The Unforgettable Fire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Unforgettable Fire
Artista U2
Tipo album Studio
Pubblicazione 1º ottobre 1984
Durata 42 min : 19 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Post-punk[1]
Pop rock[1]
Etichetta Island Records
Produttore Brian Eno, Daniel Lanois
Registrazione Slane Castle Co. Meath, Irlanda e agli Windmill Lane Studios a Dublino
U2 - cronologia
Album precedente
(1983)
Album successivo
(1987)
Singoli
  1. Pride (In the Name of Love)
    Pubblicato: 4 settembre 1984
  2. The Unforgettable Fire
    Pubblicato: 1º aprile 1985
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Ondarock[2] Consigliato (8/10)
Allmusic[1] 4/5 stelle
Rolling Stone[3] 4.5/5 stelle

The Unforgettable Fire è il quarto album degli U2, pubblicato dal gruppo rock irlandese il 1º ottobre 1984. L'album è stato riproposto in versione rimasterizzata il 23 ottobre 2009 in occasione del 25º anniversario dalla sua uscita.

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Slane Castle.

Parte della registrazione di questo album è stata effettuata allo Slane Castle. La band visse per un periodo proprio all'interno di questo castello, adibendo il salotto a studio di registrazione. La sala da ballo dell'edificio venne utilizzato anche per girare parte del videoclip di Pride.[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. A Sort of Homecoming - 5:29
  2. Pride (In the Name of Love) - 3:49
  3. Wire - 4:19
  4. The Unforgettable Fire - 4:55
  5. Promenade - 2:32
  6. 4th of July - 2:15
  7. Bad - 6:09
  8. Indian Summer Sky - 4:18
  9. Elvis Presley and America - 6:22
  10. MLK - 2:32

Pride (In the Name of Love) fu il primo grande successo internazionale del gruppo (raggiunse la top ten in Inghilterra e le top forty negli Stati Uniti, avendo buon successo anche in Italia) e rimane uno dei loro brani più celebri e più spesso riproposti nelle performance dal vivo; ad oggi è stata suonata infatti un totale di 773 volte nel corso di 771 concerti (dato di ottobre 2009).[5][6]

Il remastered[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 ottobre 2009 è uscito The Unforgettable Fire Rimastered, versione appunto rimasterizzata dello storico album degli U2. Questa nuova versione contiene due nuovi brani inediti scritti all'epoca: Disappearing Act e Yoshino Blossom.

  • Formato CD: album rimasterizzato in CD
  • Formato Deluxe: album rimasterizzato in CD e CD bonus con un libretto di 36 pagine
  • Edizione Box set: album rimasterizzato con CD, DVD, un libretto di 56 pagine e 5 fotografie
  • Edizione Doppio Vinile: album rimasterizzato in disco vinile con libretto di 16 pagine

CD bonus[modifica | modifica wikitesto]

  1. Disappearing Act - 4:35 (inedito)
  2. A Sort of Homecoming (live from Wembley Arena, London) - 4:07
  3. Bad (live from NEC, Birmingham) - 8:00
  4. Love Comes Tumbling - 4:52 (B-side di The Unforgettable Fire)
  5. The Three Sunrises - 3:53 (B-side di The Unforgettable Fire)
  6. Yoshino Blossom - 3:39 (inedito)
  7. Wire" (Kevorkian 12" Vocal Remix) - 5:12
  8. Boomerang I - 2:48 (B-side di Pride (In the Name of Love))
  9. Pride (In the Name of Love) (extended single version) - 4:43
  10. A Sort of Homecoming (Daniel Lanois Remix) - 3:10
  11. 11 O'Clock Tick Tock (long version) - 4:11 (B-side di Pride (In the Name of Love))
  12. Wire" (Celtic Dub Mix) - 4:36
  13. Bass Trap - 5:15 (B-side di The Unforgettable Fire)
  14. Boomerang II - 4:50 (B-side di The Unforgettable Fire)
  15. 4th of July (single version) - 2:26 (B-side di Pride (In the Name of Love))
  16. Sixty Seconds in Kingdom Come - 3:15 (B-side di The Unforgettable Fire)

DVD[modifica | modifica wikitesto]

  • The Unforgettable Fire Collection
  1. The Unforgettable Fire (videoclip)
  2. Bad (Live Video)
  3. A Sort of Homecoming (Live)
  4. Pride (In the Name of Love) (Slane Castle Version)
  5. Dietro le quinte di The Unforgettable Fire
  1. MLK
  2. Pride (In the Name of Love)
  3. Bad
  1. Sunday Bloody Sunday
  2. Bad
  • Pride (In the Name of Love) - Sepia Version
  • 11 O'Clock Tick Tock – Versione Bootleg, live al Croke Park, 29 giugno 1985

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Pride (In the Name of Love) - 4 settembre 1984
  • The Unforgettable Fire - 1º aprile 1985

Crediti[modifica | modifica wikitesto]

U2[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Tour promozionale[modifica | modifica wikitesto]

Per promuovere l'album, il gruppo intraprese l'Unforgettable Fire Tour, partito dalla Town Hall di Christchurch il 29 agosto 1984, e conclusosi al Lark By The Lee Festival di Cork il 25 luglio 1985. Per quanto riguarda l'Italia, il tour fece tappa nelle seguenti date:

  • 04/02/1985 - Milano - Teatro Tenda
  • 05/02/1985 - Bologna - Teatro Tenda
  • 06/02/1985 - Bologna - Teatro Tenda

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) The Unforgettable Fire in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ Claudio Fabretti e AA.VV., U2 In the name of love in OndaRock. URL consultato il 31 luglio 2014.
  3. ^ Rolling Stone Album Guide
  4. ^ (EN) www.slanecastle.ie
  5. ^ U2 Pride (In The Name Of Love) - U2 on tour
  6. ^ Pride è uno dei due tributi contenuti nell'album, l'altro è MLK, a Martin Luther King. La canzone era stata inizialmente pensata per il presidente degli Stati Uniti, Ronald Reagan, famoso per il suo orgoglio. Dopo alcune riflessioni, Bono, autore del testo, decise di cambiarlo poiché Reagan, a suo dire, non meritava una canzone. Curiosamente, il verso del brano che si riferisce all'assassinio di Martin Luther King (Early morning, April 4/Shot rings out in the Memphis sky, "mattina presto, 4 aprile/si sente uno sparo nel cielo di Memphis") contiene un errore storico, perché King fu assassinato nel pomeriggio (intorno alle ore 19). Bono ha in seguito cercato di correggere l'errore cantando "early evening" anziché "early morning" in molte versioni dal vivo. Il video del brano era ambientato nella zona del porto di Dublino.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock