Venkatraman Ramakrishnan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Venkatraman Ramakrishnan
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la chimica 2009

Venkatraman Ramakrishnan (Chidambaram, 1952) è un biologo indiano naturalizzato britannico, vincitore del premio Nobel per la chimica nel 2009 assieme a Thomas Arthur Steitz e Ada Yonath per i suoi studi sulla struttura e sulla funzione dei ribosomi.

Attualmente lavora a Cambridge presso il laboratorio di biologia molecolare del Medical Research Council.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo essersi laureato in fisica nel 1971 presso l'Università di Baroda, decise di trasferirsi negli Stati Uniti e di prendere la cittadinanza statunitense.[1] Nel 1976 ottenne un Ph.D. in fisica presso l'Università dell'Ohio.[2] Dal 1976 al 1978 ha poi lavorato come ricercatore presso l'Università della California a San Diego.[1]

Dal 1977 a oggi Ramakrishnan ha pubblicato oltre 95 lavori di ricerca nelle più importanti riviste scientifiche internazionali.[3] Fra i suoi principali lavori di questo periodo hanno notevole rilevanza quelli sulla struttura dell'Istone e della cromatina.[4] Nel 2000, il laboratorio da lui diretto ha determinato la struttura tridimensionale della subunità 30S dei ribosomi e dei complessi formati con substrati e antibiotici.[5] I risultati di queste ricerche sono riportati in tre articoli nei numeri del 26 agosto e del 21 settembre 2000 della rivista Nature.[1] A questo lavoro sono seguiti studi sulla sintesi proteica e sulla struttura atomica dell'intero ribosoma in complessi formati con il suo tRNA e mRNA.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Venkatraman Ramakrishnan: A profile Venkatraman Ramakrishnan: A profile in The Times of India. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  2. ^ (EN) Indian origin scientist V Ramakrishnan wins 2009 Chemistry Nobel in Rediff News. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  3. ^ (EN) Publications (Venki Ramakrishnan), Laboratory of Molecular Biology. URL consultato il 7 ottobre 2009.
  4. ^ (EN) About the PNAS Member Editor, PNAS. URL consultato il 7 ottobre 2009.
  5. ^ (EN) Welcome to the Ramakrishnan Lab web page, Laboratory of Molecular Biology, 2004. URL consultato il 7 ottobre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]