Google Chrome OS

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il web browser di Google, vedi Google Chrome.
Google Chrome OS
Logo
Google Chrome OS
Google Chrome OS
Sviluppatore Google Inc.
Famiglia SO Linux
Modello del sorgente Open source
Release iniziale 0.12.410[1] (15 giugno 2011[2])
Release corrente 35.0.1916.155 (10 giugno 2014)
Tipo di kernel Monolitico (Linux)
Piattaforme supportate x86, ARM
Licenza BSD
Stadio di sviluppo Stabile[1]
Sito web chromium.org/chromium-os

Google Chrome OS (Operating System) è un sistema operativo progettato da Google e basato sul kernel linux.[3][4]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Annunciato il 7 luglio 2009, è basato sul browser Google Chrome e sul kernel Linux. Inizialmente destinato al mercato dei netbook, la versione stabile è stata rilasciata il 15 giugno 2011 sui netbook Acer ZGB e Samsung Series 5, con processori Intel.[5]

Presentazioni al pubblico[modifica | modifica sorgente]

  • Il 19 novembre 2009 alle ore 22:00 (ora italiana, GMT+1) è stata trasmessa in diretta streaming via web la presentazione ufficiale del nuovo sistema operativo. I video mostrati durante la conferenza sono disponibili sul canale YouTube ufficiale di Google Chrome.[6]
  • Il 7 dicembre 2010 alle ore 19:30 (ora italiana, GMT+1) si è parlato nella conferenza stampa della Google di ulteriori dettagli sul sistema operativo.
  • L'11 maggio 2011 alle ore 19:30 (ora italiana, GMT+1) si è parlato del file browsing, della data di uscita (15 giugno) del primo Chromebook, il Samsung Serie 5[7] e del web browsing offline.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

  • È un sistema operativo open source, pensato per gli utenti che trascorrono la maggior parte del loro tempo al computer collegati ad internet.
  • Impiega solo otto secondi per avviarsi in un computer con un'unità a stato solido; non sono noti i tempi di avvio su un computer con hard disk tradizionale.[8]
  • Utilizza Google Cloud Print per stampare qualsiasi file, senza alcun bisogno di driver. Il motivo è probabilmente legato alla disponibilità, a volte scarsa, dei driver di stampanti e scanner per Linux, su cui Chrome OS si basa.[9]
  • L'interfaccia utente è molto simile a quella di Google Chrome, su cui si basa il 90%.
  • È totalmente gratuito.
  • È compatibile con le seguenti marche di computer: Acer, ASUS, Freescale, Hewlett-Packard, Lenovo, Qualcomm, Texas Instruments e Toshiba.[10]
  • Tutte le estensioni del browser Google Chrome sono disponibili anche per il sistema operativo.[11]
  • Il primo netbook di test è il Cr-48 presentato da Google durante la presentazione ufficiale del 7/12/2010.[12]
  • È disponibile anche per computer tablet.[13]

Modalità di vendita[modifica | modifica sorgente]

I netbook con sistema operativo Chrome OS saranno venduti tramite un abbonamento a canone mensile di 20 dollari al mese per le attività educative e di 28 dollari al mese per il business. In caso di guasto il netbook verrà sostituito dalla stessa azienda. Dopo un periodo di 3 anni questo verrà sostituito con un nuovo netbook.[14]

Chromebook[modifica | modifica sorgente]

I chromebook (computer portatili che utilizzano di default tale sistema operativo) sono in vendita dal 15 giugno 2011 sono prodotti da Acer e da Samsung. Sono disponibili le versioni con il solo wifi o con il supporto al wifi+3G ad un prezzo di 20$ in più. Il chromebook Samsung si chiama Chromebook Serie 5, mentre il chromebook acer si chiama Acer ZGB[15]. Il 6 luglio 2011 è iniziata ufficialmente la vendita del Samsung Serie 5 il cui nome completo è Chromebook Serie 5 – XE500C21-A01IT [16].

Modelli[modifica | modifica sorgente]

Cr-48[modifica | modifica sorgente]

Cr-48

Nella conferenza stampa del 7 dicembre 2010, Google ha annunciato il netbook Cr-48, un prototipo creato per testare il sistema operativo Chrome OS. Tuttavia, il Cr-48 era destinato solamente alle prove, e quindi non ne sono stati venduti al pubblico in generale.

Note[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]