Pontificio Seminario Romano Maggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Pontificio Seminario Romano Maggiore è il seminario diocesano di Roma nel quale si formano quei giovani che si preparano al Sacerdozio, appartenenti alla Diocesi di Roma o provenienti da molte altre Diocesi in Italia e nel mondo. Attualmente il Rettore è don Concetto Occhipinti, sacerdote del clero di Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Pontificio Seminario Romano Maggiore nasce ufficialmente il 1º febbraio 1565. A ridosso della XXIII sessione del Concilio di Trento che prevedeva l'istituzione dei seminari per la formazione presbiteriale. Cinque cardinali, diventati successivamente quattordici (tra i quali spicca San Carlo Borromeo), si occuparono di fondare ex novo questa nova istitutio, affidata alla Compagnia di Gesù. Palazzo Pallavicini fu prima sede di questo seminario, tuttavia vi furono diversi traslochi; il 4 novembre 1913 venne inaugurato l'edificio accanto alla Basilica di S. Giovanni in Laterano.

Durante i primi due secoli di vita del Seminario, gli alunni frequentarono le lezioni del Collegio Romano (antica denominazione dell'attuale Pontificia Università Gregoriana), retto dai Gesuiti. Al Seminario Romano, nel 1853, fu affiancato il Seminario Pio, fondato da Pio IX per ospitare gratuitamente gli alunni delle 68 diocesi dello Stato Pontificio i quali terminati gli studi dovevano tornare in diocesi con la laurea in Filosofia, Teologia e Utroque Iure. Dopo il 1913 fu unificato al Romano. Con il pontificato di papa Pio X, il Seminario subì una svolta strutturale per quanto concerne l’organizzazione degli studi e la disciplina.

La rigorosa formazione ascetica, il senso della Chiesa non solo nella sua prospettiva teologica, ma anche organizzativa e amministrativa, la piena fedeltà al carisma di Pietro e l'attenzione al suo insegnamento, sono stati alcuni elementi concreti che hanno reso quasi un fatto naturale l'inserimento di molti sacerdoti al servizio della Curia Romana.

Tra i numerosi seminaristi entrati nella gerarchia ecclesiastica, vi è papa Giovanni XXIII, il quale visitò il suo seminario il 27 novembre 1958, poco dopo la propria elezione. Nel 1917 venne fatto il voto alla Madonna della Fiducia, che aveva trovato posto nella nuova cappella del Seminario, perché i seminaristi partiti per la guerra potessero tornare salvi; nello stesso anno nacque il Sursum, un periodico che voleva mantenere il legame tra il Seminario Romano e i seminaristi al fronte.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]