John Gotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Joseph Gotti jr.

John Joseph Gotti jr. (New York City, 27 ottobre 1940Springfield, 10 giugno 2002) è stato un criminale statunitense, di origini italiane. Fu anche conosciuto con i due soprannomi di "The Dapper Don" e "The Teflon Don"; si meritò il primo per la sua spiccata eleganza, mentre il secondo per la facilità con cui riusciva a far scivolare da sé tutte le accuse a lui rivolte (fu proprio quest'ultima caratteristica a spingere il suo uomo di fiducia e killer Salvatore "Sammy The Bull" Gravano a tradirlo, per paura di vedersi addossate tutte le responsabilità ed essere condannato al suo posto).

Dopo aver fatto assassinare il suo primo capo Paul Castellano, diventò boss della famiglia criminale Gambino, una delle più potenti Cinque Famiglie di New York City. Divenne ampiamente conosciuto tramite i mass media per la sua personalità esuberante e lo stile sgargiante, che ne causarono poi la caduta. Nel 1992, Gotti fu arrestato con le accuse di ricatto, 13 omicidi, intralcio alla giustizia, furto, istigazione a commettere omicidio, gioco d'azzardo illegale, estorsione, evasione fiscale, usura ed altri crimini, per i quali fu condannato alla prigione a vita dove morì 10 anni dopo.

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Gotti nacque nel Bronx da genitori originari di San Giuseppe Vesuviano, in provincia di Napoli, John Gotti Sr e Philomena "Fannie" Gotti. Aveva 12 anni quando la sua famiglia si trasferì a Sheepshead Bay, Brooklyn, dove lui ed i fratelli Peter e Richard entrarono a far parte di una locale gang di strada. Agli inizi dell'estate del 1954, mentre tentava di rubare un miscelatore di cemento, questo si ribaltò andando a schiacciargli un piede; d'allora per il resto della vita, Gotti camminò zoppicando.

Nel 1962, Gotti sposò Victoria DiGiorgio; la coppia ebbe cinque figli: Angela (Angel), Victoria, John Angelo III, Peter e Frank.

Carriera criminale[modifica | modifica wikitesto]

La carriera criminale di Gotti con i Gambino iniziò rubando merce dall'aeroporto di Idlewild ( in seguito rinominato Aeroporto internazionale John F. Kennedy) fuori dal Bergin Hunt e dal Fish Club a Ozone Park, Queens. Un camion sparì dall'area di carico della United Airlines insieme a 30.000 dollari di merce. Alcuni giorni più tardi, l'FBI cominciò a sorvegliare Gotti e Ruggiero e li sorprese mentre movimentavano le merci; l'FBI fece irruzione ed arrestò Gotti e due complici.

Nel febbraio 1968, gli impiegati della compagnia United Airlines identificarono Gotti come la persona che firmò per la merce che fu poi rubata; l'FBI lo arrestò per il furto alla United poco dopo. Due mesi dopo, mentre era fuori, Gotti fu arrestato una terza volta per furto (un carico di sigarette del valore di 500.000 dollari sull'Autostrada del New Jersey). Alla fine di quell'anno Gotti fu dichiarato colpevole per il furto NorthWest e condannato a 4 anni da scontare nel Penitenziario Federale di Lewisburg. I procuratori evitarono le accuse per il furto di sigarette; tuttavia Gotti fu condannato per il furto alla United. Rimase poco più di 3 anni a Lewisburg.

Dopo l'uscita di prigione, fu messo alla prova e gli fu ordinato di cercarsi un lavoro onesto. Tornò alla sua vecchia banda al Bergin club, dove lavorava ancora Carmine Fatico. Fatico fu accusato di usura e fece di Gotti il sostituto caporegime della Banda del Bergin che rispondeva a Carlo Gambino e Aniello Dellacroce. La banda di Gotti ad ogni modo fu sorpresa mentre rubava eroina, contro le regole della "famiglia". Gotti e gli altri ebbero sei scontri a fuoco con Paul Castellano e le sue guardie del corpo, finché riuscirono ad ucciderlo fuori dallo Sparks Steak House, un ristorante a Manhattan. Gotti prese così il controllo della famiglia.

Gotti fu arrestato molte volte nella sua carriera, e fu ristretto nelle prigioni federali di molti stati, ricevendo diversi capi d'accusa, compresa quella per omicidio non premeditato, in relazione alla morte nel 1973, in una taverna di Staten Island, di James McBratney, un gangster irlandese-americano di basso livello, che aveva rapito ed ucciso Emmanuel Gambino, nipote di Carlo Gambino.


Morte di Frank Gotti[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 marzo 1980, il dodicenne Frank Gotti, che era il minore dei figli di John Gotti, fu investito e ucciso sulla sua bicicletta dal vicino John Favara, il cui figlio era suo amico. La polizia stabilì che Favara non era responsabile dell'incidente, che fu ufficialmente classificato come accidentale, e nessun provvedimento fu preso contro di lui. Ad ogni modo, nel mese successivo, la parola ASSASSINO fu scritta con la vernice spray sull'auto di Favara. Il 28 maggio, Victoria DiGiorgio, madre di Frank, aggredì Favara con una mazza da baseball di metallo, mandandolo all'ospedale. Favara non sporse denuncia e pianificò di andare via da Howard Beach. Ma successivamente, secondo l'FBI, il 28 luglio 1980, Favara fu rapito ed ucciso da membri della banda di Gotti, mentre lui e sua moglie erano fuori città.

Processo e imprigionamento[modifica | modifica wikitesto]

Gotti era da tempo sotto sorveglianza elettronica da parte dell'FBI; fu registrato su un nastro mentre discuteva il numero degli omicidi ed altre attività criminali. L'FBI inoltre immortalò Gotti mentre denigrava il suo capomandamento, Salvatore "Sammy The Bull" Gravano. L'11 dicembre 1990, agenti dell'FBI e detective di New York City fecero irruzione nel Ravenite Social Club ed arrestarono Gotti, Gravano, Frank Locascio e Thomas Gambino.

Gotti fu accusato di 13 omicidi (includendo Paul Castellano e Thomas Bilotti), cospirazione per commettere omicidio, usura, racket, ostacolo alla giustizia, gioco d'azzardo illegale, evasione fiscale.

Gotti fu portato nella Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Orientale di New York sotto il giudice Leo Glasser. Le prove che il procuratore federale mostrò furono schiaccianti. Non solo aveva le registrazioni su nastro, ma anche diversi testimoni pronti a deporre contro Gotti. Philip Leonetti, un caporegime nella violenta famiglia criminale di Philadelphia, testimoniò che Gotti si era vantato di aver dato l'ordine per l'uccisione di Castellano. Quindi Gravano, il caporegime di Gotti, acconsentì volontariamente a testimoniare contro il suo boss, stessa cosa fece il "consigliere" LoCascio con la promessa di entrare nel Programma di Protezione Testimoni. Il 2 aprile 1992 dopo solo 13 ore di deliberazione, la giuria dichiarò Gotti e LoCascio colpevoli di tutte e 13 le accuse. Il 23 giugno 1992 il giudice Glasser condannò Gotti al carcere a vita senza la possibilità di libertà condizionata. Fu mandato nel Penitenziario Statale a Marion (Illinois), dove era tenuto in cella per 23 ore al giorno. Dopo 4 giorni, suo padre morì di attacco cardiaco. Dopo aver subito una aggressione in prigione, si dice che Gotti abbia offerto 100.000 dollari alla Fratellanza ariana per uccidere Walter Johnson, un afroamericano che lo aveva brutalmente picchiato. Gotti era certo che la sua offerta sarebbe stata accettata, ma i secondini capirono che Johnson era in pericolo e lo spostarono in un luogo diverso, ed infine in un'altra prigione, da dove uscì poi sulla parola.

Morte e funerale[modifica | modifica wikitesto]

Gotti morì di cancro alla gola nel pomeriggio del 10 giugno 2002, presso il Centro Medico Statunitense per i Prigionieri Federali a Springfield, Missouri, dove era stato trasferito dopo la diagnosi. Aveva la porzione inferiore della mandibola rimossa a causa del cancro, ed era alimentato attraverso un tubo. Il corpo di Gotti fu portato a New York su un jet privato. Fu vestito con un completo blu e messo in uno scrigno di bronzo per 2 notti di veglia al Papavero Funeral Home. Limousine e auto piene di fiori sfilarono per le strade, mentre otto persone portarono la bara. La processione funebre passò davanti alla sua casa e al suo quartier generale, sulla via per il cimitero. La Diocesi Cattolica di Brooklyn annunciò che la famiglia Gotti non avrebbe ricevuto una cerimonia di sepoltura cristiana, ma le sarebbe stata concessa una messa di requiem dopo la sepoltura.

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Boss della famiglia Gambino[modifica | modifica wikitesto]



Salvatore D'Aquila
1909 - 1928

Al Mineo
1928 - 1930

Frank Scalice
1930 - 1931

Vincent Mangano
1931 - 1951

Albert Anastasia
1951 - 1957

Carlo Gambino
1957 - 1976

Paul Castellano
1976 - 1985

John Gotti
1985 - 2002

Peter Gotti
2002 - 2011

Domenico Cefalù
2011 - Attualmente


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 20484666

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie