Greg Lake

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Greg Lake
Greg Lake in concerto a Llandudno, Galles, nel 2005
Greg Lake in concerto a Llandudno, Galles, nel 2005
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Rock progressivo[1][2]
Art rock[1]
Hard rock[1]
Periodo di attività 1966 – in attività
Strumento Voce, basso, chitarra
Gruppi The Shame
Shy Limbs
King Crimson
Emerson, Lake & Palmer
Emerson, Lake & Powell
Album pubblicati 18
Studio 14
Live 4
Raccolte 0
Sito web

Greg Lake (Poole, 10 novembre 1947[1][2]) è un chitarrista, bassista, cantante e produttore discografico britannico, famoso per essere stato membro e co-fondatore dei gruppi rock progressivo King Crimson e Emerson, Lake & Palmer, è probabilmente tra i musicisti più influenti del panorama del progressive degli anni settanta[2].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Musicista, cantante e compositore di talento, Greg Lake, secondo alcuni avvicinabile a personaggi del livello di Leonard Cohen, Bob Dylan o Paul McCartney, è stato anche abile come produttore, apprezzato come bassista e chitarrista e, soprattutto, per la caratteristica e profonda voce: una delle più note e imitate nella storia della musica rock. Dopo un paio di singoli psichedelici con gli Shame e i Shy Limbs nel 1967, e dopo avere militato nei Gods con i futuri Uriah Heep, Ken Hensley e Lee Kerslake, avviene l'esordio nel mondo discografico nel 1969 quando Lake entra a far parte dei King Crimson per la realizzazione di In the Court of the Crimson King. Lake suona il basso elettrico, canta e compone, contribuendo non poco alla riuscita di questo disco che è considerato uno dei capostipiti del movimento rock progressivo e sedendosi, sebbene non specificamente accreditato, anche dietro al banco della produzione di quell'album storico. Cantante dotato di una voce molto apprezzata per estensione e potenza, chitarrista (specie acustico) e bassista dotato di stile personale, compositore , front-man nella prima incarnazione dei King Crimson. Lake compie una tournée statunitense con i King Crimson, ed inizia a contribuire al loro secondo album, ma prima che questo sia terminato, se ne va per unirsi a Keith Emerson e Carl Palmer e dare vita nel 1970 al progetto ambizioso e avanguardistico di Emerson, Lake & Palmer. Il loro esordio avviene al festival dell'isola di Wight. ELP diventano subito uno dei più popolari e conosciuti supergruppi del rock. Seguono diversi dischi nei quali Lake si destreggia fra vari strumenti, e compone alcune ballate ricordate tra i classici del "progressive". Collabora con l'ex King Crimson Pete Sinfield, con il quale Lake condivide affinità spirituali e artistico/culturali. Fonda e gestisce l'etichetta Manticore per la quale produce, tra gli altri, due band italiane: la Premiata Forneria Marconi (che diviene per semplicità PFM) e il Banco del Mutuo Soccorso (Banco).

Nel 1975 esce il primo singolo a suo nome "I Believe in Father Christmas", filosofica riflessione sul Natale scritta a quattro mani con Sinfield che diviene un classico delle canzoni di Natale. Gira un suggestivo video per questa canzone nel deserto del Sinai.

Nel 1980 dopo 40 milioni di dischi venduti, gli Emerson, Lake & Palmer si sciolgono. Lake prosegue la carriera come solista pubblicando gli album Greg Lake e Manoeuvres. Contemporaneamente partecipa al tour giapponese degli Asia (gruppo progressivo nel quale milita anche Carl Palmer). Scrive canzoni con Bob Dylan, una delle quali trova posto nel citato primo album da solista. Nel 1986 Lake ritrova Emerson e con Cozy Powell al posto di Palmer, impegnato con il supergruppo Asia, realizzano l'album Emerson Lake and Powell.

Nel 1990 Lake compone la canzone Daddy in favore del National Center for Missing Exploited Children. Cresce il suo impegno in cause umanitarie. Nel 1992 avviene il ricongiungimento degli Emerson, Lake & Palmer, che nel giro di tre anni realizzano tre album, l'ultimo dei quali con un produttore disastroso sul trono un tempo di Lake. Nel 2001 va in tournée con Ringo Starr, ex Beatles, mentre nel 2003 partecipa a un concerto al Ronnie Scott Club di Londra, assieme ad altre star della musica, per merito del quale vengono raccolte 400.000 sterline a favore della ricerca sul cancro. Nel 2004 collabora con Pete Townshend al singolo dei The Who Real Good Looking Boy. Il 2005 vede il grande ritorno sulle scene di Greg Lake con una propria band formata da giovanissimi talenti, per una tournée inglese, della quale è stato pubblicato un doppio DVD. Successivamente ha suonato in America al Nassau Coliseum come ospite d'onore della Trans Siberian Orchestra.

Nel 2010 dà vita ad un tour mondiale (USA, Giappone e Europa) con il suo vecchio compagno di ELP Keith Emerson, nel quale saranno impegnati a ricordare le proprie carriere. Il 28 novembre inizia a Piacenza nel tempio opero Municipale, un tour prima Italiano e poi mondiale, Songs of a Lifetime che ripercorre tutta la sua prestigiosa carriera. Un successo clamoroso segna il suo rientro all'attività concertistica. Il 30 novembre 2012 è a Zoagli (GE) per una serata speciale autobiografica e musicale.[3][4].

Greg-Lake at mic

Reunion degli ELP, nel 1992

Greg Lake in un concerto degli ELP nel 1978

Discografia[modifica | modifica sorgente]

con The Shame Singolo[modifica | modifica sorgente]

  • Don't Go Away Little Girl/Dreams Don't Bother Me (1967)

con Shy Limbs Singolo[modifica | modifica sorgente]

  • Reputation/Love (1968)

con King Crimson[modifica | modifica sorgente]

con Emerson, Lake & Palmer[modifica | modifica sorgente]

con Emerson Lake and Powell[modifica | modifica sorgente]

come Solista[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) All music.com - Greg Lake. URL consultato il 21 ottobre 2009.
  2. ^ a b c (EN) Prog archives.com - Greg Lake. URL consultato il 21 ottobre 2009.
  3. ^ (EN) greglake.com. URL consultato il 28 luglio 2010.
  4. ^ (EN) keithemerson.com. URL consultato il 28 luglio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84964174 LCCN: nr90009706

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo