David Rockefeller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Rockefeller (secondo da destra) stringe la mano a Jawad Hashim (a sinistra) nel 1980

David Rockefeller, Sr. (New York, 12 giugno 1915), sesto figlio di John Davison Rockefeller jr, è un banchiere statunitense nonché uno dei fondatori del gruppo Bilderberg e della Commissione Trilaterale..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

David è il più giovane dei figli di John Davison Rockefeller jr, l'unico ancora in vita, quindi è attualmente il patriarca della famiglia. La sua ricchezza è stimata da Forbes in circa 2 miliardi di dollari, e per questo è sempre presente nelle classifiche delle persone più ricche del mondo. Tra le attività non imprenditoriali figura la presidenza del Museum of Modern Art di New York nel periodo 1962-1972 e poi nuovamente 1987-1993. Nel corso della sua lunga carriera dirigenziale ha ricoperto ruoli di rilievo in alcune delle più grandi aziende del mondo (di cui ha detenuto o detiene anche quote azionarie) come la Exxon Mobil (figlia della Standard Oil fondata dal nonno John Davison Rockefeller) o la General Electric.

Divenne poi molto famoso anche per le sue attività lobbistiche. Infatti è uno dei membri fondatori del Gruppo Bilderberg ed è stato presidente dal 1970 al 1985 del Council on Foreign Relations (attualmente rimane presidente onorario), inoltre per sua iniziativa è nata la Commissione Trilaterale.

È stato inoltre presidente e amministratore delegato della Chase Manhattan Bank, nel 2000 l'azienda si è fusa con la J.P. Morgan & Co. dando vita alla JPMorgan Chase, una delle più grandi banche del mondo che Rockefeller ha diretto personalmente. Attualmente è il più grande azionista singolo della compagnia, possedendone quasi il 2%.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze statunitensi[modifica | modifica sorgente]

Legionario della Legion of Merit - nastrino per uniforme ordinaria Legionario della Legion of Merit
— 1945
Presidential Medal of Freedom - nastrino per uniforme ordinaria Presidential Medal of Freedom
— 15 gennaio 1998
Army Commendation Medal - nastrino per uniforme ordinaria Army Commendation Medal

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine della Corona (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona (Belgio)
Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 2000
Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Sacro Tesoro (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Sacro Tesoro (Giappone)
— 1991
Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia)
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— 13 gennaio 1972[1]
Cavaliere dell'Ordine Nazionale del Cedro (Libano) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Nazionale del Cedro (Libano)
Fascia dell'Ordine dell'Aquila Azteca (Messico) - nastrino per uniforme ordinaria Fascia dell'Ordine dell'Aquila Azteca (Messico)
Cavaliere dell'Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panamá) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panamá)
Gran Croce dell'Ordine del Sole del Perù (Perù) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine del Sole del Perù (Perù)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Elefante Bianco (Thailandia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Elefante Bianco (Thailandia)
Cavaliere dell'Ordine di Francisco de Miranda (Venezuela) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Francisco de Miranda (Venezuela)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 98155086 LCCN: n86825319