Contee tradizionali della Scozia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ex Palazzo della Contea a Paisley, sede del consiglio del Renfrewshire.

Le contee della Scozia (in lingua scots: Scots Counties, in gaelico scozzese: Siorrachdan na h-Alba) sono suddivisioni storiche della Scozia.

Ogni contea scozzese inviava un Commissario al Parlamento di Scozia; queste figure tracciano le loro origini fino ai mormaer, gli stewart e gli sceriffi dell'Alto Medioevo. Molte di queste entità, seppur condividendo il nome con una contea creata successivamente, rappresentano in realtà un'area diversa, maggiore o minore. Il caso del Mormaerdom di Moray, che include parti delle contee successive di Moray, e di Nairnshire, Banffshire e Inverness-shire, è un esempio di tale differenza.[1]

A partire dal regno di Giacomo IV, gli sceriffati furono utilizzati per selezionare Commissari per il Parlamento di Scozia, costituendo le basi per le circoscrizioni elettorali che esistettero in maniera distinta dalle circoscrizioni di burgh fino alla Legge sulla Rappresentanza del Popolo del 1918. Prima dell'Unione del 1707, i commissari potevano rappresentare contee multiple, e, occasionalmente, parti di contea. Dopo l'Unione furono lasciate otto contee, che eleggevano un membro (ad elezioni alterne) alla Camera dei Comuni del Regno Unito. Alcuni sceriffati, tra cui Ross e Cromartyshire, furono unite durante il XVIII secolo. In conseguenza della Riforma del 1832, il sistema di accoppiamento alle elezioni terminò, e Elginshire e Nairnshire furono unite in un'unica circoscrizione, come anche Ross e Cromartyshire, oltre a Clackmannanshire e Kinross-shire. Bute e Caithness, in precedenza accoppiate, divennero circoscrizioni separate.

La Scozia ha ancora circoscrizioni di contea al Parlamento del Regno Unito (Westminster), e lo stesso termine viene utilizzato in relazione alle circoscrizioni del Parlamento scozzese (Holyrood) creato nel 1999.

Storicamente, le circoscrizioni di contea non rappresentavano specifiche contee (eccetto i burgh parlamentari all'interno delle contee). Oggi, tuttavia, la parola contea in circoscrizione di contea significa principalmente "rurale". In maniera del tutto analoga, le circoscrizioni di burgh sono principalmente riferite ad aree urbane.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Sceriffati o contee[modifica | modifica wikitesto]

Sembra che Malcolm III (che regnò dal 1058 al 1093) abbia introdotto gli sceriffi come ufficiali di polizia per sostituire le strutture feudali di governo dei celti durante il periodo dei normanne.[2]

L'istituzione proseguì con Edgar (che regnò dal 1097 al 1107), con Alessandro I (che regnò dal 1107 al 1124) e in particolare con Davide I, che regnò dal 1124 al 1153. Davide completò la divisione della nazione in sceriffati e la conversione dei vecchi thane.[3][4]

Le aree sotto la giurisdizione degli sceriffi — conosciute come "contee" o "sceriffati" — furono anche registrate come "vice comitatas". Ad esempio Giovanni, che regnò dal 1292 al 1296, fu nominato a capo dei Vice Comitatis di Nort Argail, e Steward fu nominato a capo dei Vice-Comitatis delle terre.

Stayhar (Stair) fu nel "Vicecomitatus de Air" (Contea di Ayr / Ayrshire).[5] Nel Registro del Gran Sigillo di Scozia, AD1306-1424 APP.1, c'è una carta n°110 per Malcolm Fleming de comitatu de Wigtoun delle terre nel "vicecomitatus" de Wigtoun; "Comitatus" significa "Contea".[6] Fleming fu presente nell'Indice "Officiorum" come "Comes de Wigtoun" o "Conte di Wigtoun" (non Wigtownshire). Vi sono numerosi riferimenti in questo volume I del R.M.S. per il "vicecomitatu" (contea), incluso re Davide II (che regnò dal 1329 al 1371): n° 1152 Aberdeen. Banff, n° 1153 & 1154 Drumfries, n° 1155 & 1166 Lanark, n° 1158 Selkirk, 1160 & 1163 Edinburgh, n° 1164 Fife, n° 1165 Berwick, n° 1172 Dumbarton. Nessuna di queste era censita come "contea", ma come "vicecomitatu".

Le contee furono registrate come vice-contee, ed intese come divisione geografica delle isole britanniche utilizzate per scopi di registrazioni biologiche e altri dati scientifici. Furono anche chiamate vice-contee watsoniane, ed utilizzate ed elencate da Hewett Watson nel terzo volume del suo Cybele Britannica pubblicato nel 1852.[7]

Le contee delle Highlands furono completate solamente nel regno di Carlo I, che regnò dal 1625 al 1649.

Contee esistenti dal 1305[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1305 Edoardo I d'Inghilterra, che aveva deposto Giovanni di Scozia, emise un'Ordinanza per il Governo della Scozia. Il documento elencava le 23 contee allora esistenti e nominò nuovi sceriffi oppure confermò quelli ereditari.[3]

a Nota: Gospatric fu citato come sceriffo in alcune carte di Davide I.[8][9] La contea non era compresa nell'Ordinanza, e sembra che nel 1305 fosse parzialmente sotto la giurisdizione dello Sceriffo di Selkirk, mentre la restante parte era compresa nel corpo di polizia del costabile di Berwick.[10] La contea fu una di quelle che si arresero a Edoardo III d'Inghilterra nel 1334.[11]

Contee costituite dopo il 1305[modifica | modifica wikitesto]

Le restanti contee furono costituite o per espansione territoriale del Regno di Scozia, o per suddivisione degli sceriffati esistenti. Molte delle nuove contee avevano confini altamente irregolari o parti distaccate, dato che erano nate unendo i vari possedimenti degli sceriffi ereditari.

  • ca 1326: Argyll (o Argyle): signoria sottomessa da Alessandro II nel 1222. Le rivendicazioni norvegesi sull'area terminarono nel 1266. La prima menzione di nomina di uno sceriffo risale al 1326.[12]
  • 1369: Kirkcudbright fu costituita quando le aree tra i fiumi Nith e Cree furono assegnate a Archibald Douglas, III conte di Douglas. Archibald nominò un sottoposto per l'amministrazione della regione.[13]
  • ca 1388: Bute. Le isole facevano parte del distretto di Kintyre di Argyll. Uno sceriffo ereditario fu nominato nel 1388.
  • 1402: Renfrew: separata dalla contea di Lanark da Roberto III.[14]
  • 1503: Ross fu costituita da porzioni di Argyll con una legge del 1503. La baronìa di Tarbert fu annessa a Cromarty nel 1685, ma fu poi restituita.
  • 1503: Caithness: fu separata dallo sceriffato di Inverness con una legge del 1503 durante il regno di Giacomo IV. Con questa legislazione, lo sceriffo di Caithness doveva risiedere a Dornoch e Wick, e l'area dello sceriffato doveva essere identica a quella della Diocesi di Caithness.
  • 1581: le Orcadi (Orkney) furono elevate a signoria con il diritto di sceriffato. Furono annesse ai territori della Corona nel 1612, anche se il termine "signoria" continuò ad essere applicato all'area.[15]
  • 1633: Sutherland fu separata da Inverness.b
b Nota: nel 1583 il Conte di Huntly, sceriffo ereditario di Inverness, assegnò al Conte di Sutherland la giurisdizione sullo sceriffato di Sutherland e Strathnaver. Questa era solamente la parte sud-orientale della futura contea, con il fiume Halladale a costituirne il confine. La contea fu formata nel 1631 dalla legge di Carlo I, che separata Sutherland da Inverness. La nuova contea comprendeva il Contado di Sutherland insieme ad Assynt e le baronie tra Ross e Caithness. Dornoch divenne il capoluogo della contea. La legge fu confermata dal Parlamento di Scozia nel 1633.[16]

L'Atto di Unione del 1707 e la fine dell'ereditarietà[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dell'unione della Scozia con Inghilterra e Galles, il termine "contea" iniziò ad essere applicato agli sceriffati negli atti parlamentari. La macchina governativa delle contee che esisteva nel resto della Gran Bretagna non fu istituita immediatamente, e questo avvenne per il fatto che la carica di sceriffo o steward era divenuta ereditaria in alcune famiglie nella maggioranza degli sceriffati. Con l'inizio del regno di Giorgio II, 22 sceriffi erano ereditari, 3 erano nominati a vita e solo 8 mantenevano la carica secondo il gradimento del monarca.[17] Dopo il fallimento della rivolta giacobita del 1745, il governo colse l'opportunità per revisionare il governo delle contee. La legge sulle giurisdizioni ereditabili del 1747 fece tornare il governo delle contee nelle mani della Corona, compensando i detentori delle cariche che erano per questo stati dimessi. Un'altra legge del 1747 ridusse la carica dello Sceriffo Principale a una figura cerimoniale, con un sostituto (o vice) nominato in ogni contea. Dodici delle contee minori furono unite due a due per formare sceriffati, un processo di amalgama che proseguì fino al XX secolo.[18] Nel 1794 in ogni contea fu nominato un lord luogotenente, e nel 1797 furono istutuiti reggimenti di milizie nelle contee, portando la Scozia in linea con Inghilterra, Galles ed Irlanda.

Contee fino al 1890[modifica | modifica wikitesto]

Contee tradizionali scozzesi fino al 1890
  1. Caithness
  2. Sutherland
  3. Ross-shire
  4. Cromartyshire
  5. Inverness-shire
  6. Nairnshire
  7. Morayshire
  8. Banffshire
  9. Aberdeenshire
  10. Kincardineshire
  11. Angus (contea)
  12. Perthshire
  13. Argyll
  14. Bute (contea)
  15. Ayrshire
  16. Renfrewshire
  17. Dunbartonshire
  18. Stirlingshire
  1. Clackmannanshire
  2. Kinross-shire
  3. Fife
  4. Lothian occidentale
  5. Midlothian
  6. Lothian orientale
  7. Berwickshire
  8. Roxburghshire
  9. Dumfriesshire
  10. Kirkcudbrightshire
  11. Wigtownshire
  12. Lanarkshire
  13. Selkirkshire
  14. Peeblesshire
Non visibili:
Isole Shetland
Isole Orcadi

ScotlandTradNumbered.png

Nel 1889 con il local Government Act, molte di queste contee, soprattutto le più piccole, furono accorpate a formare un'unica area amministrativa, come accadde ad esempio al Ross-shire e al Cromartyshire divenute così l'amministrazione del Ross e Cromarty.

Si può notare che la mappa mostra un grande numero di exclavi fisicamente staccate dalla contea di cui facevano parte politicamente. I confini del Cromartyshire, un esempio di particolare frammentazione, furono definiti nel 1685, anche se allora il termine "contea" non era ancora applicato allo sceriffato.

Contee dal 1890 al 1975[modifica | modifica wikitesto]

Scotland Administrative Map 1947.png


Nomi alternativi:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ Giovanni di Fordun scrisse che Malcolm II aveva introdotto le contee in Scozia. Le contee sono certamente menzionate nelle carte a partire dal regno di Malcolm III, ad esempio quella della Chiesa di Dunfermline, anni 1070-1093
  3. ^ a b James Wallace, The Sheriffdom of Clackmannan. A sketch of its history with a list of its sheriffs and excerpts from the records of court compiled from public documents and other authorities with preparatory notes on the office of Sheriff in Scotland, his powers and duties, Edinburgh, James Thin, 1890, pp. 7–19.
  4. ^ Il primo sceriffato a sud del fiume Forth che conosciamo per certo è Haddingtonshire, che viene citato in una carta del 1139 come "Hadintunschira" (Lettera di Re Davide alla chiesa di Sant'Andrea della chiesa di Santa Maria a Haddington), e nel 1141 come "Hadintunshire" (Lettera di Re Davide che assegnaClerchetune alla chiesa di Santa Maria di Haddington). Nel 1150 una carta cita Stirlingshire ("Striuelinschire"). (Lettera di Re Davide che assegna alla chiesa di Clackmannan, all'Abbazia di Stirling)
  5. ^ La Carta di Re Roberto I in http://archive.org/stream/indexdrawnupabou00grea#page/14/mode/1up
  6. ^ comitatus - Wiktionary. En.wiktionary.org (2013-05-20).
  7. ^ Cybele Britannica : or British Plants and their geographical relations (1847) by Hewett Cottrell Watson. http://archive.org/stream/cybelebritannica01wats#page/16/mode/2up http://archive.org/stream/cu31924000407506#page/n49/mode/2up
  8. ^ The Charters of David I: The Writtens Acts of David King of Scots, 1124—53, and of his son Henry Earl of Northumberland, 1139—52, Boydell Press, 1999, pp. 59–60, 69–70.
  9. ^ The Sheriffs of Scotland : An Interim List to C.1306, University of St. Andrews Library [on behalf of] The Scottish Medievalists, 2002.
  10. ^ Robert Kerr, The History of Scotland during the Reign of Robert I, Edinburgh, 1811, p. 152.
  11. ^ Andrew D M Barrell, Medieval Scotland, Edinburgh, Cambridge University Press, 2000, p. 127.
  12. ^ Peter MacNair, Argyllshire and Buteshire, London, Cambridge University Press, 1914, pp. 1, 69.
  13. ^ William Learmonth, Kirkcudbrightshire and Wigtownshire, London, Cambridge University Press, 1920, pp. 2–3.
  14. ^ Frederick Mort, Renfrewshire, London, Cambridge University Press, 1919, p. 3.
  15. ^ Orkney (Ocradi) e Zetland (Shetland) erano in genere trattate come una singola contea, con Orkney descritta come "contea", e Zetland descritta come "signoria". Esse costituirono un'unica circoscrizione elettorale alla Camera dei Comuni, come già avveniva al Parlamento di Scozia, ed erano considerate unite ai fini del censimento.
  16. ^ H F Campbell, Caithness & Sutherland, Cambridge, Cambridge University Press, 1920, pp. 79–80.
  17. ^ Gli sceriffati ereditari erano Argyll, Bute, Banff, Caithness, Clackmannan, Cromarty, Dumbarton, Dumfries, Elgin, Fife, Kinross, Kirkcudbright (Stewartry), Linlithgow, Nairn, Orkney & Zetland, Peebles, Renfrew, Roxburgh, Selkirk, Sutherland, Stirling e Wigtown; quelli nominati a vita erano Perth, Forfar e Ayr; quelli la cui durata della carica era stabilita dal sovrano erano Aberdeen, Berwick, Edinburgh, Haddington, Inverness, Kincardine, Lanark e Ross The Reform of the Scottish Sheriffdoms in the Eighteenth and Early Nineteenth Centuries in Albion: A Quarterly Journal Concerned with British Studies, vol. 9, nº 1, The North American Conference on British Studies, pp. 61–71.
  18. ^ Christopher A Whatley, Scottish Society 1707-1820, Manchester University Press, 2000, p. 147, ISBN 978-0-7190-4540-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito