Peregrinatio ad Petri Sedem

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Peregrinatio ad Petri Sedem (dal latino: Pellegrinaggio alla Sede di Pietro) è un'istituzione collegata con la Santa Sede.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Venne istituita per volere di Pio XI al termine del Giubileo del 1934 come stabile continuazione del Comitato Centrale che ne aveva curato l'organizzazione.

Venne riorganizzata da Paolo VI nel 1972 e nel 1977 a seguito dell'Anno Santo 1975.

Giovanni Paolo II il 16 gennaio 1997 ne modifica gli statuti precisandone le finalità.

Competenze[modifica | modifica wikitesto]

Compito dell'ente è quello di organizzare d'intesa con le diocesi l'accoglienza spirituale e materiale dei pellegrini che si recano a Roma per visitare la Sede di Pietro.

In particolare coordina il flusso di pellegrini che desiderano recarsi nella Città del Vaticano, esegue le direttive del comitato centrale in occasione del Giubileo, segue le attività dei vari uffici diocesani per i pellegrinaggi a Roma e nei principali santuari del mondo.

Dal 2008 al 2013 è stata accorpata all'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica[2].

Cronotassi dei presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peregrinatio Ad Petri Sedem, Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione
  2. ^ http://www.vatican.va/archive/aas/documents/2008/gennaio%202008.pdf

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo