brain Salad Surgery[modifica | modifica wikitesto]

Brano scartato dall'omonimo LP del 1973, incluso lo stesso anno in un EP promozionale per quell'album e infine edito a maggio 1977 come lato B del singolo Fanfare for the Common Man tratto da Works Volume 1. Al testo collabora Pete Sinfield.

Barrelhouse Shake-Down[modifica | modifica wikitesto]

Brano strumentale honky-tonk scritto da Keith Emerson, il quale lo esegue assieme ad una sezione fiati da lui arrangiata assieme ad Alan Cohen. Già pubblicato nel 1976 a nome del solo tastierista sul lato B di Honky Tonk Train Blues (vedi sotto).

Watching Over You[modifica | modifica wikitesto]

Ninna nanna scritta e prodotta da Greg Lake con l'aiuto di Pete Sinfield ai testi e musicalmente realizzata dal solo Lake (voce, chitarra acustica, basso ed armonica a bocca).

So Far to Fall[modifica | modifica wikitesto]

Brano di Emerson, Lake e Sinfield registrato dal trio al completo assieme ad una sezione fiati da big band arrangiata da Emerson con Tony Harris.

Maple Leaf Rag[modifica | modifica wikitesto]

Celebre ragtime di Scott Joplin del 1899, arrangiato da Emerson e da lui eseguito con l'accompagnamento della London Symphony Orchestra. Fu utilizzato in Italia dalla Rai come sigla finale della seconda stagione del rotocalco televisivo Odeon. Tutto quanto fa spettacolo e pubblicato dalla Ricordi come 45 giri, a nome del solo Keith Emerson, col titolo Maple Leaf Rag (Odeon Rag) e sul lato B il brano di ELP The Sheriff, dall'album Trilogy del 1972.

I Believe in Father Christmas[modifica | modifica wikitesto]

Brano scritto da Lake in collaborazione con Sinfield: fu registrato nel 1974 e pubblicato come singolo a nome del solo Lake nel novembre 1975, piazzandosi al secondo posto nelle classifiche di vendita britanniche, superato soltanto da Bohemian Rapsody dei Queen. La canzone è qui rieseguita dal solo trio, senza cioè l'arrangiamento orchestrale a cura di Godfrey Salmon presente nella versione su 45 giri. La melodia dell'inciso strumentale è una citazione del brano Troika dalla suite sinfonica Lieutenant Kijé Op. 60 (1934) di Sergej Prokov'ev.

Close But Not Touching[modifica | modifica wikitesto]

Brano strumentale firmato da Carl Palmer con Harry South, come già Food for Your Soul da Works Volume 1. È eseguito dal batterista con un'orchestra di fiati, più una chitarra elettrica solista probabilmente suonata da Joe Walsh, anch'egli già comparso sulla facciata di Palmer nel doppio album precedente.

Honky Tonk Train Blues[modifica | modifica wikitesto]

Cover di un noto boogie-woogie strumentale del 1927 di Meade "Lux" Lewis, eseguita da Emerson con la London Symphony Orchestra su arrangiamento di Alan Cohen e come già detto pubblicata come singolo nel 1976. In Italia, lo stesso anno, il brano costituiva la sigla finale della prima stagione del già citato programma Rai Odeon. Tutto quanto fa spettacolo.

Show Me the Way to Go Home[modifica | modifica wikitesto]

Canzone popolare molto nota nel Regno Unito e in Nordamerica, composta nel 1925 da James Campbell e Reginald Connelly con lo pseudonimo congiunto "Irving King" e qui riarrangiata da Emerson con Godfrey Salmon. Il trio al completo la esegue assieme alla London Symphony Orchestra diretta appunto da Salmon.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

  1. Tiger in a Spotlight (Keith Emerson, Greg Lake, Carl Palmer, Peter Sinfield) - (4:36)
  2. When the Apple Blossoms Bloom in the Windmills of Your Mind I'll Be Your Valentine (Emerson, Lake, Palmer) - (3:59)
  3. Bullfrog (Palmer, Ron Aspery, Colin Hodgkinson) - (3:52)
  4. Brain Salad Surgery (Emerson, Lake, Sinfield) - (3:10)
  5. Barrelhouse Shake-Down (Emerson) - (3:52)
  6. Watching Over You (Lake, Sinfield) - (3:58)

Lato B

  1. So Far to Fall (Emerson, Lake, Sinfield) - (4:57)
  2. Maple Leaf Rag (Scott Joplin, arr. Emerson) - (2:03)
  3. I Believe in Father Christmas (Lake, Sinfield) - (3:20)
  4. Close But Not Touching (Palmer, Harry South) - (3:22)
  5. Honky Tonk Train Blues (Meade "Lux" Lewis, arr. Alan Cohen) - (3:11)
  6. Show Me the Way to Go Home (Irving King, arr. Emerson & Godfrey Salmon) - (3:32)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo