Ladislao Vajda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ladislao Vajda, nato László Vajda Weisz (Budapest, 18 agosto 1906Barcellona, 25 marzo 1965), è stato un regista, sceneggiatore e montatore ungherese.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un attore e regista ungherese, iniziò lavorando con registi come Billy Wilder e Henry Koster. Dopo le prime esperienze da regista in Ungheria negli anni trenta, si spostò in Europa Occidentale dopo la seconda guerra mondiale, prima in Italia, dove diresse due film, poi in Spagna e in Germania.

Tra i suoi film più famosi Marcellino pane e vino (1955), vincitore di un premio al Festival di Cannes, e Mio zio Giacinto (1956) vincitore di un premio al Festival del cinema di Berlino, entrambi con Pablito Calvo.

Morì all'età di 58 anni il 25 marzo 1965 a Barcellona[2][3].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Montatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biographische Daten von Ladislao Vajda in: A Companion to Spanish Cinema, von Bernard P. E. Bentley, 2008, Seite 94
  2. ^ Imdb
  3. ^ Film Portal

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 12502086 LCCN: n86049691