Guardia del corpo (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guardia del corpo
Guardia del corpo.jpg
Kevin Costner e Whitney Houston in una scena del film
Titolo originaleThe Bodyguard
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1992
Durata129 min
Genereazione, thriller, musicale, drammatico, sentimentale
RegiaMick Jackson
SoggettoLawrence Kasdan
SceneggiaturaLawrence Kasdan
ProduttoreKevin Costner, Lawrence Kasdan, Jim Wilson
FotografiaAndrew Dunn
MontaggioDonn Cambern, Richard A. Harris
Effetti specialiAlterian
MusicheAlan Silvestri
ScenografiaJeffrey Beecroft
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Guardia del corpo (The Bodyguard) è un film del 1992 diretto da Mick Jackson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Frank Farmer, un ex agente della scorta presidenziale che si è dedicato alla più redditizia professione di guardia personale, viene contattato da Bill Devaney, manager della bella popstar e attrice Rachel Marron, per vigilare sull'incolumità della donna che riceve lettere minatorie da uno sconosciuto. Dapprima riluttante, Farmer si fa convincere e cerca di rendere efficienti i sistemi di sicurezza assai precari che proteggono la principesca villa di Rachel e del figlio Fletcher. Ben presto cozza con il carattere arrogante della donna, del suo addetto stampa, e arriva a vie di fatto con il corpulento guardaspalle, Tony, dopo averla sottratta ad una pericolosa apparizione in un locale. Dopo aver convinto Rachel ad avere una condotta più prudente, Frank la accompagna fuori a cena e passano la notte assieme. Dopo l'effimero incontro Frank riprende a fatica il controllo, suscitando in Rachel un risentimento che si concretizza a Miami: durante un Gala di beneficenza Rachel per ripicca nei confronti di Frank finge di cedere alle attenzioni di Greg Portman, un ex agente della CIA ed ora collega di Frank. L'arrivo di una telefonata minatoria nel camerino di Rachel convince tutti del pericolo incombente: Frank decide così di portare Rachel, Fletcher e la sorella di costei, Nicki, nello chalet di suo padre, Herb Farmer, al Nord. In montagna Nicki cerca di sedurre Frank senza successo. Anche qui però la vita di Rachel e della sua famiglia viene minacciata: dopo aver cercato di uccidere Fletcher durante una gita in barca, lo stalker misterioso uccide accidentalmente Nicki, poco dopo che Frank aveva scoperto che era stata proprio lei, piena di gelosia per la sorella, ad averlo assoldato per farla uccidere . Tornati a Los Angeles per celebrare i funerali di Nicki, Rachel e Frank si preparano per affrontare la notte degli Oscar; in quell'occasione ci sarà l'incontro fatale con il misterioso assassino, che altri non è che Portman il quale, nonostante la morte di Nicki, è comunque intenzionato a portare a termine ad ogni costo l'incarico avuto. Frank, in extremis, riesce a sventare l'attentato e avere la meglio su Portman rimanendo però gravemente ferito. Il film si conclude con un tenero congedo tra Rachel e Frank, il quale preferirà continuare a svolgere la sua professione alle dipendenze di un uomo politico.

Collegamenti ad altre pellicole[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Bodyguard: Original Soundtrack Album.

The Bodyguard: Original Soundtrack Album è la colonna sonora più venduta di tutti i tempi.[2] È stata certificata come disco di diamante negli Stati Uniti (cioè almeno 10 milioni di dischi venduti). Nel mondo le vendite hanno superato i 45 milioni di copie. Inoltre, la cover interpretata da Whitney Houston di I Will Always Love You ha venduto 16 milioni di copie nel mondo. La colonna sonora conta anche altri successi come I'm Every Woman, Queen of the Night e I Have Nothing.

  1. I Will Always Love You - Whitney Houston
  2. I Have Nothing - Whitney Houston
  3. I'm Every Woman - Whitney Houston
  4. Run to You - Whitney Houston
  5. Queen of the Night - Whitney Houston
  6. Jesus Loves Me - Whitney Houston
  7. Even If My Heart Would Break - Kenny G featuring Aaron Neville
  8. Someday (I'm Coming Back) - Lisa Stansfield
  9. It's Gonna Be a Lovely Day - The S.O.U.L. S.Y.S.T.E.M.
  10. (What's So Funny 'Bout) Peace, Love and Understanding - Curtis Stigers
  11. Waiting for You - Kenny G
  12. Trust in Me - Joe Cocker featuring Sass Jordan
  13. Theme from the Bodyguard - Alan Silvestri

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Johnny Brayson, Is 'The Hitman's Bodyguard' A 'Bodyguard' Parody? The Movie Tells Its Own Story, in Bustle. URL consultato il 19 novembre 2017.
  2. ^ Guardia del corpo (1992) - Curiosità e citazioni, Silenzio in Sala. URL consultato il 25 aprile 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema