Nicolò Sagredo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicolò Sagredo
Girolamo Forabosco, Ritratto del doge Nicolò Sagredo.
Girolamo Forabosco, Ritratto del doge Nicolò Sagredo.
Doge di Venezia
In carica 6 febbraio 1675 –
14 agosto 1676
Predecessore Domenico II Contarini
Successore Alvise Contarini
Nome completo Nicolò Sagredo
Nascita Venezia, 18 dicembre 1606
Morte Venezia, 14 agosto 1676
Sepoltura Chiesa di San Francesco della Vigna, Venezia
Dinastia Sagredo
Padre Zaccaria Sagredo
Madre Paola Foscari
Religione Cattolico

Nicolò Sagredo (Venezia, 18 dicembre 1606Venezia, 14 agosto 1676) fu il centoquinto doge della Repubblica di Venezia dal 6 febbraio 1675 alla morte.

Se dal punto di vista internazionale, dopo la pace coi turchi del 1669, non accadde nulla, dal punto di vista interno la vita procedette tranquilla, tra feste e fasti.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Zaccaria e Paola Foscari, la vita politica del Sagredo non fu mai notevole e venne inizialmente bloccata per colpa del padre che, colpevole di viltà dinanzi al nemico (Valeggio nel 1630), impedì ai figli e ai parenti di far carriera. La vergogna gli impedì di raggiungere i vertici però, durante la guerra di Candia, la morte di alcuni parenti in modo eroico ed i floridi guadagni famigliari gli permisero di ambire ad ambasciate e, col tempo, diventare procuratore.
I cronisti lo mostrano come uomo mediocre, non un vero politico ma con alcune qualità.

Dogato[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte del vecchio Domenico II Contarini riuscì facilmente a farsi eleggere grazie alle sue amicizie ed al fatto che, come si richiedeva all’epoca, non era una grande personalità. La gioia per l’ambita carica si palesò con splendide feste e numerosi regali. La festa dello sposalizio col mare del 1675 rimase famosa per lungo tempo per fasto e magnificenza.

A prescindere da feste e banchetti il Sagredo però offrì poco altro se non una (poco) attenta politica di risparmio per riprendersi dalla lunga guerra di Candia, appena conclusa. Morì il 14 agosto 1676 dopo tre giorni di coma, e fu sepolto nella chiesa di San Francesco della Vigna.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Doge di Venezia Successore
Domenico II Contarini 6 febbraio 1675 - 14 agosto 1676 Alvise Contarini

Controllo di autorità VIAF: 210045168