Castiglione in Teverina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castiglione in Teverina
comune
Castiglione in Teverina – Stemma Castiglione in Teverina – Bandiera
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Viterbo-Stemma.png Viterbo
Sindaco Mirco Luzi (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 42°38′56″N 12°12′15″E / 42.648889°N 12.204167°E42.648889; 12.204167 (Castiglione in Teverina)Coordinate: 42°38′56″N 12°12′15″E / 42.648889°N 12.204167°E42.648889; 12.204167 (Castiglione in Teverina)
Altitudine 228 m s.l.m.
Superficie 19,96 km²
Abitanti 2 416[1] (30-04-2013)
Densità 121,04 ab./km²
Frazioni Sermugnano, Vaiano
Comuni confinanti Bagnoregio, Civitella d'Agliano, Lubriano, Orvieto (TR)
Altre informazioni
Cod. postale 01024
Prefisso 0761
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 056018
Cod. catastale C315
Targa VT
Cl. sismica zona 2B (sismicità media)
Nome abitanti castiglionesi
Patrono SS. Filippo e Giacomo (santissimo Crocifisso) - Madonna della Neve
Giorno festivo 3 maggio - 5 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Castiglione in Teverina
Posizione del comune di Castiglione in Teverina nella provincia di Viterbo
Posizione del comune di Castiglione in Teverina nella provincia di Viterbo
Sito istituzionale

Castiglione in Teverina è un comune italiano di 2.416 abitanti, sito in provincia di Viterbo a 38 chilometri dal Capoluogo.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Castiglione in Teverina si trova ai confini tra Lazio ed Umbria, su di una collina che si affaccia sulla valle del Tevere.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Classificazione climatica: zona D, 1826 GR/G

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il suo territorio è stato abitato da Villanoviani ed Etruschi. L’attuale abitato è sorto intorno all’Anno Mille attorno ad una rocca, dove nel 1351 vi furono trasferiti gli abitanti della distrutta Paterno. Nel Medioevo fu feudo dei Monaldeschi della Cervara e dei Savelli. Ceduto ai Farnese nel 1539, fece parte del ducato di Castro fino al 1637, quando i castiglionesi, stanchi di passare da un padrone all’altro, "si riscattarono" contraendo un censo di 20.000 scudi.

Castiglione visse rilevanti avvenimenti nel Risorgimento, particolarmente dopo il 1860, quando facendo ancora parte dello Stato pontificio venne a trovarsi a meno di un chilometro dal confine dal Regno d'Italia, nel quale fu annesso il 18 settembre 1870, due giorni prima della Breccia di Porta Pia.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]


Cultura[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Si festeggiano le seguenti ricorrenze religiose:

  • 29 aprile/3 maggio 2013 - SS. Crocefisso (Festa Patronale)
  • 13 giugno 2013 - Festa di S. Antonio da Padova
  • 5 agosto 2013 - Festa della Madonna della Neve (Festa Patronale)

E le seguenti ricorrenze civili

  • 13 e 14 luglio 2013 - X Festa della Trebbiatura
  • 7/11 agosto 2013 - XXX Festa del Vino dei colli del Tevere
  • 8/10 novembre 2013 - XIX Festa di San Martino Olio Funghi e Vino

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

Castiglione in Teverina è collegata tramite la Strada Provinciale 5 Teverina, a Civitella d'Agliano, da dove si raggiungono Celleno e Viterbo.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1927, a seguito del riordino delle Circoscrizioni Provinciali stabilito dal regio decreto N°1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Viterbo, Castiglione in Teverina passò dalla provincia di Roma a quella di Viterbo.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1] - Popolazione residente al 31 gennaio 2013.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio