Antonio Delfini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Delfini (Modena, 10 giugno 1907Modena, 23 febbraio 1963) è stato uno scrittore, poeta e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Antonio Delfini nasce a Modena il 10 giugno 1907 in una ricca famiglia di proprietari terrieri della bassa modenese: la villa familiare, tuttora esistente, è fra Cavezzo e Disvetro[1]. Tredicenne, si iscrive alla fine del 1920 all'avanguardia giovanile fascista, e in seguito al PNF, da cui si distaccherà progressivamente negli anni seguenti.

Autodidatta (non compie studi regolari), comincia a scrivere nella seconda metà degli anni venti, grazie alla figura del filosofo Pietro Zanfrognini e a Ugo Guandalini (il futuro editore Guanda), con il quale fonda e dirige un periodico, «L'ariete» (1927, numero unico sequestrato e soppresso appena uscito). Scrive Delfini, nei suoi Diari, come proprio dallo zio Pierino (così lo chiamava, in verità erano cugini ma con una notevole differenza d'età) stesse imparando lo "stile". Da solo fonda e dirige «Lo spettatore italiano» (tre numeri, 1928-1929). In seguito collabora con alcuni periodici («Mutina», «Il Tevere»).

Nel 1931 pubblica Ritorno in città, raccolta di brevi prose di chiara matrice baudelairiana (si vedano soprattutto i Petits poèmes en prose).

L'amico Mario Pannunzio lo introduce negli ambienti letterari di Roma, e Delfini entra nel comitato fondatore della rivista «Oggi» (dove tra altri figura anche il nome del giovane Alberto Moravia). Delfini rimane però estraneo al programma letterario della rivista che sarebbe destinata a diventare l'organo ufficiale del "contenutismo". Con Pannunzio fonda nel 1935 un'altra rivista dalla breve vita (quattro numeri), «Caratteri».

Venduta la casa di Modena alla fine del 1935, si trasferisce a Firenze, dove entra in contatto con l'ambiente culturale del caffè Giubbe Rosse e stringe amicizie importanti con scrittori e intellettuali come Romano Bilenchi, Carlo Bo, Carlo Emilio Gadda, Tommaso Landolfi, Mario Luzi, Eugenio Montale ecc.

Nel 1938 esce presso l'editore fiorentino Parenti il volume Il ricordo della basca, raccolta di dieci racconti in cui Delfini crea l'immagine di una Modena (M***) insieme reale e immaginaria, in cui sogno e realtà danno luogo a un intreccio di forte carica simbolica e emotiva.

Si impegna più volte in politica, ma in maniera decisamente semiseria. Nei Diari afferma di essere entrato nel Fascio all'improbabile età di dodici anni e di aver preso ad odiare ben presto più che il Fascio i fascisti; dichiara di essere un anarchico di destra e di considerare peggiori dei fascisti gli antifascisti. Nel 1951 scrive, senza alcun riscontro politico, il Manifesto per un partito conservatore e comunista, che progettava di realizzare già negli anni Trenta quando era dell'idea che dovesse esistere un Partito rivoluzionario europeo che "a seconda dei bisogni dell'umanità" avrebbe dovuto essere liberale, conservatore, democratico, repubblicano e comunista in modo da conciliare costantemente rivoluzione e conservazione[2]. Finisce per fondare un giornale dal titolo Il Liberale[3].

Nel 1956 Delfini propone una nuova edizione del Ricordo della Basca, ampliata da una lunga introduzione autobiografica considerata il vero capolavoro dello scrittore modenese. Si tratta di un testo assolutamente nuovo per la sua modernità all'interno della letteratura italiana degli anni cinquanta, in cui l'autore, con profonda e disperata ironia, racconta di un personaggio-scrittore sdoppiato e sparuto, divorato da un'Italia provinciale dominata da figure marginali e corrotte.

Nel 1957 esce il volume La Rosina perduta che ripropone anche il testo (già pubblicato nel 1940 sulle fascistissime Edizioni di «Rivoluzione»[3].) del Fanalino della Battimonda, racconto scritto secondo il modello della scrittura automatica dei surrealisti francesi. Il surrealismo di Delfini (dalla critica letteraria spesso dato per scontato) va preso con qualche riserva, data la scarsa sistematicità dell'approccio surrealista dell'autore italiano: Delfini stesso preferisce parlare di "emotivismo".

Nel 1959 esce a Milano Misa Bovetti e altre cronache in cui Antonio Delfini dà luogo a un'opera in cui l'immaginario risulta ricco di spunti comici e grotteschi, tesi a smascherare il volto mostruoso del capitalismo all'italiana.

Una dolorosa vicenda amorosa lo spinge a scrivere le Poesie della fine del mondo che escono presso Feltrinelli grazie all'interessamento di Giorgio Bassani) nel 1960. Del 1962 è Modena 1831, città della Chartreuse, ultimo libro edito in vita e piccolo testamento letterario dello scrittore.

Antonio Delfini muore il 23 febbraio 1963. Pochi mesi dopo la sua morte, I racconti (titolo dato da Garzanti alla terza edizione del Ricordo della Basca) vinceranno un molto discusso Premio Viareggio.

I suoi Diari sono pubblicati da Einaudi nel 1982 grazie all'interessamento di Natalia Ginzburg. Altre opere postume sono state raccolte dall'amico Cesare Garboli.

Ad Antonio Delfini è dedicata la biblioteca civica di Modena dal novembre del 1992[4]

L'Ert (Emilia Romagna Teatro) nella stagione 2009/2010 ha messo in scena un testo teatrale di Roberto Barbolini incentrato sulla figura di Antonio Delfini Lo spettacolo dal titolo Io parlo ai perduti[5] ha avuto come regista Claudio Longhi.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Poesia[modifica | modifica sorgente]

Narrativa[modifica | modifica sorgente]

  • «L'ariete. Riforma» (Modena 1927) (con Ugo Guandalini).
  • Ritorno in città, Modena, Scrittori padani, 1931.
  • Ritorno in città, Modena, Guanda, 1933 (è l'ed. del 1931 ricopertinata).
  • «Caratteri» (Roma 1935) (con Mario Pannunzio).
  • Il ricordo della basca, Firenze, Parenti, 1938.
  • Il fanalino della Battimonda, Firenze, Edizioni di «Rivoluzione», 1940.
  • «Il liberale» (Viareggio 1953).
  • Il ricordo della basca, Pisa, Nistri Lischi, 1956.
  • La Rosina perduta, Firenze, Vallecchi, 1957.
  • Misa Bovetti e altre cronache, Milano, All'insegna del pesce d'oro, 1959.
  • Modena 1831, città della Chartreuse, Milano, All'insegna del pesce d'oro, 1962.
  • I racconti, Milano, Garzanti, 1963 (Premio Viareggio 1963).
  • Lettere d'amore e Ritorno in città, Parma, Guanda, 1963.
  • Diari 1927-1961, a cura di Giovanna Delfini e Natalia Ginzburg; prefazione di Cesare Garboli, Torino, Einaudi, 1982.
  • Il ricordo della Basca, Torino, Einaudi, 1982. ISBN 88-06-05488-0
  • Note di uno sconosciuto e altri scritti (numero monografico di «Marka», 27, 1990).
  • Racconto non finito, prefazione di Cesare Garboli, Viareggio, Pegaso, 1992.
  • Il ricordo della basca, Milano, Garzanti, 1992.
  • Il fanalino della Battimonda, introduzione di Cesare Garboli, Milano, Lombardi, 1993. ISBN 88-7799-017-1
  • Modena 1831, città della Chartreuse, Milano, Scheiwiller, 1993.
  • Antonio Delfini (numero monografico di «Riga», 1994, pubblica il carteggio con Pannunzio e vari inediti).
  • Vagabondaggio primaverile e altri scritti, Pistoia, Via del vento, 2007.
  • Autore ignoto presenta. Racconti scelti e introdotti da Gianni Celati, Torino, Einaudi, 2008. ISBN 978-88-06-19246-4

Saggistica[modifica | modifica sorgente]

  • «Lo spettatore italiano» (Bologna 1928-1929).
  • Tabella delle più significative opere della letteratura italiana uscite fra le due grandi guerre 1918-1940, Parma, Guanda, 1943 (con lo pseudonimo di Franco Franchini).
  • Manifesto per un partito conservatore e comunista in Italia, Parma, Guanda, 1951.
  • Manifesto per un partito conservatore e comunista e altri scritti, a cura di Cesare Garboli, Milano, Garzanti, 1997. ISBN 88-11-59896-6

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ in via Dosso, visibile su Google Maps
  2. ^ Baldacci, Luigi, La guerra di Antonio conservatore e ribelle, in Il Corriere della Sera, 11 settembre 1992
  3. ^ a b Anonimo, Strampalato e geniale autore, fedele alla libertà, in Il Giornale, 21 luglio 2007
  4. ^ "Antonio Delfini (1907 - 1963)", Sito istituzionale Biblioteca Delfini
  5. ^ editore Artestampa 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Antonio Delfini (Modena 1907-1963). Immagini e documenti, a cura di Andrea Palazzi e Cinzia Pollicelli, Milano, Scheiwiller, 1983.
  • Antonio Delfini. Testimonianze e saggi, a cura di Cinzia Pollicelli, Modena, Mucchi, 1990.
  • Antonio Delfini, «Riga», n. 6, a cura di Andrea Palazzi e Marco Belpoliti (contiene testi di Delfini e di Giorgio Messori, Umberto Lacatena, Marco Belpoliti, Luigi Grazioli, Maurizio Salabelle, Claudio Piersanti, Candido Bonvicini, Marino Piazzolla, Elio Filippo Accrocca, Vasco Pratolini, Carlo Bo, Piero Santi, Eugenio Montale, Giorgio Bassani, Pier Paolo Pasolini, Giacinto Spagnoletti, Natalia Ginzburg, Manlio Cancogni, Alfredo Giuliani, Attilio Bertolucci, Cesare Garboli, Rosetta Loy, Ginevra Bompiani, Clio Pizzingrilli, Giorgio Agamben, Mario Molinari, Roberto Barbolini, Mario Bertoni, Daniele Garbuglia, Marco Sangiorgi, Giosetta Fioroni, Carlo Cecchi e Giuliano Della Casa.), Milano, Marcos y Marcos, 1994 ISBN 88-7168-109-6
  • Giulio Ungarelli, Antonio Delfini fra memoria e sogno. Prove di lettura, Roma, Bulzoni, 1973.
  • Giuseppe Marchetti, Delfini, Firenze, La Nuova Italia (collana "Il castoro" n. 102), 1975.
  • Stefano Calabrese, L'esilio del flâneur: la provincia di Delfini, Guanda e Zanfrognini, Ospedaletto, Pacini, 1992.
  • Immagini di Antonio Delfini a cura di Andrea Palazzi, Edizioni Artestampa, 2007 ISBN 978-88-89123-41-6
  • Luoghi e non luoghi, topografie di Alberto Bertoni, Luca Bonacini, Giorgio Boschini, Rosalba Caffo Dallari, Jonathan Sisco, Edizioni Artestampa, 2007 ISBN 978-88-89123-39-3
  • Stefano Calabrese, Antonio Delfini verofinto. Una metalessi italiana, Udine, Forum, 2007 ISBN 978-88-8420-445-5
  • Si scambiavano i paesaggi. Antonio Delfini, Margherita Matesillani, DVD di Carlo Borsari. In allegato: Itinerari e pianta dei luoghi di Delfini a Modena di Elis Colombini e Patrizia Belloi - Modena, Colombini Editore, 2007
  • Roberto Barbolini, Io parlo ai perduti. Le vite immaginarie di Antonio Delfini, Modena, Artestampa, 2010
  • Roberto Mosena, Antonio Delfini e il vagabondaggio nelle prose di Ritorno in città, in «Quaderni del ’900», n. X, 2010, Pisa-Roma, Fabrizio Serra, 2011, pp. 25–30
  • Francesco Astolfi, L'arte di Antonio Delfini, in "Otto/Novecento", a. XXXV, n. 1, gennaio/aprile 2011, pp. 173–186.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 120170568 LCCN: n/82/50790 SBN: IT\ICCU\CFIV\040575