Ragazze da marito (film 1952)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ragazze da marito
Ragazzedamarito.jpg
Anna Maria Ferrero, Delia Scala e Lianella Carell
Paese di produzione Italia
Anno 1952
Durata 93 minuti
Colore bianco e nero
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Eduardo De Filippo
Soggetto Stefano Vanzina, Age, Furio Scarpelli
Sceneggiatura Age, Furio Scarpelli, Stefano Vanzina, Eduardo De Filippo
Produttore esecutivo Domenico Forges-Davanzati
Casa di produzione Produzioni Forges Davanzati, Titanus
Distribuzione (Italia) Titanus
Fotografia Leonida Barboni
Musiche Nino Rota, diretta da Franco Ferrara
Tema musicale canzone "'O ciucciariello" (Oliviero-Murolo), cantata da Rino Salviati
Scenografia Piero Filippone
Trucco Gianni Donelli
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ragazze da marito è un film di genere commedia del 1952 diretto da Eduardo De Filippo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Oreste, un impiegato del ministero, a causa di una speculazione sbagliata perde una forte somma che le tre figlie avevano messo insieme per la villeggiatura della famiglia. Mal consigliato dall'amico Giacomino, un intrallazzatore arruffone che vende pentolame su una bancarella viaggiante con il giovane Salvatore, favorisce alcune pratiche di licenze d'esportazione, attraverso versamenti illeciti di compensi. Con quei soldi manda la moglie e le tre figlie a Capri. Le vacanze, progettate per trovare un buon marito a ciascuna delle tre, non saranno però tranquille. Gina, la maggiore, viene messa incinta da Claudio, che aveva già sedotto una piacente signora veneta moglie di un battelliere perennemente lontano per lavoro; Gabriella donerà il suo cuore a un giovane di modesta condizione e accetterà una possibile futura unione per allontanarsi dalla famiglia; Anna Maria, la minore, giungerà al sospirato matrimonio con il figlio di un ricco industriale milanese. Il giorno delle nozze, Oreste viene costretto alle dimissioni dai suoi superiori, che hanno scoperto i suoi intrallazzi ma non lo denunciano poiché terranno conto dei venticinque anni precedenti di servizio inappuntabile.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne iscritto al Pubblico registro cinematografico con il n. 1.170. Presentato alla Commissione di Revisione Cinematografica il 12 novembre 1952, ottenne il visto di censura n. 13.142 del 13 novembre 1952, con una lunghezza della pellicola di 2.556 metri.[1]. Ebbe la prima proiezione pubblica il 19 novembre 1952. Venne proiettato in Germania, col titolo Madchen zum heiraten e in Portogallo, col titolo Três Raparigas Para Casar, il 26 gennaio 1955 [2]. Venne girato negli studi della Titanus alla Farnesina e, per gli esterni, a Roma (le scene della bancarella davanti alla Stazione Termini) e a Capri. L'incasso, accertato sino a tutto il 31 marzo 1959, fu di 176.367.626 lire [3].

Altri tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Come si evince dal visto di censura originale tratto dal sito Italia Taglia.
  2. ^ Come si evince dalla pagina delle proiezioni del sito IMDB.
  3. ^ Fonte: Catalogo Bolaffi del Cinema Italiano 1945-1955, a cura di Gianni Rondolino, Editore Bolaffi, Torino, 1967.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema