Paul Berg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Berg (1980)
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la chimica 1980

Paul Berg (Brooklyn, 30 giugno 1926) è un biochimico statunitense.

Ha organizzato nel 1975 la Conferenza d'Asilomar, attraverso la quale chiese una moratoria sulle manipolazioni genetiche, al fine di evitare che gli organismi geneticamente modificati (OGM) potessero disperdersi nell'ambiente.[1]

Nel 1980 ricevette il Premio Nobel per la Chimica con Walter Gilbert e Frederick Sanger per il suo lavoro sugli acidi nucleici.

Utilizzò traccianti radioisotopici (isotopi del carbonio e dell'azoto) per studiare i prodotti intermedi del metabolismo, aiutando a comprendere come il cibo viene convertito in materiale cellulare. Descrisse la conversione di acido formico, formaldeide e metanolo in gruppi metilici della metionina. Fu anche uno dei primi a dimostrare il ruolo dell'acido folico e dei cofattori B12 nei processi menzionati.

Il 25 giugno 1996 è stato eletto membro della Pontificia Accademia delle Scienze.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Lezione inaugurale di Anne Fagot-Largeau al Collège de France
  2. ^ http://www.pas.va/own/documents/bergnew.html

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 52821352 LCCN: nr91001139