Allen Welsh Dulles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Allen Welsh Dulles

Allen Welsh Dulles (New York, 7 aprile 1893Washington, 29 gennaio 1969) è stato un agente segreto statunitense, influente direttore della Central Intelligence Agency (CIA) dal 1953 al 1961 e membro della Commissione Warren.

Dulles era secondogenito di Allen Macy, un prete presbiteriano, e di Edith Foster Dulles, figlia dello statista John Watson Foster; suo fratello maggiore era John Dulles, che fu Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America, sua sorella minore Eleanor Lansing Dulles fu ambasciatrice in Germania, suo zio Robert Lansing segretario di Stato di Thomas Woodrow Wilson e David Rockefeller[1] suo cugino[2]. Per 16 anni, nell'età matura, svolse anche attività privata come avvocato, finanziere, intermediario nella compravendita di armi e banchiere.

Università[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1915 e il 1916, Dulles, per otto mesi, insegnò nella scuola missionaria di Allahabad, in India. Nel 1916 a Princeton Dulles si laureò in legge.
Dal 1916 al 1926, per 10 anni, fino all'età di 33 anni, fece parte del corpo diplomatico,

Militare[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 luglio 1916 fu assegnato all'ambasciata di Vienna, dell'Impero austro-ungarico. Il 7 aprile 1917, dopo che gli Stati Uniti dichiararono guerra all'Impero austro-ungarico, la delegazione americana trasferì le proprie operazioni di spionaggio e diplomatiche a Berna. Dulles ricevette l'addestramento nello spionaggio assieme a William S. Stephenson [senza fonte] dall'MI6, il servizio di spionaggio britannico, negli Stati Uniti.

Dal 23 aprile, Dulles fu militare attivo nell'Office of Strategic Services (OSS) di Berna, per il segretario del Dipartimento di Stato. In novembre del 1918, a 25 anni, in seguito alla resa delle truppe germaniche, Dulles fu assegnato al Boundary Commission a Versailles, dove andò a lavorare sulla nazione appena creata della Cecoslovacchia.

Nel 1919 a Parigi, Dulles servì nell'unità di spionaggio del Dipartimento di Stato, durante la conferenza di pace. Dulles rimase nel Dipartimento di Stato dopo che la Germania firmò gli accordi di pace e lavorò all'ambasciata americana a Berlino, trasmettendo informazioni vitali riguardo al caos sociale e politico che era seguito. Nel mese di maggio 1920 Dulles fu trasferito all'ambasciata americana a Istanbul, dove presentò un rapporto al Dipartimento di Stato su informazioni militari ed economiche della Turchia e sulle attività nel campo petrolifero persiano.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1920 Dulles si sposò con Martha Clover Todd (nota come Clover) di Baltimora, Maryland. Essa morì del 1974. Ebbero tre figli, Clover Todd (noto come Toddy Dulles), Joan Dulles, e Allen Macy Dulles. Toddy Dulles ebbe una ferita quasi fatale alla testa mentre era in servizio nei marine in Corea, che lo rese inabile per il resto della vita.

Nel 1922, a 29 anni, Allen ritornò a Washington D.C., come Capo del Dipartimento di Stato della divisione del Vicino Oriente. Qui continuò gli studi in legge alla sera, all'università George Washington.
Nel 1924, a 30 anni, in coincidenza con il Piano Dawes, Dulles organizzò un grosso prestito per la Krupp.
Nel 1925 a Ginevra, Dulles fu il delegato statunitense alla conferenza internazionale sul traffico d'armi (International Conference on Arms Traffic).
Nel 1926 a 32 anni, ottenne la docenza in legge, all'università George Washington.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Avvocato[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno del 1926, all'età di 33 anni, insoddisfatto dello stipendio diplomatico, diede le dimissioni dal Dipartimento di Stato e fino al 1942, per 16 anni fino all'età di 49 anni, svolse attività di avvocato, di finanziere, intermediario nella compravendita di armi e banchiere.

Entrò nella massoneria di rito scozzese. Svolse attività nel Partito Repubblicano. Lavorò nella stessa compagnia nella quale lavorava suo fratello maggiore, alla United Fruit Company.

Finanziere[modifica | modifica wikitesto]

Come finanziere Dulles lavorò a New York per Sullivan & Cromwell[3], una compagnia d'investimento mobiliare di Wall Street, come socio gerente, dove progettò con successo il più grande prestito del Ministero del Tesoro (30 milioni di dollari) al governo tedesco nazionalsocialista, così come altri prestiti stranieri e divenne l'uomo di punta del Dipartimento di Stato sui prestiti stranieri durante il 1926-1933.

Nel 1930 Dulles riuscì, per conto della facoltosa famiglia cecoslovacca dei Petscheks a vendere le loro quote nella Silesian Coal (carbone) a Gorge Menane, prestanome degli stessi Petscheks. Dulles vendette poi le azioni al suo amico Schacht, Ministro dell'Economia Nazista. Dopo la vendita, Dulles diventa direttore della Consolidated Silesian Steel Company. Aveva solo una piccola partecipazione nella società, il resto apparteneva a Frederick Flick. In seguito divenne la Silesian-American Corporation, gestita da Prescott Bush e da suo suocero George Walker. In seguito alla seconda guerra mondiale, l'8 novembre 1942, il presidente Roosevelt ordinò la confisca delle azioni.

Intermediario[modifica | modifica wikitesto]

Nel periodo dal 1926 al 1933, Dulles divenne il principale negoziatore d'armi per il Dipartimento di Stato, fino al 1942. La Brown Brothers[4] si era fusa con la Harriman & Co. di New York per formare la Brown Brothers Harriman[5]. Averell Harriman era un industriale dei trasporti ferroviari e Dulles era suo amico intimo. La Brown Brothers Harriman versò il denaro nelle casse del Partito Nazista portando al potere Adolf Hitler[6].

Banchiere[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1933, il 4 gennaio, Hitler venne invitato alla Banca Schroeder da un gruppo di industriali, che diedero a Hitler il denaro per superare la crisi e schiacciare i sindacati. Due americani furono presenti a questa riunione, John Foster Dulles e Allen Dulles. Nel 1934 Allen Dulles è nel consiglio d'amministrazione della banca Schroeder, suo fratello John Foster Dulles è consigliere legale, la banca è il braccio finanziario del nazismo.
Nel 1936 la Banca Schroeder si fonde e forma la Schroeder, Rockfeller & Co. Inc. Carlton P. Fuller presidente, Avery Rockfeller vicepresidente.

Nel 1937 alla fine di gennaio, Dulles fonde tutte le sue attività in un unico conto nella stessa banca intestato alla Brown Brothers Harriman-Schroeder e Rock (Rock diminutivo di Rockefeller).

John Foster and Allen Dulles sono i due avvocati della Standard Oil Company di John D. Rockefeller, che stanno per essere indagati per gli affari con i nazisti e per la loro propensione all'eugenetica (dottrina di igiene razziale).

Direttore dell'OSS in Europa[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1942 al 1945 Dulles, durante la seconda guerra mondiale, ritornò nell'esercito, reclutato dal Capo dello spionaggio dell'OSS, colonnello William J. Donovan, come Direttore del OSS (Office of Strategic Services) in Europa, con sede a Berna, nome in codice Agente 110. La sua copertura era il ruolo di assistente dell'ambasciatore americano in Svizzera.

Caso Kolbe[modifica | modifica wikitesto]

Dulles lavorò sull'intelligence riguardante i piani e le attività dei tedeschi. La carriera di Dulles venne beneficiata dalle informazioni fornitegli da Fritz Kolbe, un diplomatico tedesco e nemico dei nazisti. Kolbe fornì documenti segreti riguardanti l'attività delle spie tedesche e piani per il caccia a reazione Messerschmitt Me 262.

Dossier Bergier[modifica | modifica wikitesto]

L'informazione spionistica più strepitosa fu quella del Dossier Bergier, il rapporto inviato da Dulles a Washington, con tutte le descrizioni riguardanti il progresso tedesco nei preparativi dei razzi V1 e V2. Il Dossier Bergier permise agli Alleati il bombardamento e la distruzione del centro di ricerca di Peenemunde, infliggendo una stoccata decisiva alla fabbrica nazista di armi letali di distruzione di massa.

Operazione Husky[modifica | modifica wikitesto]

Allen Welsh Dulles ebbe un ruolo preminente nell'Operazione Husky, lo sbarco alleato in Sicilia, nel 9-10 luglio 1943.[7]

La trattativa fra servizi segreti dello stato americano e criminali mafiosi passò attraverso l'Office of Strategic Services, (OSS), diretto dal generale William Donovan: gerarchicamente, l’OSS in Europa dipendeva da Allen Dulles[8], che aveva la propria sede in Svizzera, il suo diretto dipendente in Italia era l’italoamericano Massimo Corvo, di origini siciliane, noto come "Max" e detto in codice "Maral", numero di matricola 45[9].

Max Corvo incominciò ad organizzare i propri uomini formando un'unità militare che, fra le forze armate americane era nota come the mafia circle (il circolo della mafia). Su indicazione di Allen Dulles, stabilì ulteriori contatti con Victor Anfuso, Lucky Luciano, Vito Genovese, Albert Anastasia e altre persone delle organizzazioni criminali italoamericane inserite nell’operazione Underworld, un giovane raccomandato dallo stesso Luciano, Michele Sindona, e anche un certo Licio Gelli[9].

Max Corvo e la sua squadra vennero sbarcati in Nord Africa a maggio 1943. Poi tre giorni dopo l’attacco, l’unità prese terra a Falconara, vicino a Gela, e si stabilì nel castello della cittadina. A Melilli Corvo incontrò padre Fiorilla, parroco di San Sebastiano e parente di uno dei suoi uomini e poi andò ad Augusta, sua città natale, per reclutare collaboratori locali. Intanto gli agenti dell’OSS occuparono le isole più piccole intorno alla Sicilia, fra cui Favignana e liberarono dalla prigione numerosi boss della mafia, che furono arruolati nel servizio dell’OSS, circa 850 "uomini d'onore" raccomandati dai capi mafiosi siciliani, che dopo l'occupazione assunsero cariche pubbliche nell’amministrazione militare del colonnello Charles Poletti: in provincia di Palermo ci furono 62 sindaci mafiosi.[9].

Operazione Sunrise[modifica | modifica wikitesto]

Allen Dulles fu uno degli attori principali nelle trattative avviate da Max Waibel (Operazione Sunrise) (Alba) con Eugen Dollmann[10] e alla capitolazione delle truppe tedesche in Italia [11].

Negoziati per la resa tedesca in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il tesoro della Galleria degli Uffizi, preso dai nazisti, fu subito recuperato e Ferruccio Parri, e altri prigionieri della Gestapo, vennero riconsegnati all'esercito americano in Svizzera, sani e salvi, nel marzo 1945. La resa definitiva fu firmata il 29 aprile 1945, a Caserta. Per i negoziati per la resa separata delle truppe tedesche in Italia, Dulles verrà decorato dal presidente Truman il 18 luglio del 1946.

Office of Policy Coordination[modifica | modifica wikitesto]

Nelle elezioni presidenziali del 1948, Allen Dulles fu capo consigliere del candidato repubblicano Thomas E. Dewey.
I fratelli Dulles e James Forrestal contribuirono a formare l'Ufficio di Coordinamento delle Politiche (Office of Policy Coordination), che fu un apparato degli Stati Uniti per operazioni psicologiche segrete e di organizzazione delle azioni paramilitari. L'Office of Policy Coordination fu creato con il documento NSC 10/2 del Concilio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti (United States National Security Council), come un ufficio indipendente nel 1948, si fuse con la Central Intelligence Agency nel 1951. Il funzionario del Dipartimento di Stato George Frost Kennan, fautore della politica del contenimento, fu la figura chiave della creazione dell'Office of Policy Coordination [12]. Nel 1952, l'ufficio passò sotto il controllo diretto della CIA e fu fuso con il suo Ufficio Operazioni speciali per formare il National Clandestine Service. Con ciò la CIA, oltre ad essere un servizio di raccolta informazioni, divenne anche un servizio di intervento paramilitare che Allen Dulles e suo fratello John Foster Dulles adopereranno per interventi armati, in funzione anticomunista, degli Stati Uniti in polita estera, dal 1953 al 1959, durante la Guerra fredda.

Direttore della CIA[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1953 Dulles divenne il primo civile ad essere direttore dell'appena formata Central Intelligence Agency, nota con la sua sigla CIA.

Operazione Paperclip[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 1945, ebbe inizio l'Operazione Paperclip ("graffetta") che consistette nell'importazione di ex-nazisti, circa 20.000 fra scienziati tedeschi e loro famigliari, tra il 1945 ed i primi anni settanta. L'obiettivo era sottrarre all'Unione Sovietica durante la guerra fredda l'acquisizione dei progressi scientifici compiuti dalla Germania nazista. Il Presidente Harry Truman autorizzò l'operazione a patto che gli scienziati non fossero "esageratamente" nazisti. Nel caso di criminali di guerra nazisti [13], [14], come Klaus Barbie e Robert Jan Verbelen [15] del Counter Intelligence Corps, i curriculum erano "ritoccati" dal servizio segreto, che apponeva una graffetta per renderli riconoscibili (da ciò deriva il nome dell'operazione). Ne il Presidente Truman ne Eisenhower furono mai avvisati di queste deviazioni alle loro istruzioni.

Operazione Ajax[modifica | modifica wikitesto]

Sotto la direzione di Allen Dulles, l'agenzia di spionaggio riuscì nei suoi primi colpi di stato, per rimuovere capi di stato stranieri sgraditi, con operazioni coperte da segreto.

L'Operazione Ajax fu la denominazione che il direttore diede al colpo di stato in Iran 1953, per difendere la proprietà dei campi petroliferi privilegiati della Anglo-Iranian Oil Company che era in società con la Standard Oil Company (Indiana) (poi Amoco) di suo zio John Davison Rockefeller, contro il primo ministro democraticamente eletto dal presidente Mohammad Mossadeq, perché voleva nazionalizzare l'industria petrolifera del proprio paese. Mossadeq venne deposto e condannato a morte, pena che in seguito fu commutata agli arresti domiciliari.

Conseguenza è stata l'instaurazione dello scià Mohammad Reza Pahlavi che è stato deposto dalla Rivoluzione iraniana e l'Iran è diventato più anti-americano di quando c'era la Democrazia [16].

Operazione PBSUCCESS[modifica | modifica wikitesto]

L'Operation PBSUCCESS fu la denominazione che il direttore diede al colpo di stato in Guatemala nel 1954, contro il governo democraticamente eletto del Presidente Jacobo Arbenz Guzmán che venne rimosso perché voleva nazionalizzare terreni e proprietà, senza minacciare la sicurezza di altri paesi.

Queste operazioni segrete di ingerenza nella politica interna di altri paesi, costituirono una parte importante della politica estera per la "sicurezza nazionale" durante la Guerra fredda, dell'amministrazione Eisenhower, note come "New Look" (Nuova Apparenza).

Operazione Mockingbird[modifica | modifica wikitesto]

Dulles promosse inoltre l'Operazione Mockingbird, un programma che aveva come scopo quello di influenzare psicologicamente la popolazione americana, per mezzo di propaganda su pubblicazioni come Selezione dal Reader's Digest, Life, TIME e altri media statunitensi. Dulles, il 3 agosto 1953, fece pubblicare un articolo sul Time, intitolato "L'uomo dall'aria innocente" (The Man with the Innocent Air)[17].

Nel marzo del 1953, il senatore Joseph McCarthy iniziò una serie di investigazioni sulla potenziale sovversione comunista all'interno della CIA. Anche se nessuna delle investigazioni rivelò alcun comportamento sbagliato, le audizioni erano comunque un danno potenziale, non solo per la reputazione della CIA, ma anche per la sicurezza di informazioni sensibili. Su richiesta di Dulles, il Presidente Eisenhower richiese che McCarthy smettesse di emettere citazioni in giudizio contro la CIA.

Gruppo NSC 5412/2[modifica | modifica wikitesto]

Allen Dulles fece a capo del gruppo NSC 5412/2, a partire dagli anni 1950, insieme a Gordon Gray, consigliere per la sicurezza nazionale, a James Douglas, segretario della Difesa e a Livingston T. Merchant, sotto-ministro degli affari politici.[18], che ideava azioni segrete e operazioni sotto copertura di segreto, in particolare ideò l'Invasione della baia dei Porci per preparare l'invasione di Cuba. Il cardinale Avery Robert Dulles, gesuita, figlio di John Foster Dulles, consigliò suo zio Allen Dulles di ingaggiare Manolo Artime[19], un giovane medico, inviato dall'ala conservatrice dei gesuiti, appoggiato da padre Posada, un sacerdote gesuita, come comandante della Brigata 2506[20].

Progetto MK-ULTRA[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente denominato "Project Bluebird" (merlo azzurro) e successivamente "Project Artichoke" (carciofo), fu infine chiamato "MK-Ultra" nel 1953. Il progetto Mk-Ultra fu ordinato dal direttore della CIA, Allen Dulles, il 13 aprile 1953, al fine di contrastare gli studi russi, cinesi e coreani sul cosiddetto controllo mentale (mind control), ovvero sul controllo della psiche delle persone. Questa tecnica avrebbe dovuto portare numerosi vantaggi, come ad esempio la creazione di assassini inconsapevoli o il controllo di leader stranieri scomodi. Il progetto sarebbe stato sovvenzionato da un totale di 25 milioni di dollari e ne furono coinvolte 80 istituzioni tra cui 44 università e 12 ospedali[21].

Nel 1964 il progetto fu rinominato MK-Search in quanto si stava specializzando nella creazione del cosiddetto siero della verità, a base di LSD, prodotta dapprima in Belgio, dal laboratorio Le Clocheton di Ronald Stark[22] e in seguito direttamente negli Stati Uniti dalla Eli Lilly, a partire dal 1954[23].
La sostanza è stata usata per interrogare esponenti del KGB durante la guerra fredda, come Yuri Nosenko[24].

Dato che quasi tutti i documenti riguardanti l'MK-ULTRA sono stati distrutti nel 1973, dall'allora direttore della CIA Richard Helms[25], è praticamente impossibile riuscire a ricostruire tutte le attività svolte nell'ambito di questo progetto.

La CIA in Vietnam[modifica | modifica wikitesto]

Allen Dulles, sotto la responsabilità politica di Eisenhower, mandò Edward Lansdale, nell'ottobre del 1956, come capo della missione militare e poi come direttore della CIA a Saigon, per gli affari interni del Vietnam del Sud[26]. e come consigliere di Ngo Diem[27]

Operazione 40[modifica | modifica wikitesto]

Secondo quanto rivelato dalla Commissione Church nel 1976, Allen Dulles aveva sottoposto all'approvazione del presidente Eisenhower un piano per assassinare Fidel Castro, con l'aiuto di mafiosi[28],[29],[30].

Operazione Zapata[modifica | modifica wikitesto]

L'operazione Zapata fu il nome convenzionale che Dulles diede all'invasione di Cuba, contro Fidel Castro, più nota come Invasione della baia dei Porci. In realtà era una operazione rischiosa perché furono schierati 1.460 fra mercenari ed esuli cubani, contro 20.000 uomini che schierò l'esercito cubano: quando i partigiani cubani furono attaccati dall'esercito castrista, non ci fu nessuna copertura aerea perché non era concordato per l'aviazione statunitense attaccasse uno stato sovrano. Gli aerei cubani silurarono le navi avversarie con i rifornimenti di carburante, munizioni e cibo e gli invasori dopo tre giorni dovettero arrendersi. Kennedy per questo fallimento silurò Dulles, facendogli rassegnare le dimissioni da direttore della CIA.

Pensionamento[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'amministrazione Kennedy, Dulles fronteggiò delle critiche crescenti, per aver promosso finanziamenti ai nazisti, prima della Seconda guerra mondiale, ed essersi avvalso della collaborazione di criminali mafiosi. La fallita invasione della baia dei Porci minò la credibilità della CIA, e i regimi filo-americani ma impopolari, favoriti di Dulles, in Iran, e in Guatemala, vennero visti nella loro realtà come brutali e corrotti. Dulles venne infine silurato da Kennedy a causa della fallita invasione della Baia dei Porci, poco dopo aver chiesto l'autorizzazione all'Operazione Northwoods.

Dopo l'assassinio di Kennedy, Dulles chiese ripetutamente al presidente Johnson di prendere parte alla Commissione Warren per investigare sulle cause dell'omicidio del presidente.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969 Dulles, accanito fumatore, morì di influenza, complicata da una polmonite, all'età di 75 anni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1947 pubblicò Germany's Underground,ISBN 0-306-80928-1; tradotto come Storie vere di spie, Garzanti.
  • From Hitler's Doorstep: the wartime intelligence reports of Alan Welsh Dulles, ISBN 0-271-01485-7.
  • Nel 1963, pubblicò il libro The Craft of Intelligence, ISBN 1592282970; tradotto in Italia come L'arte del servizio segreto, Garzanti, 1963.
  • Nel 1966 The Secret Surrender, ISBN 1-59228-368-3; tradotto come Grandi storie di spie, Garzanti.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

National Security Medal - nastrino per uniforme ordinaria National Security Medal
«per i suoi 10 anni di servizio a capo della CIA[31]»
— Langley (Virginia)
— 28 novembre 1961
Medal of Freedom - nastrino per uniforme ordinaria Medal of Freedom
«[32]»
French Legion of Honor - nastrino per uniforme ordinaria French Legion of Honor

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David Rockefeller. Geni. Profiles.
  2. ^ The Shadows of Power. The Council on Foreign Relations and the American Decline. James Perloff. Wisconsin: Western Islands Publishers. 1988. pag. 104.
  3. ^ sito della Sullivan & Cromwell
  4. ^ Brown Brothers significa i Fratelli Bruni, Allen e Foster Dulles, in onore alle camicie brune del loro amico J. Schreck, in seguito il comando della camicie brune passò a Heinrich Himmler
  5. ^ Il significato delle SS. Ordini ed élites politiche di Julius Evola
  6. ^ <Brown Brothers Harriman & Co. trasferì via mare in Germania milioni di dollari in oro, acciaio, carburante, carbone e titoli di Stato americani, usati da Hitler per costruire la sua macchina di guerra.
  7. ^ Networks of Power: Corporate TV's Threat to Democracy. Dennis Mazzocco. pag. 57.
  8. ^ Lo Sbarco alleato in Sicilia del 1943: I Retroscena. Altervista. Eduardo Ambrosio.
  9. ^ a b c Max Corvo e l´OSS in Italia. Oggi notizie. 20 dicembre 2010.
  10. ^ Dossier Cia: spunta il nome di Dollmann, il nazista dai cento volti. Archivio storico "Corriere della Sera, 29 aprile 2001, Ennio Caretto, p. 27.
  11. ^ Roma occupata 1943-1944. Itinerari, storia, immagini. Anthony Majanlahti, Amedeo Osti Guerrazzi. Il Saggiatore. 2010. p. 86.
  12. ^ (EN) George F. Kennan e il Making of American Foreign Policy, 1947-1950. Rev. Wilson D. (Bill) Miscamble. Princeton University Press. 1992. pg. 199.
  13. ^ (EN) [ Why No One Could Find Mengele: Allen Dulles and the German SS]. Peter Dale Scott.
  14. ^ (EN) Spooks in Blue. Doug Henwood. The Threepenny Review. Berkeley, Cal. 23. Fall 1985.
  15. ^ (EN) CIA and nazist war criminal and collaborator. (PDF) FOIA. CIA 2007 declassified. Draft working paper. Chapter 11-21. pg.2-11.
  16. ^ (EN) An end to two brothers’ legacy of hostility. Boston Globe. The end of the America's resistance to negotiation. Stephen Kinzer. October 02, 2013.
  17. ^ idem 1 e 2
  18. ^ Bay of Pigs: 40 Years After - Chronology in The National Security Archive.
  19. ^ Schlesinger pag. 277.
  20. ^ (EN) En Girón. Fueron barridos.... Luis Báez, Prensa Latina, corrispondente di guerra a Playa Girón.
  21. ^ Alfred W. McCoy, "Cruel Science: CIA Torture & Foreign Policy", "New England Journal of Puplic Policy" 19, 2 (inverno 2005), p.218
  22. ^ MK-Ultra e Ronald Stark. Wordpress. 1 giugno 2012.
  23. ^ Acid dream. (PDF). Psiconautica.
  24. ^ LSD a CIA Project. Orwell to day.
  25. ^ Interview with Richard Helms. CIA. Library.
  26. ^ Fitzgerald pag. 76.
  27. ^ Fitzgerald pag. 77.
  28. ^ La CIA Nostra. Cuba informa. Cronologia. Giron 10.
  29. ^ Il veleno della CIA Nostra. Cuba informa. Cronologia. Giron 10.
  30. ^ How the CIA Enlisted the Chicago Mob to Put a Hit on Castro. Chicago Magazine. Bryan Smith. October 22, 2007.
  31. ^ Allen Welsh Dulles hereby award. John F. Kennedy Presidenzial Library and Museum
  32. ^ (EN) Allen Dulles: Master of Spies, Allen Dulles: Master of Spies, Regnery Publishing, 2000, p. 549, ISBN 978-0-89526-223-3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Frances Fitzgerald, Il lago in fiamme. Storia della guerra in Vietnam, trad. S.S.Caruso, Saggi 535, Giulio Einaudi Editore, 1972, pp. 456, ISBN 88-06-40709-0.
  • Arthur Schlesinger Jr., I mille giorni di John F. Kennedy alla Casa Bianca, traduttore Giancarlo Carabelli, Rizzoli, 1966, pp. 1056, ASIN B005ELY9UW.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Direttori della CIA Seal of the Central Intelligence Agency of the United States

Souers | Vandenberg | Hillenkoetter | Smith | Dulles | McCone | Raborn | Helms | Schlesinger | Colby | Bush | Turner | Casey | Webster | Gates | Woolsey | Deutch | Tenet | McLaughlin | Goss | Hayden | Panetta | Morell | Petraeus | Brennan

Controllo di autorità VIAF: 17221981 LCCN: n/50/30555

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie