Cantone francese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce è parte della serie su: Divisioni amministrative della Francia

(incl. Regioni d'oltremare)

(incl. Dipartimenti d'oltremare)

Cantoni

Comunità urbane
Comunità di agglomerazione
Comunità di comuni
Syndicat d'agglomération nouvelle

Comuni associati
Arrondissements municipali

Collettività d'oltremare
Collettività sui generis
Paese d'oltremare
Territori d'oltremare
Proprietà demaniale dello Stato

In Francia, un cantone è una divisione amministrativa in cui è diviso ogni arrondissement dipartimentale.

Ruolo e amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Il ruolo dei cantoni, entità prive di personalità giuridica, è essenzialmente di fornire una struttura elettorale; alle elezioni cantonali, ogni cantone elegge la persona incaricata di rappresentarlo al consiglio generale del dipartimento (eccetto Parigi, dove il consiglio di Parigi è eletto seguendo un modo operativo diverso; non esistono quindi cantoni parigini nel senso elettorale del termine mentre, da un punto di vista statistico i 20 arrondissement della capitale sono talvolta considerati come cantoni). In zona urbana, uno stesso comune ricopre generalmente diversi cantoni; nelle aree rurali invece un cantone è di solito formato da più piccoli comuni; succede allora frequentemente che i principali servizi amministrativi (brigata di gendarmeria, ecc.) siano concentrati nel capoluogo del cantone.

I cantoni formano una circoscrizione giudiziaria come una sede del tribunale di prima istanza. Storicamente i cantoni sono chiamati «tribunali di pace».

Storia[modifica | modifica sorgente]

I cantoni furono creati nel 1790, contemporaneamente ai dipartimenti, dal Comitato per la divisione del territorio. Essi furono inizialmente raggruppati in distretti e poi, con la soppressione di questi nel 1800, in arrondissement.

Al momento della loro creazione i cantoni erano ben più numerosi di oggi (fra 40 e 60 a seconda del dipartimento). Il loro numero fu drasticamente diminuito (fra 30 e 50) dalla legge dell'8 Piovoso dell'anno IX (28 gennaio 1801) intitolata « legge portante riduzione del numero di tribunali di pace ». I primi prefetti nominati dal governo furono incaricati di stabilire nel loro dipartimento la ripartizione dei comuni in ogni nuovo cantone. Queste liste dipartimentali, una volta approvate del governo, furono pubblicate nel Bollettino delle leggi negli anni 1801-1802 e costituiscono la base della divisione della Francia in cantoni ancora esistente.

Dal 1800, alcuni cantoni troppo poco popolati sono stati soppressi, mentre ne furono creati di nuovi in zone che avevano conosciuto una forte crescita demografica, principalmente in zone urbane. In totale il loro numero è sensibilmente aumentato.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Il numero di cantoni è variabile da un dipartimento all'altro (il Territorio di Belfort ne possiede 15, il Nord 79). In totale in Francia nel 2011 esistevano 4.058 cantoni, di cui 175 nei dipartimenti d'Oltremare.