Orso (doge)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orso Ipato
Doge di Venezia
Doge Orso Ipato.png
In carica 726-737
Predecessore Marcello Tegalliano
Successore Domenico Leone
(Magister Militum)

Orso, spesso ricordato con il titolo di ipato (... – 737), fu, secondo la tradizione, il terzo doge della Repubblica di Venezia.

Salì al potere verso il 726-727 e fu probabilmente il primo dux ad essere nominato per volontà dei Venetici e non del potere centrale. Si era, infatti, negli anni in cui l'imperatore Leone III iniziava la sua politica iconoclasta, provocando l'opposizione di papa Gregorio II e la sollevazione di tutta l'Italia bizantina.

Pronto a dirigere le truppe venetiche contro il governo centrale, in seguito Orso riuscì a riappacificarsi con l'imperatore, il quale riconobbe la sua carica assegnandogli il titolo di ypatus.

Fu deposto e ucciso nel 737 durante una rivolta di aristocratici, non è chiaro di che fazione. In sua sostituzione l'esarca di Ravenna non nominò un nuovo doge e insediò un magister militum in carica un anno. Il ritorno a questa forma amministrativa segnò una ripresa del potere centrale rispetto all'autonomia cui aspiravano i Venetici.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gerhard Rösch, Deodato in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 39, Treccani, 1991. URL consultato il 1º marzo 2012.
  • Gherardo Ortalli, Deusdedit in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 39, Treccani, 1991. URL consultato il 1º marzo 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Doge di Venezia Successore Flag of Most Serene Republic of Venice.svg
Marcello Tegalliano 726-737 Domenico Leone
(Magister Militum)