Pontificia Università Lateranense

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°53′56″N 12°29′05″E / 41.898889°N 12.484722°E41.898889; 12.484722

Pontificia Università Lateranense
Logo PUL.jpg
Stato Città del Vaticano Città del Vaticano
Città Roma
Nome latino Pontificia Universitas Lateranensis
Fondazione 1773
Tipo Università Pontificie
Facoltà 5
Rettore vescovo Enrico dal Covolo, S.D.B.
Studenti 5 000 (2010)
Sito web www.pul.it/
 

La Pontificia Università Lateranense è una prestigiosa università di Diritto Pontificio e Civile con sede in Roma nella zona extraterritoriale della Santa Sede in Laterano. Ha sedi in circa quaranta paesi del mondo, rilascia titoli riconosciuti e validi a livello internazionale. Le sue facoltà sono: Diritto Civile o Giurisprudenza, Diritto Canonico, Filosofia, Teologia. L'Ateneo è aperto a laici e religiosi e per essere ammessi a farne parte è previsto un rigido colloquio di ammissione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

"[La Pontificia Università Lateranense] costituisce, a titolo speciale, l’Università del Papa". Queste parole di Giovanni Paolo II, proferite in occasione della sua visita, il 16 febbraio 1980[1], sintetizzano la dimensione culturale e spirituale della Università, le cui origini risalgono al 1773, quando papa Clemente XIV soppresse la Compagnia di Gesù, e affidò le facoltà di teologia e di filosofia del Collegio Romano al clero della diocesi di Roma. Nel 1824 papa Leone XII restaurò il loro ordine e restituì ai gesuiti quella che poi divenne la Pontificia Università Gregoriana, ma consentì al clero secolare che li aveva sostituiti di continuare a dedicarsi all'insegnamento: assegnò loro come sede il Palazzo di Sant'Apollinare dove nel 1853 papa Pio IX fondò le facoltà di Diritto canonico e di Diritto civile e il Pontificio Istituto Utriusque Iuris. Il nuovo istituto assunse il nome di Ateneo del Pontificio Seminario Romano. Papa Pio XI assegnò all'Ateneo la sua sede definitiva, presso la basilica di San Giovanni in Laterano e nel 1932 le venne assegnato come Cancelliere il cardinale vicario di Roma. Papa Pio XII, nel 1958, vi istituì il Pontificio Istituto Pastorale. L'anno successivo papa Giovanni XXIII eresse l'Ateneo ad Università e gli conferì il nome di Pontificia Università Lateranense. Papa Giovanni Paolo II nel 1981 ha eretto presso l'Università il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia, che ha il diritto di conferire gradi accademici iure proprio.

Il titolo di Gran Cancelliere spetta, a norma degli statuti dell'Università, al Vicario generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma, che attualmente è il cardinale Agostino Vallini. Succeduto all'arcivescovo Salvatore Fisichella, l'attuale rettore è il vescovo Enrico dal Covolo, che nel 2014 è stato riconfermato per il secondo mandato.

Dal 2001 è stata ufficialmente istituita la Lateran University Press che cura numerose e prestigiose pubblicazioni scientifiche e le sette riviste che costituiscono il contributo offerto dall'Università alla comunità scientifica internazionale.

Profilo[modifica | modifica wikitesto]

Formazione di base, specialistica e dottorale caratterizzano l’offerta delle sue quattro facoltà e dei suoi due istituti; master e corsi vari di specializzazione. Con quattro facoltà (Teologia, Filosofia, Diritto Canonico e Diritto Civile/Giurisprudenza) e due istituti (Pastorale e Utriusque Iuris), l’offerta formativa è orientata all’area umanistica. In particolare la Facoltà di Diritto Civile (Giurisprudenza) è equipollente al titolo di laurea magistrale in Giurisprudenza rilasciato dalle università italiane. Tra i servizi e le attività: la Biblioteca Beato Pio IX, con oltre 500 mila documenti, 650 riviste, 7 piani, 6 aree tematiche, sale letture, postazioni informatizzate per la ricerca e accompagnamento alla consultazione. Stage e programmi di interscambio all’estero, possibilità di residenze universitarie, borse e sussidi di studio, attività sportive e percorsi di pastorale universitaria.

Presente in 16 paesi con 43 sedi, la Pontificia Università Lateranense collega più di 5.000 studenti dei cinque continenti. La rete di Istituti dislocati in tutti i continenti che, a vario titolo, intrattengono con essa rapporti istituzionali e accademici rappresenta un veicolo per promuovere l’offerta didattica delle sue Facoltà. La loro presenza evidenzia uno dei suoi caratteri peculiari: la sua apertura alle diverse e più svariate culture, alle quali fornisce un’adeguata piattaforma di confronto, nel solco dello spirito cristiano.

Tra di essi, tre sono gli Istituti incorporati. Essi godono di un legame più stretto e privilegiato e fungono da specializzazioni della Facoltà di Teologia, pur mantenendo, allo stesso tempo, la loro autonomia: l’Accademia Alfonsiana (Istituto Superiore di Teologia Morale); l’Istituto Patristico Augustinianum; l’Istituto di Teologia della vita consacrata Claretianum; l’Istituto Internazionale di Teologia Pastorale Sanitaria Camillianum.

Le Facoltà[modifica | modifica wikitesto]

Teologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi della Facoltà di S. Teologia si suddividono in tre cicli: 1) Primo ciclo, o Triennio istituzionale: si attua in tre anni, dopo il Biennio filosofico, e si conclude con il conseguimento del primo grado accademico, il Baccalaureato in S. Teologia. 2) Secondo ciclo, o Biennio di specializzazione: si attua in due anni, e si conclude con il conseguimento del secondo grado accademico, la Licenza specializzata in S. Teologia. Nelle tre Specializzazioni della Facoltà (Teologia Fondamentale, Cristologia, Ecclesiologia) è possibile conseguire la Licenza in S. Teologia, oltre che in Teologia Fondamentale, Cristologia, Ecclesiologia, anche nei seguenti indirizzi: Scienze della religione, Teologia della vita cristiana, Storia. 3) Terzo ciclo, o Biennio superiore di ricerca: si attua in due anni, dopo una Licenza in S. Teologia, e si conclude con il conseguimento del terzo grado accademico, il Dottorato in S. Teologia. La Facoltà di S. Teologia, inoltre, riconosce nel Pontificio Istituto Pastorale Redemptor Hominis (secondo e terzo ciclo) le Specializzazioni in Teologia Pastorale (indirizzi di Licenza: Teologia pastorale della comunità ecclesiale, Teologia dell’evangelizzazione, Teologia dell’educazione, Teologia della comunicazione) e in Dottrina Sociale della Chiesa. Nell’ambito della Facoltà vi sono anche 3 Istituti incorporati, che fungono da Specializzazioni (secondo e terzo ciclo), ma che godono di autonomia: l’Accademia Alfonsiana (Istituto Superiore di Teologia morale); l’Istituto Patristico «Augustinianum»; l’Istituto di Teologia della vita consacrata «Claretianum».

Filosofia[modifica | modifica wikitesto]

La Pontificia Università Lateranense, in quanto Università Pontificia — e quindi la Facoltà di Filosofia al suo interno — segue gli ordinamenti didattici dello Stato Vaticano che prevedono 3 cicli di studio: 1. Ciclo Istituzionale, per il conseguimento del Baccalaureato in Filosofia (Bachelor of Arts, BA) 2. Biennio di Specializzazione, per il conseguimento della Licenza in Filosofia (Master of Arts, MA) 10 3. Dottorato, per il conseguimento del Dottorato in Filosofia (PhD)

Diritto Canonico[modifica | modifica wikitesto]

Nella Facoltà di Diritto Canonico lo studio delle discipline canonistiche è proposto nella prospettiva accademica e culturale propria di entrambi i Diritti – Civile e Canonico.

Diritto Civile (Giurisprudenza)[modifica | modifica wikitesto]

Istituita dalla Santa Sede nel 1853 per lo studio del diritto e della giurisprudenza, la Facoltà di Diritto Civile costituisce un unicum tra le facoltà pontificie romane. Collocata nella tradizione dell’Institutum Utriusque Iuris, l’insegnamento nella facoltà si caratterizza per una particolare attenzione ai diritti antichi, al diritto romano, alla storia del diritto ed ai diversi rami del diritto vigente. Inoltre essa utilizza la prospettiva comparata dello studio del diritto contemporaneo, tenendo conto delle varie famiglie giuridiche: romano–germanica, common law, islamica, ed altre esperienze presenti nel panorama mondiale, nonché dell’ordinamento canonico e del diritto ecclesiastico, con particolare attenzione al diritto internazionale, a quello delle organizzazioni internazionali, ai diritti dell’uomo ed al diritto che regge i processi di integrazione sovranazionali nelle diverse aree continentali.

Istituti all'interno della Pontificia Università Lateranense[modifica | modifica wikitesto]

Institutum Utriusque Iuris[modifica | modifica wikitesto]

Eretto presso la Pontificia Università Lateranense da Pio XI con il Breve Romanum Seminarium del 30 settembre 1932, il Pontificium Institutum Utriusque Iuris è costituito dalle facoltà di Diritto Canonico e di Diritto Civile, già esistenti presso il Seminario Romano di Sant’Apollinare ed erette da Pio IX. L’istituto si caratterizza per lo studio approfondito del diritto romano quale radice comune del diritto della chiesa Cattolica e dei sistemi giuridici secolari, in base alla convinzione che lo studio delle leggi positive della Chiesa e degli Stati non possa prescindere da un’idea di giustizia universale con al centro una visione della persona concorde con il Vangelo.

Istituto Pastorale Redemptor Hominis[modifica | modifica wikitesto]

Eretto da Pio XII presso la Pontificia Università Lateranense con la Costituzione Apostolica Ad Uberrima del 3 giugno 1958, il Pontificio Istituto Pastorale divenne parte integrante della Lateranense il 17 maggio 1959 con il motu proprio Cum inde di Giovanni XXIII. Giovanni Paolo II – nei Discorsi alla Pontificia Università Lateranense il 16 febbraio 1980[1], il 23 gennaio 1987 e il 9 novembre 1987 – affidò al Pontificio Istituto Pastorale il compito della ricerca e della formazione pastorale, accanto a quello di stimolare e sollecitare l’orientamento delle discipline teologiche e filosofiche verso l’uomo concreto nella sua esistenza umana e nella sua esperienza di fede. L’istituto, strutturato in due sezioni (licenza e dottorato), propone una specializzazione in Teologia Pastorale ed una in Dottrina Sociale della Chiesa.

Istituti aggregati, affiliati e collegati alla Pontificia Università Lateranense[modifica | modifica wikitesto]

Argentina[modifica | modifica wikitesto]

Belgio[modifica | modifica wikitesto]

Brasile[modifica | modifica wikitesto]

Francia[modifica | modifica wikitesto]

Israele[modifica | modifica wikitesto]

  • Sezione Distaccata in Galilea dell'Istituto Teologico di Gerusalemme

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Libano[modifica | modifica wikitesto]

Lituania[modifica | modifica wikitesto]

Messico[modifica | modifica wikitesto]

Paesi Bassi[modifica | modifica wikitesto]

Romania[modifica | modifica wikitesto]

Russia[modifica | modifica wikitesto]

Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti d’America[modifica | modifica wikitesto]

Territori Palestinesi[modifica | modifica wikitesto]

Ucraina[modifica | modifica wikitesto]

Ungheria[modifica | modifica wikitesto]

Rettori della Pontificia Università Lateranense[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Discorso alla Pontificia Università Lateranense, 16 febbraio 1980
  2. ^ Pontifical Lateran University

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]