Porsche Cayman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Porsche Cayman
Porsche Cayman S (8228752357).jpg
Cayman S (981)
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Porsche
Tipo principale Coupé
Produzione dal 2005
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.380 mm
Larghezza 1.801 mm
Altezza da 1.294 a 1305 mm
Passo 2.475 mm
Massa da 1.320 a 1.350 (a norma DIN) kg
Altro
Stessa famiglia Porsche Boxster
Auto simili Alfa Romeo 4C
BMW Z4 Coupé
Nissan 370Z
Mercedes-Benz Classe SLK

La Porsche Cayman (letteralmente caimano) è una coupé sportiva a due posti secchi e propulsore centrale prodotta dalla casa automobilistica tedesca Porsche; come la sorella Porsche Boxster veniva assemblata - dal 2005 al 2011 - prevalentemente in Finlandia dalla Valmet Automotive, per l'insufficiente capacità produttiva dello stabilimento Porsche di Stoccarda; le parti meccaniche provenivano comunque dalla Germania. Nel periodo di transizione 2011/2012 la Cayman è stata invece assemblata esclusivamente a Stoccarda, così come la Boxster. A partire dalla fine del 2012, le nuove Cayman vengono assemblate nell'ex stabilimento Karmann di Osnabrück, nel frattempo acquisito dal gruppo VAG (Volkswagen/Audi Group) che a sua volta controlla il capitale della Porsche AG.

Direttamente derivata dalla Boxster, di cui rappresenta la versione coupé, la Cayman costituisce insieme a ques'ultima il modello di accesso alla gamma Porsche (sino alla presentazione della futura Porsche Macan).

Cayman 987 mkI[modifica | modifica wikitesto]

2006: la Cayman S[modifica | modifica wikitesto]

Cayman S mkI (anteriore)
Cayman S mkI (posteriore)

In seguito alla presentazione del nuovo modello Porsche Boxster (987) al Salone dell'Auto di Parigi del settembre 2004, iniziano a trapelare notizie circa la prossima entrata in produzione del corrispondente modello coupé, destinato a colmare il vuoto esistente tra la Boxster e la Porsche 911. La Casa di Stoccarda ritiene infatti che vi sia sufficiente mercato per una coupé a due posti secchi e motore centrale, che derivi carrozzeria e meccanica dalla Boxster ma adotti una nuova denominazione (fatto inevitabile, trattandosi di una coupé e non di una roadster).

La Cayman S viene quindi presentata ufficialmente al Salone di Francoforte del 2005 (M.Y. 2006) riscontrando notevole interesse da parte di pubblico e stampa specializzata di tutto il mondo.

Il motore ad iniezione indiretta da 3,4 litri di cilindrata deriva dal 3,2 litri della Boxster M.Y. 2005, ma adotta le soluzioni tecniche del propulsore di 3,6 litri della coeva Porsche 911 (997), quali controllo della fasatura e alzata delle valvole (sistema Variocam Plus), oltre ovviamente alla maggior cubatura: da cui l'aumento di coppia e potenza (dai 280  CV del 3,2 litri a 295  CV). Lo stesso propulsore verrà poi utilizzato sulla Boxster S.

2007: la Cayman[modifica | modifica wikitesto]

Il suffisso S nella denominazione del modello presentato nel 2005 lascia presagire l'esistenza di una versione meno potente, destinata ad entratre in produzione a breve: si tratta infatti della Cayman, che viene presentata nel 2007 ed è dotata del propulsore da 2,7 litri e 245  CV, munito del nuovo variatore di fase (sistema Variocam Plus) già utilizzato sulla Boxster, con identici valori di coppia e potenza.

Caratteristiche del modello[modifica | modifica wikitesto]

Le due versioni della Cayman mkI e la seconda generazione della Boxster condividono propulsori e meccanica, oltre alla maggior parte dei componenti della carrozzeria quali portiere, fari, parabrezza, parafanghi, cofano anteriore e specchi retrovisori, mentre le prese d'aria laterali sono differenti; gli interni sono identici (fatta ovviamente eccezione per la copertura del vano motore e l'assenza della capote).

Il cofano posteriore, apribile al fine di accedere al motore ed al bagagliaio, è ovviamente differente, essendo la Cayman una coupé; il bagagliaio è quindi più grande rispetto alla sorella, mentre quello anteriore è identico. Lo schema delle sospensioni ricalca in pieno quello della Porsche Boxster ma con differente taratura, legata alla maggiore rigidità della scocca, nell'ottica di un utilizzo più sportivo della vettura. I cerchi in lega di alluminio disponibili di serie sono di disegno differente, ma con identiche misure rispetto a quelli della Boxster (rispettivamente 17 pollici sulla versione base e 18 sulla S).

Ovviamente sulla Cayman mancano le componenti elettriche e meccaniche relative alla movimentazione della capote, presenti invece sulla Boxster, ma ciononostante il prezzo di listino della Cayman è - e rimarrà anche in seguito - superiore a quello della corrispondente versione roadster: caso pressoché unico nel panorama della produzione automobilistica mondiale.

Da sottolineare la notevole rigidità torsionale del telaio della Cayman, ottenuta essenzialmente per la presenza del tetto rigido, che la rende una sportiva estremamente efficace ed in grado di insidiare, specie in pista, le prestazioni di vetture con propulsori più prestanti (vedasi la Porsche 911).

Come già accennato, i M.Y. 2007 e 2008 della gamma Boxster utilizzano gli stessi propulsori delle rispettive Cayman, anche a livello di potenza e coppia erogate, fatto che non si verificherà più a partire dal M.Y. 2009 (vedasi in merito la sezione successiva).

Entrambe le versioni della Cayman adottano lo stesso cambio manuale a sei marce, non è quindi utilizzato il cambio a 5 marce della Boxster 2,7. Opzionale per entrambe è il cambio automatico tiptronic S con convertitore di coppia a sei marce; sono inoltre disponibili le sospensioni attive a controllo elettronico (PASM), i freni in carboceramica (PCCB), cerchi fino a 19 pollici, i fari bixeno e numerosi altri accessori, analoghi a quelli presenti nella gamma Boxster.

Cayman 987 mkII[modifica | modifica wikitesto]

M.Y. 2009[modifica | modifica wikitesto]

Cayman mkII (Salone di Parigi 2010)
Cayman mkII (laterale)

Come avviene per la Boxster, anche la Cayman subisce un restyling per il M.Y. 2009, che comporta piccole modifiche di carrozzeria (paraurti, fanaleria, specchi retrovisori) e di propulsori, mentre gli interni restano sostanzialmente invariati, fatta eccezione per lo sterzo ed i sistemi audio e di navigazione.

Con il M.Y. 2009 il propulsore base delle Cayman giunge alla soglia dei 2,9 litri per 265  CV, mentre la Cayman S monta un propulsore sempre da 3,4 litri ma ora erogante 320  CV e dotato del sistema di iniezione diretta del carburante: gli stessi propulsori vengono utilizzati anche per la Boxster ma con 10  CV in meno per ciascuna versione (dovuti essenzialmente alla diversa gestione elettronica) a differenza di quanto avveniva con la 987 mkI, con l'evidente intento di differenziare maggiormente la coupé dalla roadster e contribuire a giustificare il maggior prezzo di listino della Cayman.

Come sul resto della gamma Porsche è ora opzionale il cambio PDK, un doppia frizione a sette marce, attivabile anche con appositi interruttori sullo sterzo (o palette opzionali). Analogamente, viene finalmente reso disponibile in opzione il differenziale autobloccante meccanico, molto richiesto dalla clientela.

Vengono inoltre rinnovati i modelli di cerchi disponibili (sempre da 17 e 18 pollici, rispettivamente sulla versione base e sulla S) nonché i colori esterni.

2010: Cayman R[modifica | modifica wikitesto]

Cayman R

Al termine di una lunga serie di ipotesi più o meno attendibili apparse sulla stampa specializzata, ed in seguito alla richiesta da parte della clientela di una versione di maggiore potenza, a fine 2010 viene finalmente presentata la versione R: sostanzialmente si tratta di una S potenziata di 10  CV - quindi 330  CV in totale - che presenta alcuni particolari tecnici ed estetici modificati.

Il peso della vettura scende rispetto alla S di 55 kg: a tal fine il serbatoio del carburante viene ridotto nella capacità a 54 litri, l'impianto stereo, il climatizzatore ed il portabevande vengono eliminati; vengono adottati inoltre i sedili sportivi a guscio. L'assetto della vettura viene abbassato di 20 mm ed irrigidito rispetto alla S, mentre i cerchi in lega da 19 pollici sono di disegno specifico e più leggeri. Lo spoiler posteriore è ora fisso ed il differenziale autobloccante meccanico viene adottato di serie. Infine, anche la gamma dei colori esterni subisce alcune modifiche.

2012: "canto del cigno" per la 987[modifica | modifica wikitesto]

Le Cayman M.Y. 2011 e 2012 non presentano particolari novità, in attesa del debutto - previsto al salone di Los Angeles del novembre 2012 - della nuova Cayman M.Y. 2013 (sigla interna di progetto: 981) che sarà ovviamente basata sulla terza generazione della Boxster nel frattempo presentata al Salone di Ginevra del 2012.

La Cayman è prodotta sin dal 2005 soltanto presso gli stabilimenti finlandesi della Valmet Automotive (mentre la Boxster è prodotta in parte anche a Stoccarda): la produzione in Finlandia cessa ufficialmente il 2 maggio 2011 con una Cayman R (59.413 esemplari prodotti)[1] e pertanto gli ultimi esemplari di Cayman 987 vengono assemblati anch'essi in Germania, sulle stesse linee utilizzate per l'assemblaggio della sorella roadster (ma anche della 911).

Cayman 981[modifica | modifica wikitesto]

M.Y. 2013[modifica | modifica wikitesto]

Cayman S

Il nuovo modello Cayman, ovviamente basato sulla Boxster 981, viene presentato al salone di Los Angeles del novembre 2012; come previsto, la linea esterna e gli interni ricalcano fedelmente la Boxster 981, da tempo entrata in produzione, anche per quanto riguarda la linea dei fari, le prese d'aria laterali (peraltro leggermente differenti), le fiancate, le portiere, gli specchietti retrovisori ed il parabrezza; differenti i paraurti ed i cerchi in lega, di serie da 18 pollici sulla Cayman e 19 sulla Cayman S (disponibili in opzione fino a 20 pollici). In generale si può quindi affermare che anche sulla Cayman la linea è ora più 'affilata' ed aggressiva, per via delle scalfature sulle fiancate e sul paraurti posteriore, oltre ai fari più allungati.

Le motorizzazioni - stessi propulsori della Boxster 981 e quindi 2,7 e 3,4 litri, entrambi ad iniezione diretta - come previsto guadagnano qualche cv rispetto alle precedenti: nella fattispecie 10 sulla Cayman (275 cv) e soltanto 5 sulla S (325 cv di potenza); come avviene quindi per Boxster e 911, le versioni base sviluppano 50 cv in meno rispetto alle corrispondenti versioni S.

La coppia dichiarata resta invariata sul modello più sportivo (370 nm) e cala leggermente sulla versione base (290 nm). Le prestazioni comunque migliorano leggermente, specialmente per quanto concerne la velocità di punta (vedasi in merito le tabelle riepilogative con i dati tecnici). Il peso diminuisce di poco mentre aumentano leggermente, al pari della sorella roadster, lunghezza, larghezza e passo, mentre la volumetria dell'abitacolo resta sostanzialmente invariata; lo stesso è ora arredato con lo stile inaugurato dalla Porsche Panamera e ripreso poi sul resto della gamma; lo sterzo è lo stesso utilizzato sulle altre sportive di casa Porsche, sono disponibili ora nuovi sedili sportivi, una nuova consolle centrale ed un nuovo sistema di navigazione (tutti ripresi dalla Boxster 981).

Il cambio resta a 6 marce manuale di serie, oltre ovviamente al PDK a 7 rapporti, fatti salvi i rapporti di quest'ultimo, leggermente modificati. Invariata la capacità del serbatoio carburante (64 litri).

Disponibili nuove colorazioni per esterni ed interni; i consumi dichiarati e le emissioni scendono, grazie anche al sistema start&stop rivisto ed al recupero dell'energia in frenata. Vengono inoltre aggiunti alcuni nuovi optional (ad esempio un nuovo sistema audio).

2014: Cayman GTS[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2014 viene presentata la versione GTS (in vendita da maggio): in pratica si tratta di una S incattivita (in sostituzione della precedente versione R) dal momento che sviluppa ora 340 cv a 7400 giri, frutto di modifiche a livello di elettronica (il propulsore è lo stesso della S). La GTS presenta novità a livello estetico: in particolare il paraurti anteriore ridisegnato con nuove e più ampie prese d'aria e fari a LED (novità per la Cayman), il paraurti posteriore modificato nel finto diffusore, le lenti scure dei fari posteriori e lo scarico centrale a doppia uscita in colore nero. La scritta del modello sul cofano è di colore nero opaco.

A livello tecnico si nota la presenza dei cerchi Carrera Turbo da 20" in colore grigio, nero su richiesta; è inoltre presente di serie lo scarico sportivo. Alcune modifiche minori sono visibili anche all'interno, in particolare l'uso esteso dell'Alcantara su sedili, volante, bracciolo, pomello cambio e vani portaoggetti nonché la presenza della scritta GTS sui poggiatesta. Ovviamente il cambio di serie è il classico 6 marce manuale, disponibile come sempre il PDK. Di serie i fari bixeno con PDLS.

A differenza della vecchia versione R, più essenziale negli allestimenti ed alleggerita, ed in analogia con quanto accade già su Panamera e Cayenne, la GTS in pratica è una versione gran turismo, quindi allo stesso tempo ben accessoriata e performante.

La GTS è la Cayman più veloce della storia (285 km/h dichiarati) ed è interessante notare l'aumento di peso di 25 kg rispetto alla S, che determina un miglioramento prestazionale minimo. A circa un anno dal lancio si può dire quindi completa la gamma della Cayman.

Serie limitate[modifica | modifica wikitesto]

2007: Cayman S Porsche Design Edition 1[modifica | modifica wikitesto]

Cayman S Edition 1

Alla fine del 2007 Porsche presenta la Cayman S Porsche Design Edition 1, una serie speciale basata sulla versione S, caratterizzata essenzialmente da modifiche estetiche ispirate ai prodotti Porsche Design e prodotta in 777 esemplari: la carrozzeria è in colore nero con strisce longitudinali ed anche gli interni in pelle e Alcantara sono dominati dal colore nero. Viene inoltre fornita insieme alla vettura una valigetta contenente vari gadget ed un cronografo Porsche Design. I cerchi in lega sono da 19 pollici, sono presenti il sistema PASM e l'assetto sportivo di serie.

2008: Cayman S Sport[modifica | modifica wikitesto]

Cayman S Sport

Nell'autunno del 2008 viene presentata la Cayman S Sport, un allestimento speciale della S prodotto in 700 esemplari, caratterizzato da colorazioni particolari, sistema PASM e assetto sportivo; i cerchi in lega da 19 pollici, gli specchietti retrovisori e le prese d'aria sono in colore nero lucido, mentre alcuni particolari interni sono in Alcantara. I colori disponibili sono arancio, verde, nero, rosso indiano, giallo Speed e bianco Carrara. La Casa di Stoccarda dichiara una potenza aumentata a 303  CV per lo scarico modificato. La Cayman S Sport può essere considerata una sorta di edizione finale della 987 mkI, avendo Porsche nel frattempo presentato il restyling previsto per la nuova gamma Cayman 2009.

2011: Cayman S Black Edition[modifica | modifica wikitesto]

Cayman S Black Edition

Nel maggio 2011 viene presentata una serie limitata, in analogia a quanto già avvenuto per la 911 e la Boxster S Black Edition, caratterizzata da colorazioni sia interne che esterne nere, neri anche terminale di scarico, prese d'aria laterali, scritta posteriore del modello e modanature interne. Vari accessori sono disponibili di serie, quali i cerchi da 19 pollici specifici e verniciati anch'essi in nero, i sedili parzialmente in pelle, i fari bixeno, il navigatore satellitare, il cruise control, il sistema PSM, il volante Sport Design. Vi è poi una targhetta numerata all'interno (gli esemplari prodotti sono 500). Il propulsore è potenziato a 330  CV: in pratica è lo stesso utilizzato sulla Cayman R. Il cambio è lo stesso manuale a 6 marce dell'intera gamma Cayman e Boxster (in opzione il PDK).

Modelli unici[modifica | modifica wikitesto]

Cayman S Facebook Edition[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012, per celebrare i 2 milioni di contatti sul noto social network Facebook, la Porsche ha deciso di creare un esemplare unico di Cayman S da esporre preso il Porsche Museum. Meccanicamente identica alla versione standard, presenta però una livrea ispirata a quella della Porsche 917 K del team Porsche Salzburg che vinse la 24 Ore di Le Mans. Tale livrea però è stata realizzata come un mosaico utilizzando le foto di profilo dei fans della pagina.[2]

Dati tecnici e prestazioni dichiarati[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito i principali valori relativi alle prestazioni dei modelli Cayman, come dichiarati dalla Casa.

987 (M.Y. 2006-2008)[modifica | modifica wikitesto]

Modello Cilindrata
cm³
Potenza
cv
Coppia motrice
Nm
Accelerazione
0-100 km/h
Velocità
km/h
Peso (DIN)
in kg
Cayman (2007-2008) 2.687 245 @ 6.500 rpm 273 @ 4.600-6.000 rpm 6.1 s 258 N.D.
Cayman S 3.436 295 @ 6.250 rpm 340 @ 4.400-6.000 rpm 5.4 s 272 N.D.

987 (M.Y. 2009-2012)[modifica | modifica wikitesto]

Modello Cilindrata
cm³
Potenza
cv
Coppia motrice
Nm
Accelerazione
0-100 km/h
Velocità
km/h
Peso (DIN)
in kg
Cayman 2.893 265 @ 7.200 rpm 300 @ 4.400-6.000 rpm 5.8 s 265 1.330
Cayman S 3.436 320 @ 7.200 rpm 370 @ 4.750 rpm 5.2 s 277 1.350
Cayman R (2011-2012) 3.436 330 @ 7.400 rpm 370 @ 4.750 rpm 5.0 s 282 1.295

981 (M.Y. 2013-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Modello Cilindrata
cm³
Potenza
cv
Coppia motrice
Nm
Accelerazione
0-100 km/h
Velocità
km/h
Peso (DIN)
in kg
Cayman 2.706 275 @ 7.400 rpm 290 @ 4.750 rpm 5,7 s 266 1.310
Cayman S 3.436 325 @ 7.400 rpm 370 @ 4.750 rpm 5,0 s 283 1.320
Cayman GTS (dal 2014) 3.436 340 @ 7.400 rpm 380 @ 4.750-5.800 rpm 4,9 s 285 1.345

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Porsche's Finnish success story: 227,890 Boxsters and Caymans Dal sito Valmet Automotive
  2. ^ Giuseppe Cutrone, Una Porsche Cayman S speciale per Facebook in Motori.it, 19 gennaio 2012. URL consultato il 22 marzo 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Morgan P., Porsche Boxster and Cayman - All models 1996 to 2007, PMM Books, 2007.
  • Schlegelmilch R., Hartmut L., Porsche, Tandem Verlag, 2007.
  • Pasini S. (a cura di), Storia della Porsche, Idea Libri, 2010.
  • Christophorus - Il Porsche Magazin, numeri vari, 2006-2011.
  • Cataloghi e brochure Porsche Cayman 2007-2011.
  • Valmet Automotive newsletter, 2005-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili