I Will Always Love You

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi I Will Always Love You (disambigua).
I Will Always Love You
ArtistaDolly Parton
Autore/iDolly Parton
GenereCountry
Esecuzioni notevoliWhitney Houston, Beyoncé, Kenny G, Kenny Rogers, Lara Fabian, Giorgia, Linda Ronstadt Jessie J
Pubblicazione originale
IncisioneJolene
Data1974
EtichettaRCA
Certificazioni (digitale)
Dischi d'argentoBandiera del Regno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 200 000+)
Dischi d'oroBandiera dell'Australia Australia[2]
(vendite: 35 000+)

I Will Always Love You (dall'inglese: Ti amerò sempre) è un brano musicale di Dolly Parton, pubblicato nel 1974 nel singolo a 45 giri I Will Always Love You/Lonely Comin' Down.

Nel 1982 la canzone fu reincisa per la colonna sonora del film musicale Il più bel Casino del Texas di Colin Higgins[3], in cui la Parton recitava insieme a Burt Reynolds.

La canzone venne portata al successo internazionale nel 1992 da Whitney Houston.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Dolly Parton compose la canzone avendo in mente il suo mentore Porter Wagoner, con il quale stava cessando i rapporti lavorativi[4].

Versione di Whitney Houston[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: I Will Always Love You (Whitney Houston).

La grande popolarità del brano arriva nel 1992, quando Whitney Houston lo reinterpreta per la colonna sonora del film Guardia del corpo, diventando il singolo più venduto in assoluto da una cantante femminile nonché uno dei più venduti di tutti i tempi con oltre 24 milioni di copie vendute.[5][6][7]

Altre cover[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a Whitney Houston ci sono altri artisti che hanno reinterpretato I Will Always Love You e sono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) I Will Always Love You, su British Phonographic Industry. URL consultato l'8 gennaio 2021.
  2. ^ (EN) ARIA TITLE ACCREDITATIONS REPORT: For Single Titles Reaching a New Accreditation Level between 1-01-2021 and 30-11-2021 (PDF), su Australian Recording Industry Association. URL consultato il 3 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2022).
  3. ^ Condé Nast, La voce di Whitney Houston e la vera storia di «I Will Always Love You», su GQ Italia, 8 agosto 2019. URL consultato l'8 novembre 2023.
  4. ^ Rockol com s.r.l, √ Dolly Parton e quella lite con il manager di Elvis: "Piansi tutta la notte", su Rockol. URL consultato l'8 novembre 2023.
  5. ^ The best-selling singles in history, su ormishal.medium.com, 7 marzo 2023. URL consultato il 22 dicembre 2023.
  6. ^ (EN) FIVE FAST FACTS ABOUT WHITNEY HOUSTON, su houstonsymphony.org. URL consultato il 2 dicembre 2023.
  7. ^ (EN) 5 Things About Whitney Houston, su calgaryphil.com. URL consultato il 2 dicembre 2023.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica