Trilogy (Emerson, Lake & Palmer)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trilogy
ArtistaEmerson, Lake & Palmer
Tipo albumStudio
Pubblicazioneluglio 1972
Durata40:56
Dischi1
Tracce9
GenereRock progressivo
EtichettaIsland
ProduttoreGreg Lake
Registrazionegennaio 1972
Emerson, Lake & Palmer - cronologia
Album successivo
(1973)

Trilogy, del 1972, è il quarto album di Emerson Lake & Palmer, trio britannico di rock progressivo.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

I tre musicisti entrarono in studio nell'ottobre del 1971, con già all'attivo due album in studio in meno di un anno ed un terzo LP, Pictures at an Exhibition - registrato, in marzo, dal vivo in concerto ma anch'esso costituito totalmente da materiale inedito - che uscì in novembre, mentre il lavoro su Trilogy era ancora in corso.

Le registrazioni si protrassero sino a gennaio 1972, ed il disco uscì nel luglio seguente, mentre il gruppo era già impegnato nel tour promozionale che, fra l'altro, in giugno toccò per la prima volta anche l'Italia: il 15 a Genova, il 25 a Bologna, il 26 a Roma.

Per la prima volta su quest'album, il gruppo beneficiò dell'allora nuovissima tecnica di registrazione a 24 tracce[1]. L'abuso di sovraincisioni rese però gran parte del materiale impossibile da riprodurre in concerto[1], il che spiega come soltanto The Sheriff e Hoedown tratti da quest'album siano poi divenuti numeri consueti nei live del gruppo, mentre The Endless Enigma fu eseguito solo nei tour del 1972.

L'album si piazzò al secondo posto nelle classifiche del Regno Unito[2] e al quinto posto negli Stati Uniti (Billboard 200)[3].

A distanza di anni, Greg Lake indicò Trilogy come il suo preferito tra tutti gli album del gruppo[1].

I brani[modifica | modifica wikitesto]

The Endless Enigma (part one) / Fugue / The Endless Enigma (part two)[modifica | modifica wikitesto]

Lunga composizione di Keith Emerson con testi di Lake. Le prime due strofe e l'ultima sono separate da una tipica cadenza per pianoforte solo di Emerson, che risolve poi in una fuga a tre voci, di cui una affidata al basso elettrico di Lake.

Il testo si domanda invano il senso dell'esistenza umana (l'«eterno enigma» del titolo) deplorando al contempo facili bugie e ipocrisie varie.

From the Beginning[modifica | modifica wikitesto]

Tipica ballata di Lake, il quale oltre a cantarla vi suona chitarra acustica, chitarra elettrica e basso, lasciando a Carl Palmer l'accompagnamento alle congas e poi al tamburello, mentre Emerson interviene solo nel finale con un solo al sintetizzatore Minimoog.

Nel testo, Lake si rivolge a una donna con cui ha appena avuto un'avventura, e che lo accusa di essere cinico e indelicato riguardo al loro incontro sessuale, il quale però era chiaramente deciso - come dice il titolo - fin dall'inizio.

Il brano, pubblicato anche come singolo, fu reinciso nel 1982 dal gruppo folk ceco Marsyas, con testo in lingua ceca dal titolo Studená koupel ("bagno freddo"), e nel 1995 dalla band heavy metal statunitense Dokken. Entrambe queste cover furono arrangiate in modo piuttosto fedele all'originale.

The Sheriff[modifica | modifica wikitesto]

Come Jeremy Bender dal precedente album Tarkus, questa canzone obbedì alla voglia di Emerson di inserire su ogni album un brano caratterizzato dal piano honky-tonk e da un'atmosfera da saloon. Il trio, dal vivo, eseguì spesso Jeremy Bender e The Sheriff unite assieme in una sorta di medley. Il testo è una parodia del Vecchio West, in cui è il bandito ad uccidere lo sceriffo e a divenire una leggenda, mentre il tutore della legge viene subito dimenticato da tutti.

Hoedown[modifica | modifica wikitesto]

Altra consuetudine fissa del gruppo, quella di trascrivere opere classiche in chiave rock. La facciata A del LP si chiude con un adattamento dell'omonimo brano tratto dal balletto Rodeo del compositore contemporaneo Aaron Copland. Il brano, dall'arrangiamento molto serrato che ben si presta alle acrobazie tecniche di Emerson, divenne anche un pilastro dei concerti del gruppo, da allora in avanti.

Trilogy[modifica | modifica wikitesto]

Il lato B del vinile si apre con un altro brano di considerevole durata, musicalmente caratterizzato dall'ennesimo florilegio pianistico di Emerson e dall'ulteriore esplorazione delle possibilità offerte al tastierista dal sintetizzatore modulare Moog IIIc, qui strumento solista prevalente. Il testo di Lake è una lettera d'addio ad una donna amata.

Living Sin[modifica | modifica wikitesto]

Brano tipicamente progressive, prevalentemente appoggiato su un articolato riff unisono basso/organo Hammond, con frequenti stacchi in tempi composti e la voce di Lake che alterna toni insolitamente gravi, quasi parlati, ad acuti improvvisi; il tutto condensato in tre minuti. Nel testo, Lake descrive per brevi flash un'ambigua e sinistra figura femminile.

La canzone fu scelta anche come lato B del singolo From the Beginning.

Abaddon's Bolero[modifica | modifica wikitesto]

La chiusura dell'album è affidata ad un lungo brano strumentale di Emerson che, seguendo uno schema analogo a quello del celebre Bolero di Ravel (ma su tempo in 4/4, tipicamente anglosassone, e con tema totalmente originale), inizia in sordina e, ripetendo sempre lo stesso tema introdotto dall'Hammond, giunge al finale in un crescendo continuo la cui "orchestrazione" è tutta affidata ai diversi timbri del Moog IIIc che dialogano con linee di basso (anch'esse raddoppiate dal sintetizzatore) progressivamente incalzanti.

Il brano per la sua complessità poté essere riproposto dal vivo solo anni dopo, nel tour di Works del 1977, grazie alla presenza dell'orchestra al seguito del gruppo.

La copertina[modifica | modifica wikitesto]

In un primo momento il trio si era ambiziosamente rivolto a Salvador Dalí per la realizzazione dell'artwork, ma l'idea sfumò di fronte al compenso richiesto dall'artista: 150.000 dollari[4].

La grafica fu quindi affidata allo studio Hipgnosis. Per la prima volta nella loro carriera, i tre musicisti figurarono in copertina: all'esterno, furono ritratti dal pittore Phil Crennelf come fusi in un solo corpo; all'interno, comparvero "moltiplicati" in un fotomontaggio di scatti effettuati da Storm Thorgerson nel bosco di Epping Forest, alla periferia di Londra.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

  1. The Endless Enigma (part one) (Emerson/Lake) - 6:37
  2. Fugue (Emerson) - 1:57
  3. The Endless Enigma (part two) (Emerson/Lake) - 2:00
  4. From the Beginning (Lake) - 4:14
  5. The Sheriff (Emerson/Lake) - 3:22
  6. Hoedown (Copland/Arr. Emerson/Lake/Palmer) - 3:48

Lato B

  1. Trilogy (Emerson/Lake) - 8:54
  2. Living Sin (Emerson/Lake/Palmer) - 3:11
  3. Abaddon's Bolero (Emerson) - 8:13

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Shawn Perry, Intervista a Greg Lake su vintagerock.com, su vintagerock.com, 2012.
  2. ^ Chart Stats / Trilogy, su chartstats.com. (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  3. ^ AllMusic / ELP albums, All Media Network, LLC - San Francisco CA, U.S.A..
  4. ^ Guglielmo Gallone, AquaTarkus, su aqua-tarkus70.blogspot.it, 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo