Girolamo Priuli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Girolamo Priuli
Jacopo Tintoretto, Ritratto del doge Girolamo Priuli.
Jacopo Tintoretto, Ritratto del doge Girolamo Priuli.
Doge di Venezia
Coat of arms of the House of Priuli.svg
In carica 1º settembre 1559 –
4 novembre 1567
Predecessore Lorenzo Priuli
Successore Pietro Loredan
Nome completo Girolamo Priuli
Nascita Venezia, 1486
Morte Venezia, 4 novembre 1567
Sepoltura Chiesa di San Domenico di Castello, Venezia (non più esistente)
Dinastia Priuli
Padre Alvise Priuli
Madre Chiara Lion
Consorte Elena Diedo
Figli Un figlio
Religione Cattolico

Girolamo Priuli (Venezia, 1486Venezia, 4 novembre 1567) era il fratello maggiore del precedente doge Lorenzo Priuli, al quale successe il 1º settembre 1559, divenendo in tal modo l'83° doge della Repubblica di Venezia, carica che mantenne fino alla morte.

Figlio di Alvise e di Chiara Lion, uomo poco acculturato (rispetto invece al fratello) e di scarso eloquio, inizialmente poco amato dal popolo, riuscì comunque a farsi apprezzare grazie all’instancabile opera in qualità di doge. Il suo dogato fu pacifico e, salvo alcuni eventi climatici e le solite epidemie, endemiche nel mondo medioevale – rinascimentale, le forze dello stato furono concentrate ad abbellire la città piuttosto che a potenziare l'esercito.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Abile mercante, sin da giovane riuscì ad arricchirsi con facilità e, pur non essendo mai considerato un maggiorente, presto riuscì a farsi un nome nel mondo degli affari. Sposato con Elena Diedo, ebbe un figlio. Non aveva mai fatto un'importante carriera pubblica ma era divenuto procuratore di San Marco. Molto affezionato al fratello Lorenzo aveva benedetto di buon grado la sua elezione a doge nel 1556 (essendo fratello maggiore, e quindi il più anziano,Girolamo venne chiamato a dar il suo consenso in modo simbolico al fratello più giovane, anche se, quasi sicuramente, la sua volontà era ininfluente). La morte di Lorenzo lo colse di sorpresa e quando iniziarono gli scrutini lui non era tra i favoriti.

Dogado[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la bocciatura di tutti i candidati più importanti la maggior parte dei voti conversero su di lui il 1 settembre 1559 elevandolo all’alta dignità. Era dal 1486 che due fratelli non si succedevano l’un l’altro direttamente e non sarebbe mai più accaduto. Durante gli otto anni del suo dogado non avvennero importanti fatti internazionali che coinvolgessero la Repubblica salvo la fine del Concilio di Trento (1563). In quegli anni il Sansovino compì notevoli opere architettoniche, contribuendo ad abbellire Venezia. Null’altro di notevole accadde fino al giorno della morte del doge, a causa d’un colpo apoplettico, il 4 novembre 1567.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Doge di Venezia Successore
Lorenzo Priuli 1º settembre 1559 - 4 novembre 1567 Pietro Loredan

Controllo di autorità VIAF: 68766105 LCCN: nr00001571