Anna Seghers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Sentimmo tutti quanto profondamente e tremendamente le forze esteriori possono penetrare nell'uomo fin nell'intimo, ma sentimmo anche che nell'intimo esiste qualcosa di inafferrabile e di invulnerabile. »
(Anna Seghers, La settima croce, 1942)
Anna Seghers

Anna Seghers, pseudonimo di Netty Reiling (Magonza, 19 novembre 1900Berlino Est, 1º giugno 1983), è stata una scrittrice tedesca.

Nel 1924 si laureò con una tesi di laurea dedicata alla figura dell'ebreo e dell'ebraismo nell'opera di Rembrandt. L'anno successivo sposò lo scrittore ungherese László Radványi.

Dal 1928 fu iscritta al Partito Comunista e fu esule dal 1933, vivendo tra Francia e Messico. Tornò in patria nel 1947 stabilendosi nella Repubblica Democratica Tedesca. Dal 1952 al 1978 è stata presidentessa dell'Unione degli scrittori della Repubblica Democratica Tedesca, cercando di promuovere il recupero di alcuni temi, a partire da quelli legati all'immaginazione e al fantastico, all'interno della letteratura dei paesi socialisti.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Tomba di Anna Seghers a Berlino
  • La rivolta dei pescatori di Santa Barbara (Der Aufstand der Fischer von St.Barbara, 1928)
  • La via di febbraio (Der Weg durch den Februar, 1935)
  • Visto di transito (Transit, 1948)
  • I morti non invecchiano (Die Toten bleiben jung, 1949, ed. 2011 traduzione di Davide Rossi e Federico Brambilla)
  • La decisione (Die Entscheidung, 1959)
  • La forza dei deboli (Die Kraft der Schwachen, 1966).
  • La settima croce (Das siebte Kreuz, 1942)

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Premio Lenin per la Pace - nastrino per uniforme ordinaria Premio Lenin per la Pace
— Mosca, 1951

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 51684390 LCCN: n/50/054376