Pietro Tradonico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Tradonico
Doge di Venezia
Doge Pietro Tradonico.png
In carica 840-864
Predecessore Giovanni I Participazio
Successore Orso I Participazio

Pietro Tradonico (Pola, ... – Venezia, 13 settembre 864) fu, secondo la tradizione, il tredicesimo Doge della Repubblica di Venezia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era un nobile originario di Pola. Venne eletto al dogado, interrompendo così la dinastia dei Participazio. Subito dopo la sua elezione nominò co-reggente il figlio Giovanni, che però morì prima di lui, vanificando così il suo tentativo di trasmettergli la carica. Era analfabeta ed all'archivio di Stato di Venezia si conservano ancora alcuni documenti con il suo signum manus. Dovette scontrarsi con i saraceni che avevano preso Bari e Taranto, e che successivamente sconfissero Venezia nella battaglia di Sansego (isoletta a sud di Pola), quindi combatté con scarsa fortuna i pirati che infestavano le acque dell'adriatico. La sua autorità venne però riconosciuta sia da Lotario I, che con il patto di Lotario dell'anno 840 riconobbe l'indipendenza di Venezia ed il suo dominio sulla laguna fino ad acquas salsas, sia da Bisanzio, cho lo nominò suo spatario ed ipato.

Nell'anno 863 l'Imperatore Ludovico II si recò a Venezia, ma pare proprio che sotto il dogado di Pietro Tradonico le monete veneziane abbiano smesso di riportare il nome dell'Imperatore d'Occidente, sostituito da Criste salva Venecias.

Fu pugnalato il 13 settembre dell'anno 864, all'uscita dalla messa per l'anniversario della consacrazione della chiesa di San Zaccaria, e fu sepolto nella chiesa medesima. I congiurati furono processati e condannati, alcuni alla pena capitale, altri all'esilio.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Doge di Venezia Successore Flag of Most Serene Republic of Venice.svg
Giovanni I Participazio 836-864 Orso I Participazio
con Giovanni Tradonico (836-...)