Fratta Polesine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fratta Polesine
comune
Fratta Polesine – Stemma Fratta Polesine – Bandiera
Fratta Polesine – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Rovigo-Stemma.png Rovigo
Amministrazione
Sindaco Tiziana Michela Virgili (UDC e PD) dal 07/05/2012
Territorio
Coordinate 45°02′00″N 11°39′00″E / 45.033333°N 11.65°E45.033333; 11.65 (Fratta Polesine)Coordinate: 45°02′00″N 11°39′00″E / 45.033333°N 11.65°E45.033333; 11.65 (Fratta Polesine)
Altitudine 11 m s.l.m.
Superficie 20,90 km²
Abitanti 2 801[1] (01-10-2011)
Densità 134,02 ab./km²
Frazioni Paolino, Ramedello
Comuni confinanti Costa di Rovigo, Lendinara, Pincara, San Bellino, Villamarzana, Villanova del Ghebbo
Altre informazioni
Cod. postale 45025
Prefisso 0425
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 029024
Cod. catastale D788
Targa RO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti frattensi
Patrono santi Pietro e Paolo
Giorno festivo 29 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fratta Polesine
Posizione del comune di Fratta Polesine nella provincia di Rovigo
Posizione del comune di Fratta Polesine nella provincia di Rovigo
Sito istituzionale

Fratta Polesine (Frata Polesine in veneto) è un comune di 2.801 abitanti della Provincia di Rovigo. L'abitato è di antichissima origine e ricco di spunti storici e culturali.

Fratta Polesine è nota per lo più grazie a Villa Badoer, opera di Andrea Palladio (1570) e patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Fratta è conosciuta anche per la vicenda dei Carbonari della Fratta, per essere il paese natale di Giacomo Matteotti e per vantare la più grande necropoli d'Europa dell'Età del Bronzo[2][3].

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Fratta è situata nella parte medio occidentale del Polesine ed è attraversata dal fiume Scortico. Nei pressi del borgo Pizzon, lo Scortico si immette nel Canal Bianco che segna il confine sud del territorio comunale e bagna la frazione di Paolino. A nord, confinante con il comune di Villanova del Ghebbo e di Lendinara, si trova la frazione di Ramedello. Verso il confine con Villamarzana si trova la Frattesina

Storia[modifica | modifica sorgente]

Età antica e classica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Frattesina.

Intorno al 1967 vennero effettuati, in località Frattesina, i primi ritrovamenti archeologici, soprattutto ceramici e ossei, relativi ad un insediamento protovillanoviano. Gli scavi veri e propri iniziarono nel 1974 e non si sono ancora conclusi.

Nel 2005, durante i lavori consortili per il "Completamento del riordino idraulico del bacino Valdentro" sono stati portati alla luce, in località Narde, numerosi reperti attribuiti ad una vasta necropoli dell'XIIX secolo a.C.

Dopo questi ultimi scavi si è concluso di aver individuato in Fratta la più grande necropoli d'Europa.

Età medioevale[modifica | modifica sorgente]

Le prime notizie storiche risalgono al 1054 quando il Vescovo di Adria, Benedetto I, ottenne il feudo comprendente, tra gli altri, anche il territorio di Fratta Polesine, allora nota con il nome di Villa Comedati. Nel 1104 i Vescovi vi costruirono un Castello (Castello della Fratta), attorno al quale si svolsero lotte terribili per il suo possesso tra i Vescovi, i Veronesi e gli Estensi. Distrutto e riedificato più volte, passò infine nelle mani dei Pepoli; gli ultimi resti del castello scomparvero definitivamente al principio del XIX secolo.

Nel 1395 Fratta passò sotto la Repubblica di Venezia e vi rimase fino al Trattato di Campo Formio del 1797. Durante tutto il periodo passato sotto la Repubblica di Venezia, Fratta ricevette un'attenzione particolare da parte dei Nobili Veneziani, che la scelsero come luogo di villeggiatura estiva. A Fratta, infatti, sorgono numerosissime ville venete tra le quali spicca la "Badoera", costruita nel 1570 dall'architetto Andrea Palladio.

Storia contemporanea[modifica | modifica sorgente]

Nel 1818 si assisteva alla tragedia dei Carbonari della Fratta, primo esempio di repressione da parte austriaca delle aspirazioni alla libertà e all'emancipazione nazionale.

A ricordare il sacrificio dei Carbonari, nel 1867, venne eretto un monumento, opera dello scultore veronese Grazioso Spazzi, e primo nel Veneto liberato.

Solo pochi anni dopo, un altro eroe frattense lascerà il segno nella storia d'Italia: nel 1885 nasce infatti a Fratta Polesine Giacomo Matteotti, uomo politico socialista e parlamentare, ucciso dai fascisti il 10 giugno 1924 per aver denunciato i brogli elettorali di Mussolini.

Il 2 febbraio 2011 Fratta ha acquisito ufficialmente il titolo onorifico di ‘Città[4].

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Luoghi di culto[modifica | modifica sorgente]

Chiesa Arcipretale dei Santi Pietro e Paolo apostoli.
  • Chiesa di San Francesco
  • Casa Canonica
  • Chiesa Arcipretale dei Santi apostoli Pietro e Paolo
  • Chiesa di San Bartolomeo
  • Chiesa parrocchiale di Paolino

Palazzi[modifica | modifica sorgente]

Villa Molin - Avezzù.
  • Villa Badoer di Andrea Palladiopatrimonio dell'umanità UNESCO[6]
  • Villa Molin - Avezzù. Scuola Palladiana – Villa della Carboneria
  • Villa Oroboni, Villa della Carboneria
  • Palazzetto Villa, Cornoldi – Fanan – Villa della Carboneria
  • Villa Monti – Viaro – Villa della Carboneria
  • Villa David – Franchin – Villa della Carboneria
  • Villa e Parco Labia
  • Palazzo Campanari – Sede comunale
  • Palazzo Grindati – Boniotti - "Manegium"
  • Villa Dolfin – Casa Divina Provvidenza

Altri palazzi ed edifici storico culturali[modifica | modifica sorgente]

Altri monumenti[modifica | modifica sorgente]

  • Monumento ai Caduti

Musei[modifica | modifica sorgente]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Fratta Polesine, nonostante le piccole dimensioni, è teatro di numerosissime manifestazioni che vanno dalla sacralità del presepio vivente alla mondanità di Miss Italia[7].

Per un elenco completo e aggiornato delle manifestazioni in programma è possibile consultare il sito istituzionale.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

L'abitato è servito dalla stazione di Fratta che si trova sulla Verona – Legnago – Rovigo.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Fratta Polesine è gemellata con:

Personaggi illustri[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Valentino Zaghi. Giacomo Matteotti - Cierre Edizioni - Sommacampagna (VR), 2001.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Veneto Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Veneto