Ludwig von Mises Institute

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ludwig von Mises Institute
Misescrest.gif
Motto Tu ne cede malis, sed contra audentior ito
Fondazione 1982
Tipo Privato
Fondatore Lew Rockwell
Presidente Lew Rockwell
Sede 518 West Magnolia Avenue, Auburn (Alabama)
Sito web www.mises.org

Il Ludwig von Mises Institute, con sede in Auburn (Alabama), è un'organizzazione accademica liberale di orientamento liberista che tratta argomenti di carattere filosofico, economico e inerenti all'economia politica. La visione economica e politica dell'istituto è indirizzata verso la scuola austriaca, e in particolar modo verso Ludwig von Mises, al quale è stato dedicato l'istituto. L'organizzazione si basa unicamente su donazioni private e non ha mai accettato contratti di lavoro con corporazioni o altre organizzazioni.

Gli stessi vertici del Mises Institute non considerano l'istituto un think tank. Ha avuto collaborazioni con il repubblicano Ron Paul e con organizzazioni come la Foundation for Economic Education. Ha sempre negato ogni contatto con partiti politici, compreso il Libertarian Party, ed ha sempre rifiutato ogni finanziamento proveniente dalla politica.

Nonostante ci siano molte altre organizzazioni nel mondo, come in Belgio, Polonia, Argentina, Messico, Russia e Brasile, aventi lo stesso nome, l'istituto non ha nessun tipo di contatto con essi.

Il motto ufficiale, ovvero "Tu ne cede malis sed contra audentior ito" ("Non lasciarti opprimere dalle calamità, ma va loro incontro coraggiosamente"), è tratto dall'Eneide di Virgilio. Il suo utilizzo deriva dal fatto che questa locuzione veniva spesso citata dallo stesso Mises per simboleggiare la linea guida di tutta la sua vita.

Nascita[modifica | modifica sorgente]

Il Ludwig von Mises Institute nacque nel 1982 per volere di Margit von Mises, vedova del famoso economista, la quale fece parte dell'amministrazione fino alla sua morte, avvenuta nel 1993. Il fondatore, nonché attuale presidente, è Lew Rockwell, mentre l'economista che più ha influenzato l'istituto, oltre ovviamente a von Mises, è stato Murray N. Rothbard, il quale ha ricoperto la carica di vicepresidente fino alla sua morte, nel 1995. Altri economisti importanti che hanno partecipato attivamente alla nascita e allo sviluppo dell'organizzazione sono stati Friedrich von Hayek, Lawrence Fertig, Henry Hazlitt e molti altri.

Missione ed attività[modifica | modifica sorgente]

Lo statuto dell'Istituto stabilisce chiaramente come mission la lotta ad ogni forma di statalismo. La sua metodologia si basa sulla prasseologia, ovvero sul metodo esposto da Mises in Human Action. La teoria economica espressa considera dannoso e perverso ogni intervento statale, sia esso welfare, inflazione o tassazione. L'istituto critica nello stesso modo il comunismo e il cosiddetto sistema americano dell'800.

Facciata del Mises Institute

Con oltre 250 membri e migliaia di donatori da tutto il mondo, il Mises ha sponsorizzato centinaia di conferenze e meeting aventi diversi argomenti, che vanno dalla politica monetaria alla guerra.

La maggioranza dei membri ha spesso espresso molte critiche nei confronti delle scelte governative e delle tendenze economiche che gli Stati Uniti hanno intrapreso negli ultimi decenni. L'Istituto si caratterizza per uno spiccato liberismo, una politica estera non-interventista, un approccio individualista e una difesa del libero mercato, della libertà e della proprietà.

Il sito internet offre una vasta schiera di articoli e libri di grandi economisti austriaci della storia, come lo stesso von Mises, Murray N. Rothbard e Friedrich von Hayek. Il campus attuale dell'Istituto è stato costruito in stile vittoriano nel 1998, mentre prima del 1998 si trovava in un dipartimento della Auburn University.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

Periodici[modifica | modifica sorgente]

Dal 2006 l'Istituto pubblica sette periodici. The Free Market, pubblicato mensilmente, analizza la scena economico-politica da un punto di vista liberale classico. Le Austrian Economics Newsletter contengono interviste ad importanti economisti facenti parte del filone della scuola austriaca. The Mises Review analizza i nuovi libri inerenti alle scienzi sociali. The Mises Memo viene utilizzato per pubblicizzare pubblicazioni e conferenza dell'istituto.

Quarterly Journal of Austrian Economics

Quarterly Journal of Austrian Economics contiene importanti saggi ed articoli inerenti ai soli temi economici, mentre Journal of Libertarian Studies tratta le implicazione e le applicazioni politiche delle teorie austriache.

Insieme ad essi si può trovare Reason Papers, un giornale che appare annualmente. Fu fondato nel 1974 e fu inizialmente edito da Tibor R. Machan.

Oltre a questi periodici ne troviamo altri due, non più pubblicati, che sono The Libertarian Forum e Left and Right: A Journal of Libertarian Thought. Entrambi diretti da Rothbard, il primo uscì tra il 1969 e il 1984 mentre il secondo venne pubblicato dal 1965 al 1968.

Dall'agosto 2006 inoltre viene pubblicato da Jeffrey Tucker Daily Articles, dove si possono trovare saggi e articoli scritti da importanti docenti ed economisti. negli ultimi due anni ha avuto circa 25.000 iscrizioni al suo sito internet.

Libri[modifica | modifica sorgente]

Oltre ai periodici l'istituto ha pubblicato più di 50, tra libri e pamphlet. Ricordiamo i maggiori:

  • Human Action, Ludwig von Mises (1949)
  • Man, Economy, and State, Murray Rothbard (1962)
  • For A New Liberty, Murray Rothbard (1973)
  • The Case for Gold, Ron Paul (pubblicato dal Cato Institute nel 1982, è stato ripubblicato dal Mises nel 2007)
  • Mises and Austrian Economics, Ron Paul (1984)
  • Reassessing the Presidency, John V. Denson (2001)
  • The Myth of National Defense, Hans-Hermann Hoppe (2003)

Programmi di studio e divulgazione[modifica | modifica sorgente]

L'Istututo investe in molti programmi tesi ad educare studenti da un punto di vista accademico ed economico.

Internet[modifica | modifica sorgente]

Il test Are You An Austrian? individua il grado di vicinanza rispetto all'economia austriaca e alle sue teorie. Questo quiz contiene domande inerenti al concetto di proprietà privata, al ruolo dello Stato in economia e al valore della moneta.

Il sito web dell'istituto contiene una grande varietà di testi economici e filosofici, ovviamente di "tendenze austriache", liberamente accessibili. A maggio 2008 si stima che il sito abbia circa 3.000 testi, tra i quali 239 libri. Inoltre il sito ha creato una comunità virtuale dove studenti ed economisti di tutto il mondo si incontrano per discutere di teoria, attualità, conferenze, ecc. Nel 2008 il sito registra quasi 3.000 iscritti, oltre 22.000 post scritti e dozzine di blog attivi.

Oltre a tutto ciò esiste anche un importante catalogo dove si possono trovare documenti RSS e video in formato BitTorrent.

Il sito conta al mese oltre 1,2 milioni di pagine visitate, circa 750.000 visitatori, e, nel luglio 2006, ha trasferito più di due terabyte di dati.

Conferenze[modifica | modifica sorgente]

L'Austrian Scholars Conference è un meeting interdisciplinare organizzato dall'Istituto, nel quale l'argomento principale è l'economia, ovviamente da un punto di vista "austriaco". Dura generalmente tre giorni, e spesso presenta papers preparati da economisti austriaci.

La Mises University, creata nel 1986, è una serie di eventi e incontri che avvengono in una settimana d'estate. In media raccoglie ogni anno dai 100 ai 125 studenti, provenienti da tutto il mondo (in media il 30% proviene dall'Europa).

Durante tutto l'anno l'organizzazione ospita e dirige convegni; generalmente le conferenze vengono guidate da un membro dell'Istituto stesso.

Borse di studio[modifica | modifica sorgente]

L'Istituto finanzia e consegna anche borse di studio durante tutto l'anno, tra le quali ricordiamo la Peg Rowley Summer Fellowship e la Kurzweg Fellowship; l'ultima edizione della Kurzeg è stata assegnata a Walter Block, il quale l'ha devoluta in beneficenza per le vittime dell'Uragano Katrina.

Premi accademici[modifica | modifica sorgente]

Per mantenere la sua tradizione di sostegno e riconoscimento, l'Istututo ogni anno consegna dei premi accademici a singoli individui che si sono fatti notare grazie alla difesa dei valori libertarian che guidano il Mises.

Murray N. Rothbard Medal of Freedom

Tra i premi maggiori troviamo il Gary G. Schlarbaum Prize, che consiste in una donazione di $ 10.000 fatta ad un intellettuale che si è distinto per la difesa di valori liberali, quali libertà, proprietà. Un altro riconoscimento importante è la Murray N. Rothbard Medal of Freedom, dedicata al grande economista statunitense e consegnata annualmente ad un "personaggio libertario" che ha dimostrato grande impegno nella difesa di quei valori; nel 2008 tale premio è andato a Ron Paul. Altri premi sono: Lawrence W. Fertig Prize in Austrian Economics ($ 1.000), O.P. Alford III Prize in Libertarian Scholarship ($ 1.000), The Douglas E. French Prize ($ 2.500), George and Joele Eddy Prize ($ 1.000), Ludwig von Mises Entrepreneurship Award, The Elgin Groseclose Award, The George F. Koether Free-Market Writing Award ($ 2.500) e The Frank T. and Harriet Kurzweg Award ($ 5.000).

Membri ed amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Membri storici[modifica | modifica sorgente]

Membri aggiunti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]