Angelo Francesco Lavagnino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Angelo Francesco Lavagnino (Genova, 22 febbraio 1909Gavi, 21 agosto 1987) è stato un compositore italiano, apprezzato realizzatore di colonne sonore cinematografiche.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Cominciò giovanissimo a suonare il violino e nel 1932 si diplomò al Conservatorio di Milano. Nel 1939 compose l'opera Malafonte. Si dedicò dapprima alla composizione di musica da camera, sinfonica, sacra e teatrale, esibendosi al Teatro alla Scala e in numerose città italiane. Nel 1951 la sua opera "Malafonte" fu rappresentata ad Anversa. Nel 1952, in occasione dell'inaugurazione delle porte di bronzo del duomo di Siena, compose la Messa Chigiana per soli, coro misto, orchestra ed organo. Compose inoltre musica sinfonica (Pocket symphony, Le cronache, Volo d'api) e musica da camera (Trio, Quartetto per archi, Sonata per violino e pianoforte, Sonata per due pianoforti).

Nel 1947 cominciò a dedicarsi al cinema, grazie al sostegno del conte Guido Chigi Lucarini Saracini. Nel 1950 musicò l'Otello di Orson Welles, ma la sua specialità furono i cosiddetti "film di viaggio" o film di esplorazione. L'autore riprendeva in maniera originale materiale folclorico locale, registrato negli stessi luoghi delle riprese, ma utilizzando tutte le possibilità della tecnologia per ottenere un nuovo suono. Esempi di questo stile si ritrovano in Magia (1954), Continente perduto (1955), Tam tam Mayumbe (1955), L'impero del sole (1956), L'ultimo paradiso (1957), La muraglia cinese (1958), Calypso (1959). Ma il film, delle cui musiche è coautore insieme a Georges Auric, che ottenne il maggiore successo internazionale è Il gobbo di Notre Dame (Notre Dame de Paris), del 1956, protagonisti Anthony Quinn e la star italiana numero uno del momento: Gina Lollobrigida.

Uomo eclettico, scrisse anche un racconto sui pirati, collezionò antichità, libri e medaglie vaticane, amò viaggiare, fu un abile fotografo e trascorse molto tempo con la sua famiglia. Scelse Gavi come luogo di adozione, cittadina in cui a lungo visse e dove morì. Bisogna dire che l'opera musicale filmica di Lavagnino è stata sempre di gran lunga superiore in termini di resa e qualità artistica della stragrande maggioranza dei film per i quali ha composto. Scorrendo la lista dei registi con cui ha lavorato, se si escludono pochi buoni artigiani (in primo luogo, Steno), gli ottimi Carlo Lizzani e Vittorio Cottafavi e il Genio, cioè Orson Welles, per il resto il maestro Angelo Francesco Lavagnino ha avuto a che fare con mediocri mestieranti.

Principali colonne sonore[modifica | modifica sorgente]

1948
1950
1951
1952
1953
1954
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1974
1977

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 44485580 LCCN: n/94/38409