Villafranca d'Asti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villafranca d'Asti
comune
Villafranca d'Asti – Stemma Villafranca d'Asti – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Asti-Stemma.png Asti
Amministrazione
Sindaco Guido Cavalla (lista civica Dalla parte dei villafranchesi) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 44°54′46″N 8°01′58″E / 44.912778°N 8.032778°E44.912778; 8.032778 (Villafranca d'Asti)Coordinate: 44°54′46″N 8°01′58″E / 44.912778°N 8.032778°E44.912778; 8.032778 (Villafranca d'Asti)
Altitudine 206 m s.l.m.
Superficie 12,91 km²
Abitanti 3 198[1] (31-12-2010)
Densità 247,71 ab./km²
Frazioni Antoniassi, Borgovecchio, Case Bertona, Case Bruciate, Castella, Crocetta, Mondorosso, Montanello, Taverne, San Grato, Sant'Antonio, Valle Audana
Comuni confinanti Baldichieri d'Asti, Cantarana, Castellero, Dusino San Michele, Maretto, Monale, Roatto, San Paolo Solbrito, Tigliole
Altre informazioni
Cod. postale 14018
Prefisso 0141
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 005117
Cod. catastale L945
Targa AT
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti villafranchesi
Patrono sant'Elena
Giorno festivo 18 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villafranca d'Asti
Mappa di localizzazione del comune di Villafranca d'Asti nella provincia di Asti
Mappa di localizzazione del comune di Villafranca d'Asti nella provincia di Asti
Sito istituzionale

Villafranca d'Asti (Vilafranca d'Ast in piemontese) è un comune di 3.139 abitanti della provincia di Asti, sito a circa 40 km da Torino e 15 da Asti, al centro di una valle circondata dai torrenti Riomaggiore, Stanavasso, Traversole e Triversa. La sua superficie è di 12 km quadrati.

Nel 2004 ha vinto il premio indetto da Legambiente come comune italiano con la più alta percentuale di rifiuti riciclati (85%).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Villafranca sorge da più nuclei abitativi distinti che nel 1275, per volontà del comune di Asti, radunano i propri abitanti in un unico centro: Villafranca appunto. Fino a quella data il territorio dell'attuale comune faceva parte di quello che era detto il Comitato di Serralonga o Contado di Serralunga che aveva il suo centro in una attuale frazione del comune di Cantarana e comprendeva oltre che al comune di Villafranca quello di Cantarana, Castellero, Maretto, Roatto, Tigliole e parte di altri comuni limitrofi. Nel XVI secolo a causa della "piccola glaciazione" il paese ha una radicale trasformazione e il centro comincia a formarsi dove è attualmente su di una collina. Nel settembre 1554 nel suo territorio, ai piedi del colle di Vulpilio, si svolge uno scontro tra spagnuoli e francesi. I caduti di tale battaglia vengono sepolti sul colle, presso la chiesetta romanica dedicata alla Madonna della Neve o del Vulpilio.

La chiesa di Sant'Elena[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chiesa di Sant'Elena (Villafranca d'Asti).

La chiesa di Sant'Elena, fabbricata tra il 1646 e il 1652 da Francesco Garove e arricchita dallo stuccatore luganese Luca Corbellini tra il 1662 ed il 1664, è una delle più interessanti opere attribuite all'architetto ducale Amedeo di Castellamonte.

Ogni anno il Comitato Restauri mette in scena, nella chiesa di Sant'Elena, una rievocazione storica, con testi, musica e costumi d'epoca. L'iniziativa è un contributo della parrocchia alla vita culturale del paese di Villafranca e si colloca al termine del settembre villafranchese. Iniziatore della rievocazione storica è stato il villafranchese Renato Bordone, già ordinario di Storia Medievale presso l'Università di Torino, scomparso il 2 gennaio 2011.

Settembre Villafranchese[modifica | modifica sorgente]

È la festa del paese che ha il suo culmine nel primo week-end di settembre. Durante questo week-end si volge "La sagra delle associazioni",

Veduta di piazza Marconi durante la sagra delle associazioni

, durante la quale le associazioni che lavorano sul territorio preparano vari piatti e specialità. Sempre durante questo week-end si svolge il "Vinin Villa" che è un concorso enologico e mostra mercato dei vini DOC e DOCG del territorio astigiano selezionati dall'ONAV. Durante la festa vi sono le giostre e il "Banco di Beneficenza" curato dalle ex-allieve dell'Opera Pia Sant'Elena. In realtà durante tutto il mese di settembre e anche negli ultimi wekk-end di agosto ci sono feste, manifestazioni o iniziative che animano il paese da parte delle varie associazioni o frazioni.

L'ultimo appuntamento del settembre villafranchese, dal 2007 in poi, è stata la "Serata Storica"; si tratta di una rievocazione storica che nelle prime due edizioni ha riguardato l'età barocca, dato che la chiesa parrocchiale è esempio significativo del barocco sabaudo. Nel 2009 l'ambientazione è stata nell'età medievale. Nella prima parte della serata vi è una rappresentazione teatrale che rievoca momenti storici della vita del paese, con intermezzi di musica coeva, nella suggestiva cornice della chiesa. Nella seconda parte si partecipa alla cena a tema, a lume di candela, servita in abiti d'epoca nel salone di Palazzo Aghemio, sede dell'oratorio parrocchiale. Dal 2010 la serata si svolge nel mese di ottobre.

Altre feste villafranchesi[modifica | modifica sorgente]

Il gusto all'oratorio
  • "Maiale d'autore", che si svolge nella terza domenica di maggio, riguarda appunto il maiale e le lavorazioni a cui viene sottoposta la sua carne. Anche questa festa ha gli eventi principali in un week-end in cui al sabato sera alcune Pro-Loco di comuni appartenenti alla Val Triversa cucinano piatti il cui tema di base è appunto il maiale.

La domenica per le via del paese invece si svolge la Fiera "Maiale d'Autore" che è una mostra mercato dei prodotti tipici del territorio con bancarelle di artisti/artigiani locali. La Fiera “MAIALE D'AUTORE” fa parte dell'iniziativa Ritorno alla Fiera, Circuito delle Antiche Fiere del Monferrato Astigiano dell'I.C. Leader Plus promossa dal G.A.L. Basso Monferrato Astigiano.

  • "Gusto all'Oratorio" che si svolge in un sabato sera del mese di luglio in cui animatori e catechisti dell'oratorio parrocchiale cucinano vari piatti che si possono degustare nella suggestiva piazza Goria adiacente all'oratorio parrocchiale. È conosciuta anche come "Sagra degli antipasti" e risale al 2005.
  • "Giornata del Tartufo" che si tiene nella terza domenica di novembre. Questo evento comprende il mercato enogastronomico, l'esposizione dei tartufi (riservata ai cercatori) con relativa premiazione dei migliori esemplari presentati e il pranzo, ovviamente a base di tartufo. Il pranzo ufficiale avviene ogni anno in una sede istituzionale, ma è possibile in questa festa trovare un menù tipico a base di tartufo anche nei ristoranti della zona che aderiscono alla manifestazione.

Persone legate a Villafranca d'Asti[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Il comune ha fatto parte per alcuni anni della comunità collinare Valtriversa, decidendo poi di interrompere tale partecipazione nel 2013.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Unione dei Comuni “Comunità Collinare Valtriversa”, OGGETTO: APPROVAZIONE ACCORDO DI AFFRANCAMENTO PER IL RECESSO DALL’UNIONE DEI COMUNI “COMUNITÀ COLLINARE VALTRIVERSA” DEI COMUNI DI BALDICHIERI D’ASTI E VILLAFRANCA D’ASTI.; deliberazione n° 28 del 30 dicembbre 2013, on-line su www.valtriversa.it (consultato nel luglio 2014)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte