Agenore Incrocci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Agenore Incrocci, noto anche col nome d'arte Age (Brescia, 4 luglio 1919Roma, 15 novembre 2005), è stato uno sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello minore dell'attrice Zoe Incrocci, trascorre l'infanzia girando con la famiglia, costretta a spostarsi per motivi di lavoro, per tutta l'Italia.

Trova impiego presso una stazione radiofonica ed inizia a lavorare come giornalista, scrivendo testi comici per il varietà. Nel frattempo s'iscrive alla facoltà di Giurisprudenza, per interrompere gli studi a pochi esami dal conseguimento della laurea.

Durante la Seconda guerra mondiale è costretto ad abbandonare il suo lavoro per prestare servizio nell'esercito e passa i primi quattro anni in Francia, tra l'esercito francese e le prigioni tedesche, riuscendo a fuggire arruolandosi poi per un anno nell'esercito statunitense. Tornato dal fronte, ritorna a lavorare in radio, iniziando allo stesso tempo a scrivere per alcune riviste teatrali e testate umoristiche.

In coppia con Furio Scarpelli, con cui forma la coppia storica Age & Scarpelli, hanno operato con inesauribile vena nel filone comico del dopoguerra prima, nella cosiddetta commedia all'italiana poi, lavorando con i maggiori esponenti del genere, da Monicelli (I soliti ignoti, 1958; La grande guerra, 1959; L'armata Brancaleone, 1966; Romanzo popolare, 1974) a Germi (Sedotta e abbandonata, 1964; Signore & signori, 1966; Alfredo, Alfredo, 1972), da Dino Risi (I mostri, 1963) a Comencini (Tutti a casa, 1960) e Scola (C'eravamo tanto amati, 1974).

Con il decadimento della commedia all'italiana, anche i due sceneggiatori perdono l'incisività dei loro momenti migliori e si separano.

Age firma opere minori come Dagobert di Risi e Il conte Max di Christian De Sica.

Nel 1990 pubblica Scriviamo un film, un manuale di tecnica della sceneggiatura che riscuote un discreto successo.

Age, da tempo malato, si spegne in un ospedale romano all'età di 86 anni.

Nel luglio del 2010: Prima Edizione del Premio Age a Pescasseroli: "Celebrare i morti è diventato quasi una routine, ma nel caso di Age è diverso: è uno dei protagonisti del cinema italiano ad averlo meritato di più". Con queste parole Ettore Scola ha presentato la prima edizione del premio a lui dedicato. Questa manifestazione rende omaggio alla figura e all'eredità artistica del grande sceneggiatore, Agenore Incrocci, in arte Age, il Comune di Pescasseroli ha istituito il Premio perché la località abruzzese ha adottato da tempo come concittadino Age che vi trascorse lunghi periodi ed oggi è sepolto nel cimitero del paese.

19-24 luglio 2011: Seconda edizione del premio Age - Tutti a casa non è solo un gioco di parole che richiama il celebre film scritto da Age per Luigi Comencini ma permette di evidenziare l’apertura per la prima volta al pubblico della sua casa a Pescasseroli, la bella località abruzzese. La visita all’abitazione, guidata affettuosamente dagli amici Ettore e Silvia Scola, Dacia Maraini con il figlio Alberto Incrocci, ripercorre una memoria intatta di scritti, foto, il curatissimo giardino, angoli intimi e sale di spassosi giochi e passatempi. Il premio Age 2011 va a Paola Cortellesi quale interprete eccellente della commedia italiana, non solo cinematografica.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 268129262 SBN: IT\ICCU\CFIV\038076