Christian Petzold (regista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Christian Petzold (Hilden, 14 settembre 1960) è un regista e sceneggiatore tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Hilden e cresciuto in Haan, dopo il diploma nel 1979, svolse il servizio civile in un piccolo club cinematografico della YMCA locale, in cui si proiettavano film a adolescenti con problemi[1].

Dal 1981 si trasferì a Berlino, dove studiò Teatro e Germanistica alla Libera Università di Berlino.

Nel periodo 1988-1994 completò la sua formazione presso la Deutsche Film- und Fernsehakademie Berlin (DFFB).

Il suo primo film fu Pilotinnen, che diresse per la sua laurea nel 1995. Nel 2005, il suo film Gespenster fu presentato al Festival internazionale del cinema di Berlino, come pure il suo film del 2007 Yella.

Petzold scrive da solo le sue sceneggiature, spesso collaborando con Harun Farocki. Siccome Farocki fu suo insegnante alla DFFB, egli ebbe ed ha una grande influenza su Petzold (così come l'hanno Angela Schanelec e Thomas Arslan); questo fatto pone tradizionalmente Petzold all'interno della cosiddetta Scuola di Berlino.

Comunque, mentre questo gruppo è spesso associato con un ritorno al realismo e al cinema politico, gli ultimi film di Petzold, a partire da Die innere Sicherheit, trattano principalmente di conflitti tra la vita e la morte attraverso situazioni lavorative.

In Gespenster il protagonista conduce un'esistenza simile a quella di un fantasma[2], in Yella il protagonista è, probabilmente, già morto al principio del film. Queste tre pellicole furono raggruppate nella cosiddetta Gespenster Trilogy[3].

Il film del 2008 Jerichow fu la sua quarta collaborazione con Nina Hoss dopo Something to remind me (in tedesco: Toter Mann), Wolfsburg e Yella. La trama narra di un soldato che, ritornato dall'Afghanistan a Prignitz, resta coinvolto in una relazione con una donna sposata. Il film ottenne una nomination nella competizione principale della 65ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia nel 2008. Nel 2009, Petzold fu nominato per questo film come best director per il premio Deutscher Filmpreis[4].


Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Film per la televisione:

Film per il cinema:

Premi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Interview on DVD Die innere Sicherheit
  2. ^ Petzold im Interview auf der Webpräsenz des Films Gespenster
  3. ^ Filmzentrale: „Im Zwischenreich“
  4. ^ Welt Online, 13. März 2009: „Deutscher Filmpreis: Die Nominierungen im Überblick“
  5. ^ Adolf-Grimme-Preis: Preisträger 2005
  6. ^ Verband der deutschen Filmkritik e. V.: Preisträger seit 1956

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 162463465 LCCN: no2003038215