Dutch Schultz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dutch Schultz

Dutch Schultz, nato Arthur Simon Flegenheimer, e soprannominato «l'olandese» (New York, 6 agosto 1902New York, 24 ottobre 1935), è stato un criminale statunitense, legato al cosiddetto "Sindacato ebraico".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Arthur Simon Flegenheimer nacque nel Bronx (New York) il 6 agosto 1902, figlio di Hermann e Emma Flegenheimer, ambedue poveri immigrati tedeschi di origine ebraica. Il padre abbandonò la famiglia quando lui era ancora bambino; fu in questo periodo che Flegenheimer abbandonò la scuola e si unì alle gang di microcriminalità minorile nel Bronx, venendo condannato nel 1919 a diciassette mesi di riformatorio per furto con scasso, tentando più volte di evadere[1]. Dopo il suo rilascio, Flegenheimer venne conosciuto con il soprannome di Dutch Schultz, affibbiatogli dai suoi compagni sia per i suoi metodi violenti sia per il suo aspetto fisico.[2].

Nel 1920 Schultz passò al servizio del gangster ebreo Arnold Rothstein insieme a Lucky Luciano, Frank Costello, Meyer Lansky, Bugsy Siegel e Jack Legs Diamond[3], con cui si occupò del contrabbando di alcolici e stupefacenti[4]. Nel 1928 Schultz si mise in proprio, lavorando con il gangster Joey Noe, proprietario di uno speakeasy nel Bronx, che divenne ben presto il migliore amico di Schultz, il quale costringeva i clienti con la violenza a comprare i loro alcolici. Insieme a Joey Noe e ai suoi nuovi soci, Vincent Mad Dog Coll e Abe Bo Weinberg, Schultz spostò la sua vendita di alcolici a Manhattan, dove entrò in diretta concorrenza con il suo ex socio irlandese Legs Diamond[1]. Ebbe come collaboratore anche il gangster di origini napoletane, Carlo Campanella.

Il 15 ottobre 1928, Joey Noe, braccio destro di Schultz, venne ucciso su ordine di Diamond. Schultz allora ordinò l'uccisione di un socio di Diamond per rappresaglia[2]. Infine nel 1931 Diamond venne assassinato dai killer dello stesso Schultz[5]. Nel frattempo Vincent Coll rubò alcuni carichi di alcolici di Schultz e ciò causò un conflitto, che provocò un certo numero di morti in entrambi i campi. La rivalità durò finché Coll venne ucciso nel 1932 in una cabina telefonica dagli uomini di Schultz, che gli spararono con una mitragliatrice Thompson[6].

Con la fine del Proibizionismo, Schultz spostò i suoi affari illeciti ad Harlem, associandosi al mafioso siciliano Ciro Terranova[7] e ottenendo con la violenza il controllo di numerosi racket: le lotterie clandestine, le scommesse sui cavalli e lo sfruttamento della prostituzione. Schultz impone anche il pagamento della "protezione" ai commercianti della zona e coloro che si rifiutano venivano sfregiati con il vetriolo.

Il procuratore speciale Thomas E. Dewey cercò d'incastrare Schultz per evasione fiscale (come Al Capone), in due processi, il 29 aprile 1935 a Syracuse e il 2 agosto nella località di Malone; Dutch Schultz in entrambi procedimenti venne assolto e propose l'uccisione del procuratore Dewey alla Commissione, l'organismo che governa gli affari illeciti del "Sindacato nazionale del crimine: però la proposta venne rifiutata dagli altri capi, che ritenevano che questa soluzione avrebbe potuto danneggiare i loro affari; Schultz era furioso, sostenendo che la Commissione cercava di rubare i suoi affari consegnandolo alla legge e decise di fare da solo. Per queste ragioni la Commissione ordinò l'omicidio di Schultz alla Murder, Inc., il gruppo di killer italiani ed ebrei guidati dal gangster Lepke Buchalter: il 23 ottobre 1935 a Newark, nella periferia di New York, alle ore 22.30 di sera, Dutch Schultz, il contabile Otto Berman e i suoi guardaspalle Abe Landau e Lulu Rosenkrantz, nel night club Palace Chop House vennero colti di sorpresa da nove sicari; Schultz in quell'istante si trovava al gabinetto, aprì le semiporte girevoli e venne colpito con tre proiettili, due al torace e uno alla schiena. Berman e Landau muorirono sul colpo, Rosenkrantz spirò dopo ore di agonia, Schultz morì dopo 20 ore, il 24 ottobre 1935[1].

È famoso per il lungo monologo "esistenzialista" reso alla polizia sul letto di morte nell'ospedale cittadino, dopo la sua ultima sparatoria.

Ricevendo l'estrema unzione, scelse di convertirsi al cristianesimo solo in punto di morte. A riprova di tale fatto, la sua tomba (adornata con croci) è collocata nel cimitero di Gate of Heaven, presso Hawtorne, nella contea di Westchester, stato di New York.

Dutch Schultz nella letteratura[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio di Dutch Schultz e la storia degli ultimi periodi del suo gruppo compongono buona parte della trama del romanzo Billy Bathgate dello scrittore newyorkese E. L. Doctorow, in cui viene raccontata la storia di un immaginario giovane componente della banda, che alla fine riesce a sfugire alla strage, recuperando il loro tesoro segreto.

Dutch Schultz e il cinema[modifica | modifica sorgente]

L'attore James Cagney era un suo protetto, e quando questi interpretava ruoli di gangster, imitava proprio Dutch Schultz. Lo stesso personaggio di Schultz fu protagonista di svariate produzioni e il suo ruolo è stato interpretato, tra gli altri, da Dustin Hoffman, Tim Roth e Lance Henriksen.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c lacndb.com::American Mafia
  2. ^ a b Dutch Schultz Biography - Facts, Birthday, Life Story - Biography.com
  3. ^ Arnold Rothstein
  4. ^ Arnold Rothstein Chronology
  5. ^ lacndb.com::American Mafia
  6. ^ lacndb.com::American Mafia
  7. ^ lacndb.com::American Mafia

Controllo di autorità VIAF: 65247704 LCCN: n50016834

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie