Carbognano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carbognano
comune
Carbognano – Stemma Carbognano – Bandiera
Carbognano – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Viterbo-Stemma.png Viterbo
Amministrazione
Sindaco Agostino Gasbarri (Lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 42°19′57″N 12°15′55″E / 42.3325°N 12.265278°E42.3325; 12.265278 (Carbognano)Coordinate: 42°19′57″N 12°15′55″E / 42.3325°N 12.265278°E42.3325; 12.265278 (Carbognano)
Altitudine 394 m s.l.m.
Superficie 17,25 km²
Abitanti 2 007[1] (31-12-2012)
Densità 116,35 ab./km²
Comuni confinanti Caprarola, Fabrica di Roma, Nepi, Vallerano
Altre informazioni
Cod. postale 01030
Prefisso 0761
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 056016
Cod. catastale B735
Targa VT
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti carbognanesi
Patrono san Filippo Neri
Giorno festivo 26 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Carbognano
Posizione del comune di Carbognano nella provincia di Viterbo
Posizione del comune di Carbognano nella provincia di Viterbo
Sito istituzionale
Vista del Castello e della chiesa di San Pietro a Carbognano.
Palazzo comunale.
Via cittadina.

Carbognano è un comune italiano con 2007 abitanti della provincia di Viterbo nel Lazio. Dista dal capoluogo circa 22 km.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Centro agricolo dei Monti Cimini, sulle pendici orientali del recinto craterico del lago di Vico. Sorge alla confluenza di due vallecole tributarie del rio Sorcello, affluente del Tevere.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini di Carbognano sono molto antiche e sembrano risalire ad epoca Etrusca e Romana[senza fonte]. La sua posizione a ridosso dei monti Cimini, nella parte meridionale dell'Etruria, lascia immaginare che il territorio sia stato considerato fin dal IV secolo a.C., un presidio strategico[senza fonte]. Lo testimoniano alcuni rudimentali sepolcreti in località Costa dei galli che dovettero servire più a soldati e genti di passaggio che a una comunità stabilmente insediata nel luogo.

Notizie certe si hanno soltanto a partire dal X secolo quando il feudo risulta iscritto tra i possedimenti dell'Abbazia di Farfa. Nel secolo XIV appartenne alla potente famiglia dei Prefetti di Vico e successivamente passò tra i possedimenti della Camera Apostolica. Nel 1494 Papa Alessandro VI Borgia decise di concedere Carbognano ad Orsino Orsini, signore di Bassanello e a sua moglie Giulia Farnese che vi soggiornò fino al 1522. Dopo di lei sua figlia Laura lo lasciò in eredità a Giulio della Rovere, nato dal suo matrimonio con Nicolò della Rovere.

Nel 1630, Papa Urbano VIII Barberini elevò Carbognano a Principato e, dopo una serie di unioni matrimoniali, esso finì tra i possedimenti della famiglia Colonna di Sciarra, a cui rimase fino al 1870.

L'origine del nome[modifica | modifica sorgente]

L’origine del nome di Carbognano è incerta; si possono tuttavia avanzare alcune ipotesi:

  1. Sul colle di Sant’Eutizio sorgeva un tempio dedicato al dio Giano (Ara Jani: Altare di Giano) denominato successivamente Castellaccio di Arignano. Da cui Ara Jani - Arignano - Carbognano;
  2. Un antico patrizio romano di nome Carbilio, attratto dalla bellezza del luogo, vi costruì una villa, storicamente documentata, per trascorrervi il proprio tempo libero. Da cui Villa Caribilia - Carbiliano - Carbognano;
  3. Nel territorio di Carbognano, un tempo, c’era una villa della famiglia Romana “Carbones”, ricordata anche da Tacito. Alla famiglia apparteneva Luca Papino Carbone. Da cui Carbone - Carbognano;
  4. La zona, inserita nel cuore della Selva Cimina, è stata sempre ricca di tronchi di castagno e di quercia che avrebbero potuto offrire giacimenti di carbone.

In passato il paese fu chiamato anche Corvignanum o Carmignano come si ricava da una bolla di Eugenio IV del 1443. Il suo nome compare per la prima volta in un documento del Regesto farfense (817) dove è menzionato un fundum Carbonianum di proprietà dell’Abbazia di Farfa. La sua storia è legata alle vicende del castello che ancora oggi si erge maestoso nel centro del paese e domina con la sua torre quadrata visibile da ogni ingresso del paese.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

La parrocchiale si presenta in veste neoclassica. Nei pressi del paese vi sono le chiese di Sant'Eutizio e di San Donato, ambedue di origine medievale.

Molte altre chiese si possono incontrare nel centro del paese, come la seicentesca chiesa barocca di San Filippo Neri eretta nel 1636 da Orazio Giustiniani prete della congregazione divenuto poi cardinale, essa è la prima chiesa al mondo costruita in onore di San Filippo.

Nella vallata che si adagia sotto il Castello Farnese, si erge solitaria la settecentesca Chiesa dedicata a Sant'Anna fatta costruire per volontà e con gli sforzi del popolo di Carbognano particolarmente devoto alla Santa.

La chiesa di Santa Maria della Concezione è invece di epoca cinquecentesca, esse venne costruita per volere di Giulia Farnese signora di Carbognano, nel suo lungo periodo di residenza presso l'omonimo castello baronale.

Riveste particolare importanza la Chiesa della Madonna della Valle che custodisce il prezioso affresco di Antonio del Massaro da Viterbo detto il Pastura, raffigurante la Madonna col Bambino.

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

  • Il palazzo baronale è una robusta e massiccia mole risalente al tardo Rinascimento, con resti di costruzioni medievali.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]


Popolazione straniera[modifica | modifica sorgente]

67% rumena.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

Carbognano è collegata tramite la Strada Provinciale 35 Ronciglionese a Fabrica di Roma e Caprarola.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1927, a seguito del riordino delle Circoscrizioni Provinciali stabilito dal regio decreto N°1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Viterbo, Carbognano passò dalla provincia di Roma a quella di Viterbo.

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Fa parte della Comunità Montana Cimini.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2012.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio