Il diavolo in convento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il diavolo in convento
Titolo originale Il diavolo in convento
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1951
Durata 102 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Nunzio Malasomma
Soggetto ispirato dalla novella "Il miracolo" di Mario Amendola
Sceneggiatura Gilberto Govi, Nunzio Malasomma, Vincenzo Talarico, Gabriele Varriale, Paolo Campanella
Casa di produzione Taurus Film
Fotografia Leonida Barboni
Montaggio Marcella Gengarelli
Musiche Angelo Francesco Lavagnino
Scenografia Mario Filoni
Trucco Giacomo De Marzi
Interpreti e personaggi

Il diavolo in convento è un film di Nunzio Malasomma liberemente tratto dalla novella "Il miracolo" di Mario Amendola.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nel 1945, ultimo anno di guerra un bombardamento distrugge un villaggio di pescatori. I senzatetto sono ospitati da frate Angelo (Gilberto Govi) nel convento di San Fruttuoso di Camogli (GE), passano gli anni ma le case non vengono ricostruite e quando muore il priore (Domenico Viglione Borghese) il convento viene venduto a un ricco ingegnere, Milone (Carlo Ninchi), deciso a trasformarlo in un complesso per la villeggiatura. Per evitare che i senzatetto finiscano in strada, frate Angelo escogita ogni espediente possibile, anche un finto miracolo in attesa che San Fruttuoso compia il vero miracolo.

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Le riprese si sono svolte al convento di San Fruttuoso di Camogli e al Convento N.S. delle Grazie in frazione Valle di Gavi e agli stabilimenti I.C.E.T. di Milano.

Il convento di San Fruttuoso di Camogli, luogo di parte delle riprese esterne