Heimito von Doderer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lapide a Heimito von Doderer

Heimito von Doderer (Hadersdorf-Weidlingau, 5 settembre 1896Vienna, 23 dicembre 1966) è stato uno scrittore austriaco. I suoi romanzi, che presentano contemporaneamente un panorama storico e un'analisi spettrale della società austroungarica in declino, mostrano come la profonda realtà di un destino personale o nazionale si possa manifestare in avvenimenti discontinui e apparentemente insignificanti.

Opere pubblicate in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • Le finestre illuminate ovvero come il consigliere Julius Zihal divenne uomo, trad. di Clara Bovero, Torino, Einaudi "I Nuovi Coralli", 1978 (I ed. Einaudi 1961).
  • La scalinata (Die Strudlhofstiege oder Melzer und die Tiefe der Jahre), trad. di Ervino Pocar, introd. di Margaret Contini, Torino, Einaudi, 1965.
  • I demoni. Dalla cronaca del caposezione Geyrenhoff, introd. e nota bio-bibliografica di Anton Reininger, trad. di Clara Bovero, Anita Rho, Laura Mancinelli, Torino, Einaudi, "Gli Struzzi 199", e voll., 1979.
  • L'occasione di uccidere (Ein Mord den jeder begeht), trad. di Aldo Busi, con una nota di Claudio Magris, Milano, Garzanti, 1983
  • Divertimenti e variazioni, trad. di Angela Di Donna, Milano, SE, 1999.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 66484234 LCCN: n50037009