Carlo Campanini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Campanini

Carlo Campanini (Torino, 5 ottobre 1906Roma, 20 novembre 1984) è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera artistica ha inizio in teatro, in cui si esibisce come attore brillante ma anche come tenore.

Dopo un lungo tirocinio in compagnie regionali e dopo un'esperienza in Argentina al seguito di una di queste compagnie, passa all'operetta e alla rivista e nel 1939 esordisce nel cinema con il divertente ruolo di un portalettere nel film Lo vedi come sei... lo vedi come sei? di Mario Mattòli, con Erminio Macario nel ruolo del protagonista. Nello stesso anno lavora con Assia Noris in Dora Nelson, una commedia del genere "telefoni bianchi".

Il cinema[modifica | modifica wikitesto]

Per tutti gli anni quaranta Campanini interpreta una lunga serie di pellicole, fino a dieci in un anno, caratterizzando talvolta con esuberanza caricaturale, talvolta con misura, personaggi di secondo piano ma sempre ben riconoscibili: di solito è il comprimario ingenuo, di buon cuore, un po' imbranato e stravagante.

Di questo periodo è da ricordare la sua interpretazione dello studente fuori corso in Addio giovinezza!, quella del bidello pasticcione, vittima degli scherzi delle studentesse in Ore 9: lezione di chimica, e i ruoli di "spalla" di Totò ne Il ratto delle Sabine e ne I due orfanelli, parodia del dramma di D'Ennery e Cormon.

Esibisce la sua voce tenorile in La vita è bella, film di Carlo Ludovico Bragaglia in cui recita (e canta) al fianco di Alberto Rabagliati e Anna Magnani, e in teatro imita Oliver Hardy in coppia con Carlo Dapporto, che imita invece Stan Laurel.

Oltre che in commedie brillanti, Campanini recita anche in film drammatici: Le miserie del signor Travet (1945), il suo primo film da protagonista, e Il bandito (1946), in cui interpreta il ruolo del reduce amico di Amedeo Nazzari.

Con Walter Chiari[modifica | modifica wikitesto]

Sul set de I cadetti di Guascogna (1950, regia di Mario Mattòli) lavora per la prima volta con Walter Chiari. Tra i due si sviluppa un felice sodalizio, che proseguirà anche in teatro e in televisione, in cui Campanini diviene la spalla di Chiari: l'imitazione dei fratelli De Rege (il cui famoso "Vieni avanti, cretino!" è rimasto ancor oggi nella memoria collettiva), poi lo sketch del "Sarchiapone", nato come breve intermezzo tra i numeri di avanspettacolo e dilatatosi successivamente fino a diventare un tormentone della durata di più di un'ora, riproposto in versioni sempre diverse e presentato più volte anche in televisione.

Negli anni cinquanta, Carlo Campanini continua a mietere consensi sia di pubblico che di critica, ma l'industria del cinema comincia a relegarlo sempre più in ruoli macchiettistici e in pellicole di genere, tra cui diversi musicarelli.

La televisione ed il teatro[modifica | modifica wikitesto]

Trova così maggiore spazio nel nascente mezzo televisivo, sia come attore di commedie, sia come interprete di sketch in coppia con Walter Chiari, nella riproposta di situazioni e personaggi già felicemente sperimentati in teatro. Non mancano le partecipazioni agli spot di Carosello, in cui Campanini interpreta con Pina Renzi la coppia "Adalgisa e Gustavino" nella pubblicità di un'azienda vinicola, e il ruolo di primo testimonial di un celebre amaro "contro il logorio della vita moderna", ruolo che in seguito sarà affidato a Ferruccio De Ceresa e infine a Ernesto Calindri.

Come interprete di sceneggiati televisivi è apparso nel 1959 ne Il romanzo di un maestro, diretto da Mario Landi.

Negli anni sessanta gli impegni cinematografici si fanno più rari e Campanini prima entra nella Compagnia Grandi Spettacoli di Operette (oggi Compagnia Italiana di Operette) con Elvio Calderoni ed Aurora Banfi e poi si dedica alla gestione di una compagnia teatrale piemontese, fino al definitivo ritiro nel 1981.

Sofferente da tempo di disturbi cardiocircolatori, muore nel sonno, nella sua abitazione romana alla Balduina, il 20 novembre 1984[1].

La Massoneria[modifica | modifica wikitesto]

Fu iniziato alla Massoneria il 25 ottobre 1945 presso la Loggia Fulgor Artis all'Oriente di Roma (Obbedienza della Serenissima Gran Loggia Nazionale Italiana di Piazza del Gesù), il cui Maestro venerabile era Antonio De Curtis, in arte Totò.[2]Successivamente, essendosi riavvicinato alla fede grazie a san Pio da Pietrelcina, abbandonó la Massoneria in obbedienza alle Leggi della Chiesa cattolica. [3]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Annette Bach e Carlo Campanini nel film Labbra serrate (1942) di Mario Mattoli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ , viene sepolto a San Giovanni Rotondo (FG) Addio Carlo Campanini LaRepubblica.it Archivio, 22-11-1984.
  2. ^ Gnocchini Vittorio, L'Italia dei Liberi Muratori, Mimesis - Erasmo, 2005.
  3. ^ http://www.gliscritti.it/approf/dandrea/canon_ppio.htm

Controllo di autorità VIAF: 61810121 SBN: IT\ICCU\TO0V\417799