Crescenzio Sepe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crescenzio Sepe
cardinale di Santa Romana Chiesa
Crescenzio Sepe.jpg
Coat of arms of Crescenzio Sepe.svg
In nomine Domini
Titolo Cardinale presbitero di Dio Padre Misericordioso
Incarichi attuali Arcivescovo di Napoli
Presidente della Conferenza Episcopale Campana
Incarichi ricoperti Segretario della Congregazione per il Clero
Presidente della Peregrinatio ad Petri Sedem
Prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli
Nato 2 giugno 1943 (71 anni) a Carinaro
Ordinato presbitero 12 marzo 1967 dal vescovo Antonio Cece
Nominato arcivescovo 2 aprile 1992 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo 26 aprile 1992 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale 21 febbraio 2001 da papa Giovanni Paolo II

Crescenzio Sepe (Carinaro, 2 giugno 1943) è un cardinale e arcivescovo cattolico italiano, arcivescovo metropolita di Napoli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 2 giugno 1943 a Carinaro presso Aversa, in Campania, ordinato presbitero il 12 marzo 1967, presta servizio come docente e in seguito, dal 1972, entra nel servizio diplomatico della Santa Sede, destinato alla rappresentanza pontificia in Brasile. Dal 1992 al 2001 è arcivescovo titolare di Grado.

"Organizzatore" del Giubileo del 2000[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 novembre 1997 è nominato segretario generale del Giubileo dell'Anno 2000.

Elevato al rango di cardinale da papa Giovanni Paolo II nel concistoro del 21 febbraio 2001, dal 9 aprile 2001 è prefetto della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli. È anche gran cancelliere della Pontificia Università Urbaniana e membro delle congregazioni per il Clero e per la Dottrina della Fede, dei pontifici consigli per il Dialogo Inter-Religioso, delle Comunicazioni Sociali, per la Promozione dell'Unità dei Cristiani e per i Testi Legislativi, della Pontificia Commissione per l'America Latina e del Consiglio Speciale per l'Asia della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi.

Arcivescovo di Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Il cardinale durante il rito dello scioglimento del sangue di San Gennaro

Il 20 maggio 2006 papa Benedetto XVI lo nomina arcivescovo di Napoli: sostituisce così alla guida dell'arcidiocesi partenopea il cardinale Michele Giordano, dimissionario per sopraggiunti limiti d'età.

Il 1º luglio 2006 prende effettivo possesso dell'arcidiocesi con una solenne celebrazione in Duomo, preceduta dalla visita al disagiato quartiere di Scampia.

Nel 2007 ridefinisce l'organizzazione territoriale dell'arcidiocesi, nominando 9 nuovi vicari e creando 13 nuovi "decanati".

Il 21 ottobre 2007 accoglie Benedetto XVI in visita pastorale all'arcidiocesi.

Il 25 gennaio 2008, durante il periodo dell'emergenza rifiuti di Napoli, dispone la traslazione e l'esposizione straordinaria delle reliquie di San Gennaro, parlando di momento grave per la città, sprofondata, a suo dire, «in una delle notti più buie della sua storia».

Nel mese di ottobre 2008 si reca in Russia per incontrare il patriarca ortodosso Alessio II; durante l'incontro consegna alla massima autorità ortodossa russa una reliquia di San Gennaro e una lettera autografa di Benedetto XVI.

Il 10 aprile 2010 riceve a Battipaglia il premio internazionale Testimoni di Santità dall'associazione Tu es Petrus, fondata dal giornalista Gianluca Barile.

Indagini giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 è stato iscritto al registro degli indagati dalla Procura di Perugia, insieme all'ex ministro dei trasporti Pietro Lunardi, per dei sospetti e delle incongruenze riguardanti la manutenzione della facciata del palazzo di Propaganda Fide in Piazza di Spagna. L'accusa della magistratura è che l'ex ministro abbia finanziato tali lavori in cambio di appartamenti di proprietà dell'organizzazione concessi a prezzi estremamente bassi al ministro e ad altre persone. Il cardinale ha collaborato "a stretto contatto"[1] con Angelo Balducci alla fine degli anni novanta e durante il Giubileo dell'Anno 2000, dove il cardinale rivestiva il ruolo di Segretario del Comitato Vaticano per il Giubileo. Quando nel 2001, il cardinale diviene Prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli (Propaganda Fide), Balducci viene nominato Consultore della stessa Congregazione[2]. Il 19 giugno 2010 si apprende che è indagato dai pm per corruzione.[3] Nel maggio 2012 il caso si conclude con l'archiviazione da parte della magistratura.[4][5]

Trattamenti di
Crescenzio Sepe
Stemma
Arcivescovo di Napoli
Presidente della Conferenza Episcopale Campana
Trattamento di cortesia Sua Eminenza
Trattamento colloquiale Vostra Eminenza
Trattamento religioso Cardinale
I trattamenti d'onore

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
— 19 novembre 1988
Balì Gran Croce di Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Balì Gran Croce di Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta
Cavaliere di Gran Croce del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
— 14 dicembre 2006[6]

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Assessore per gli Affari Generali alla Segreteria di Stato Successore Emblem Holy See.svg
Giovanni Battista Re 10 ottobre 1987 - 2 aprile 1992 Leonardo Sandri
Predecessore Arcivescovo titolare di Grado Successore Archbishop CoA PioM.svg
José López Ortiz 2 aprile 1992 - 21 febbraio 2001 Diego Causero
Predecessore Segretario della Congregazione per il Clero Successore Emblem Holy See.svg
Gilberto Agustoni 2 aprile 1992 - 3 novembre 1997 Csaba Ternyák
Predecessore Presidente della Peregrinatio ad Petri Sedem Successore Emblem Holy See.svg
Sergio Sebastiani 8 novembre 1997 - 25 luglio 2001 Francesco Gioia
Predecessore Cardinale diacono e presbitero di Dio Padre misericordioso Successore CardinalCoA PioM.svg
- dal 21 febbraio 2001
pro hac vice dal 20 maggio 2006
in carica
Predecessore Prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli Successore Emblem Holy See.svg
Jozef Tomko 9 aprile 2001 - 20 maggio 2006 Ivan Dias
Predecessore Gran Cancelliere della Pontificia Università Urbaniana Successore Sede vacante.svg
Jozef Tomko 9 aprile 2001 - 20 maggio 2006 Ivan Dias
Predecessore Arcivescovo di Napoli Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Michele Giordano dal 20 maggio 2006 in carica

Controllo di autorità VIAF: 80802958 LCCN: n95103508