Alvise II Mocenigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alvise II Mocenigo
Alvise II Mocenigo.jpg
Doge di Venezia
Coat of arms of the House of Mocenigo.svg
In carica 17 luglio 1700 –
6 maggio 1709
Predecessore Silvestro Valier
Successore Giovanni II Cornaro
Nome completo Alvise Mocenigo
Nascita Venezia, 4 agosto 1647
Morte Venezia, 6 maggio 1709
Dinastia Mocenigo
Padre Alvise Mocenigo
Madre Adriana Grimani
Religione Cattolico

Alvise II Mocenigo (Venezia, 3 gennaio 1628Venezia, 6 maggio 1709) fu il centodecimo doge della Repubblica di Venezia dal 17 luglio 1700 sino alla morte.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Alvise e di Adriana Grimani, proveniva da una famiglia ricchissima e lo stesso Alvise era impegnato in fruttosi commerci con l'Oriente. Amava particolarmente il lusso e lo sfarzo.

La carriera politica lo aveva visto consigliere ducale, podestà di Padova (1684-1686) e amministratore della Morea.

Dogato[modifica | modifica wikitesto]

Eletto il 17 luglio del 1700 con 40 voti favorevoli su 41 (dietro ci furono probabilmente dei brogli), accompagnò la sua nomina con sontuose feste.

Durante il suo dogato non si verificarono particolari avvenimenti. Risparmiò alla Serenissima i subbugli scaturiti dalla guerra di successione spagnola mantenendo la neutralità.

La salute dell'anziano doge fu letalmente compromessa dopo il rigido inverno 1708-1709: alla sua morte confermò la sua profonda devozione, per alcuni versi esagerata e bigotta, lasciando un capitale da spendere in quattromila messe in suffragio e 1.000 all'anno da offrire ai conventi in occasione delle commemorazioni, che sarebbero avvenute a San Stae.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Doge di Venezia Successore
Silvestro Valier 1700-1709 Giovanni II Cornaro