SZA (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
SZA
SZA CTRL Tour Toronto 2017 10 (cropped).jpg
SZA in concerto a Toronto nell'agosto 2017
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereAlternative R&B[1]
Contemporary R&B[1]
Neo soul[2][3]
Periodo di attività musicale2012 – in attività
EtichettaTop Dawg Entertainment, RCA Records
Album pubblicati1
Studio1
Logo ufficiale
Logo ufficiale
Sito ufficiale

SZA (pronuncia /ˈsɪzə/), pseudonimo di Solána Imani Rowe (Saint Louis, 8 novembre 1989), è una cantautrice statunitense.

Si è imposta all'attenzione internazionale dal 2017 grazie all'album in studio di debutto Ctrl, elogiato dalla critica e certificato triplo disco di platino dalla Recording Industry Association of America statunitense, cui hanno fatto seguito le collaborazioni di successo What Lovers Do con i Maroon 5 (2017), All the Stars insieme a Kendrick Lamar (2018) e Kiss Me More affianco a Doja Cat (2021). Attiva in campo musicale dal 2012, oltre a Ctrl ha pubblicato tre EP, scritto e composto brani per numerosi artisti, tra cui Feeling Myself di Nicki Minaj e Beyoncé, e collaborato con artisti del panorama R&B/Hip hop, dal calibro di Pharrell Williams, Justin Timberlake, Rihanna, Alicia Keys, Travis Scott, Lorde e Chance the Rapper.

SZA ha venduto oltre 40 milioni di copie tra singoli e album ed è stata premiata con un Grammy Award a fronte di quindici candidature, un American Music Award, due Billboard Music Awards, due MTV Video Music Awards e tre NAACP Image Award. Nel 2018 le è stato conferito il Rulebreaker Award nell'ambito degli annuali Billboard Women in Music Awards,[4] mentre il sopracitato brano All the Stars, colonna sonora dell'acclamato film Black Panther (2018), le ha permesso di ottenere una candidatura sia all'Oscar alla migliore canzone che al Golden Globe nella corrispettiva categoria nel 2019.[5][6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Solána Imani Rowe è nata l'8 novembre 1989 a St. Louis, Missouri, ed è cresciuta a Maplewood, nel New Jersey. Suo padre era un produttore esecutivo presso l'emittente televisiva CNN, mentre la madre era un dirigente presso la compagnia telefonica AT&T. Ha una sorellastra maggiore di nome Tiffany Daniels e un fratello maggiore, Daniel, un rapper conosciuto con il nome d'arte di Manhattan. Rowe è nato da madre cristiana e padre musulmano ed è stata avvicinata alla fede musulmana sin da piccola.[7][8][9]

Ha frequentato un istituto di preparazione musulmana ogni giorno nel doposcuola. Tuttavia, a causa degli attacchi dell'11 settembre, la Rowe è stata vittima di bullismo in prima media, situazione che l'ha portata a smettere di indossare l'hijab. Rowe ha frequentato la Columbia High School, dove era attiva nei programmi sportivi, tra cui ginnastica e cheerleading. Dopo essersi diplomata nel 2008,[10] Rowe ha frequentato tre college diversi, stabilendosi infine all'Università statale del Delaware per studiare biologia marina. Ha abbandonato durante il suo ultimo semestre; tuttavia, ha immediatamente iniziato ad accettare lavori casuali per guadagnarsi da vivere.[11]

2012–2016: esordi[modifica | modifica wikitesto]

Solána Rowe ha creato il proprio nome d'arte dopo aver consultato l'alfabeto supremo, traendo anche ispirazione dai rapper RZA e Wu-Tang Clan. Le ultime due lettere del suo nome corrispondo alle iniziali delle parole Zig-Zag e Allah, mentre la prima lettera S può significare sia salvatore che sovrano.[8] Nell'ottobre 2012 ha esordito pubblicando il mixtape See.SZA.Run, seguito nell'ottobre 2013 da S.

SZA nel 2013

Nel luglio 2013 ha firmato un contratto discografico con l'etichetta hip hop Top Dawg Entertainment, per la quale ha pubblicato nell'aprile 2014 l'EP Z. In questo lavoro vi collaborano Kendrick Lamar, Isaiah Rashad e Chance the Rapper.[12] L'album debutta alla nona posizione della US Hip-Hop/R&B Albums Chart e 39 della Billboard 200.[3] Collabora inoltre con Ab-Soul in These Days.... Nel 2014 viene pubblicata la collaborazione Feeling Myself di Beyoncé e Nicki Minaj, di cui SZA è compositrice e autrice.[13] Nel corso del 2015 collabora con Wale in The Album About Nothing e con Jay Rock in 90059. Nello stesso anno figura tra gli autori del brano Ok Alright di Travis Scott con la partecipazione vocale di ScHoolboy Q.[14]

Nel 2016 prende parte all'album Anti di Rihanna nel brano Consideration, che esordisce alla prima posizione della US Dance Club Songs[15] e viene certificato disco di platino negli Stati Uniti. SZA e Rihanna si sono esibite dal vivo sulle note del brano durante i BRIT Awards 2016.[16] Inoltre ha collaborato con Schoolboy Q nell'album Blank Face LP.

2017–2018: Ctrl, Black Panther e il successo internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2017 viene messo in commercio il singolo Drew Barrymore,[17] che anticipa la pubblicazione del primo album in studio di SZA con l'etichetta RCA Records.[18] Nell'aprile successivo viene realizzato il secondo singolo, Love Galore, in collaborazione con il rapper Travis Scott. Il brano esordisce alla prima posizione della US Adult R&B Songs, divenendo un successo commerciale negli Stati Uniti, con oltre tre milioni di copie certificate dalla RIAA e 400 000 copie nel Regno Unito.[19]

Il 9 giugno dello stesso anno viene pubblicato l'album di debutto di SZA, intitolato Ctrl. Il disco, che contiene al suo interno collaborazioni di Pharrell Williams, Kendrick Lamar, Travis Scott, James Fauntleroy, è stato accolto positivamente dalla critica specializzata.[20] L'album esordisce alla prima posizione della US Top R&B/Hip-Hop Albums e decima della UK R&B Albums Chart,[21][22] debuttando inoltre nella top 5 della Billboard 200 statunitense e della classifica degli album canadese, ricevendo la certificazione di disco di platino negli Stati Uniti per aver venduto oltre un milione di copie.[23][24]

SZA durante il CTRL Tour a Toronto nel 2017

Nel corso del tour promozionale, tenutosi tra Stati Uniti, Canada e Australia, la cantautrice presenta il terzo singolo estratto dall'album, The Weekend. Il brano all'epoca registra il più alto esordio da solista nella Billboard Hot 100, stabilendosi alla posizione ventinove della classifica. Il successo commerciale, con oltre 3.5 milioni di copie vendute nel mondo,[19] viene favorito dalla pubblicazione del remix a cura di Calvin Harris,[25] e dal video diretto dalla cantautrice e regista Solange Knowles, il quale ottiene due nomine agli MTV Video Music Awards 2018.[26]

Nel 2018, la cantautrice riceve cinque candidature agli annuali Grammy Awards, inclusa una come miglior artista esordiente,[27] vincendo nella medesima categoria agli NAACP Image Award,[28] e viene premiata sia ai Soul Train Music Award[29] che ai BET Awards.[30] Ottiene inoltre il premio come miglior artista femminile R&B ai Billboard Music Awards e il Rulebreaker Award ai Billboard Women in Music, premio che «riconosce le artiste che usano la loro musica e la loro piattaforma per sfidare le aspettative dell'industria tradizionale e trasmettere un messaggio forte per i giovani».[4][31]

Il 30 agosto 2017 viene diffuso il nuovo singolo dei Maroon 5, dal titolo What Lovers Do, che vede la collaborazione di SZA.[32] Grazie a ciò la cantautrice ottiene il suo primo esordio nella top 10 della Billboard Hot 100 e di oltre trenta classifiche internazionali, vendendo in tutto il mondo oltre quattro milioni di copie.[3] Nello stesso periodo è stata scelta come autrice e cantante della colonna sonora della serie televisiva statunitense Insecure per HBO,[33] collabora in alcune tracce per gli album di Tame Impala e Mark Ronson,[34] ed è presente insieme a Khalid e Post Malone nel remix di Homemade Dynamite, estratto dall'acclamato album di Lorde Melodrama.[35]

A gennaio 2018 torna a collaborare con Kendrick Lamar al singolo All the Stars, colonna sonora del film campione di incassi Black Panther.[36] La collaborazione esordisce nelle maggiori classifiche internazionali, divenendo il secondo debutto più alto della cantante nella top 10 della classifica statunitense, e il primo brano nella top 10 di Regno Unito, Canada e Australia.[3][22] Il brano si assicura la candidatura in tutte le maggiori premiazioni cinematografiche internazionali, inclusi i Premi Oscar 2019, i Golden Globe e i Critics' Choice Awards.[5][6] Nel corso dell'anno SZA estrae come ultimo singolo dal suo album di debutto il brano Broken Clocks, con cui si esibisce ai Grammy Awards 2018 e collabora nella traccia I Do contenuta nell'album Invasion of Privacy di Cardi B, successivamente certificata disco di platino dalla RIAA.[37][38]

2019–presente: S.O.S.[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 SZA è presente nell'album Father of Asahd di Dj Khaled con la traccia Just Us,[39] e collabora con Travis Scott e The Weeknd al brano Power Is Power, colonna sonora della serie televisiva Il Trono di Spade.[40] Nel corso dell'anno la cantautrice rivela in un'intervista per Rolling Stone di essere in studio con alcuni produttori, tra cui Timbaland, per la realizzazione di nuovo materiale relativo al secondo album di inediti.[41] Successivamente rivela al settimanale britannico New Musical Express di aver scritto insieme alla cantautrice australiana Sia alcuni brani.[42]

Il 26 febbraio 2020 viene rilasciato il singolo The Other Side, colonna sonora del film d'animazione Trolls World Tour, che vede SZA duettare con Justin Timberlake.[43] La canzone ottiene un discreto successo, esordendo nelle principali classifiche internazionali, compresa la Billboard Hot 100 e la classifica britannica.[3][22] Il 4 settembre 2020 ritorna sulle scene con il singolo Hit Different, in collaborazione con Ty Dolla Sign.[44] Ad esso ha fatto seguito Good Days il 25 dicembre dello stesso anno, il quale è diventato il primo singolo da solista della cantante ad arrivare in top ten nella classifica statunitense spingendosi fino al nono posto.[45] Good Days è stata anche nominata al Grammy Award alla miglior canzone R&B nel 2022.

Il 9 aprile 2021 la rapper Doja Cat ha pubblicato Kiss Me More, primo estratto del suo secondo album Planet Her e realizzato con la partecipazione di SZA.[46] Il brano ha riscosso un buon successo, debuttando nelle top ten di vari mercati tra cui Australia, Regno Unito e Stati Uniti.[47][48] Apprezzata dalla critica, la collaborazione ha ricevuto anche tre candidature ai Grammy Awards 2022, vincendo nella categoria di miglior performance pop di un duo o un gruppo.[49] Si tratta del primo Grammy ottenuto da SZA nel corso della sua carriera.

Il 3 dicembre 2021, a distanza di quasi un anno dall'ultima pubblicazione in qualità di artista principale, viene messo in commercio il singolo promozionale I Hate U, precedentemente disponibile in esclusiva sulla piattaforma SoundCloud. Il brano, che aveva acquisito popolarità attraverso la piattaforma TikTok,[50] debutta al settimo posto della classifica dei singoli statunitense. Nello stesso periodo collabora vocalmente al brano No Love di Summer Walker, successivamente estratto come singolo dall'album Still Over It.[51] Ancor prima della sua pubblicazione radiofonica, la traccia aveva raggiunto la tredicesima posizione della classifica della Billboard Hot 100.

Il 28 ottobre 2022 viene pubblicato l'inedito Shirt, la cui anteprima pubblicata su TikTok nel 2020 era diventata virale.[52] La cantante aveva ulteriormente promosso il brano, includendo un'ulteriore anteprima al termine del videoclip di Good Days nel 2021 ed eseguendolo dal vivo durante alcuni concerti. Shirt, accompagnato dal relativo videoclip musicale che vede come co-protagonista l'attore LaKeith Stanfield, anticipa l'uscita del secondo album in studio di SZA[53] intitolato S.O.S. e la cui pubblicazione è stata fissata al 9 dicembre 2022.[54][55]

Stile musicale e influenze[modifica | modifica wikitesto]

SZA all'AfroPunk Festival nel 2015

Lo stile vocale di SZA è stato descritto come espressione dell'inclinazione vocale di un cantante del genere jazz,[56] con una potenza vocale «ondulante ed eterea» dal critico musicale Jordan Sargent per Pitchfork.[57] La cantautrice contesta l'etichettatura della sua musica come pop, R&B o hip hop, affermando che lei stessa trae ispirazione dal altri generi musicali, quali jazz, folk e rap.[58] In un'intervista concessa a Billboard, SZA racconta di aver iniziato a scrivere testi associandoli alla poesia, esprimendo le proprie emozioni, toccando temi legati alla sessualità, all'abbandono e alla nostalgia.[59][60]

Reggie Ugwu della rivista Billboard trova lo stile musicale della cantautrice caratterizzato da una «utopia agnostica che cola di umore», a cavallo della «linea di confine tra R&B minimalista, synth pop anni Ottanta e soul».[61] Consequence ha notato come «lo stile musicale della cantante non si fermi al R&B, pop o soul, ma sia versatile e complesso».[62]

Due artisti che influenzano in particolar modo lo stile di SZA sono Ella Fitzgerald e Lauryn Hill.[63][64] La cantante cita inoltre i Red Hot Chili Peppers, Macy Gray, Common, Justin Timberlake e i Maroon 5.[65][66] In un'intervista SZA ha dichiarato: «le mie influenze personali sono ispirate dalla danza dell'American Ballet Theatre tratte dal repertorio di Björk. È stato l'unico momento in cui ho avuto una vera e propria influenza esterna sulla musica. Björk è l'esempio di come a livello musicale sono sempre stata toccata nel profondo da artisti molto più grandi di me».[67]

La cantautrice ha anche raccontato alla Live Nation Entertainment l'incontro avvenuto con Beyoncé per la scrittura del brano Feeling Myself: «Beyoncé potrebbe essere la più perfetta, bellissima creatura che abbia mai incontrato in tutta la mia vita. È la donna da cui poter trarre maggiormente ispirazione sul pianeta assieme a mia madre». Nella stessa intervista ha parlato della collaborazione con Rihanna, dichiarando di ammirare il suo atteggiamento forte e sicuro di sé, di qualcuno che produce solo la musica che la rispecchia: «se c'è qualcuno che potrei immaginare a cantare le mie parole, quella è lei».[68]

Durante un'intervista, SZA ha affermato di essere meno ispirata dalla musica in senso stretto e più ispirata a creare arte in generale, ammirando persone che non erano artisti solo nel loro abito, prendendo ispirazione soprattutto dal cinema, in particolare dai registi Wes Anderson, Bill Murray e Spike Lee.[67][69]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

Diritti umani[modifica | modifica wikitesto]

SZA è sostenitrice dei diritti umani negli Stati Uniti d'America contro il razzismo nei confronti della comunità afroamericana, sostenendo il movimento Black Lives Matter.[70][71] La cantante ha denunciato un negozio Starbucks a South Orange nel New Jersey, per aver bandito le immagini del movimento Black Lives Matter dai suoi negozi, e ha richiamato l'attenzione sulla disparità tra negozi dell'azienda di proprietà di afroamericani rispetto alla popolazione caucasica.[72][73] La cantante è inoltre sostenitrice dei diritti delle donne.[74][75]

Sostenibilità ambientale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 SZA ha fondato una linea di abbigliamento ecosostenibile, chiamata Ctrl Fishing Co., i cui ricavi sono devoluti per la salvaguardia degli oceani.[76]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di SZA.

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Premi e riconoscimenti di SZA.

Nel corso della sua carriera, SZA si è aggiudicata un Grammy Award su quindici candidature complessive, mentre è stata nominata per il Golden Globe e l'Oscar alla migliore canzone grazie al brano colonna sonora di Black Panther All the Stars. Ha, inoltre, vinto un American Music Award, due Billboard Music Award, un MTV Europe Music Award, due MTV Video Music Awards, altrettanti BET Awards, di cui uno come miglior artista emergente nel 2018, ed è stata la destinataria del Rulebreaker Award nell'ambito dei Billboard Women in Music nel 2018.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) SZA, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) SZA: CTRL, su popmatters.com, PopMatters, 20 luglio 2017. URL consultato il 30 giugno 2019.
  3. ^ a b c d e (EN) SZA CTRL, su exclaim.ca, Exclaim!. URL consultato il 30 giugno 2019.
  4. ^ a b (EN) SZA, Kacey Musgraves and Hayley Kiyoko to Be Honored at Billboard's Women in Music Event, su billboard.com, Billboard, 19 novembre 2018. URL consultato il 4 agosto 2020.
  5. ^ a b (EN) The 91st Academy Awards | 2019, su oscars.org, Academy of Motion Picture Arts and Sciences. URL consultato il 4 agosto 2020.
  6. ^ a b (EN) Nominations Announced for the 76th Golden Globes, su goldenglobes.com. URL consultato il 4 agosto 2020.
  7. ^ (EN) J.C. Villamere, Happy 30th SZA: Her Career Highlights To Date, su etcanada.com, Entertainment Tonight Canada, 7 novembre 2020.
  8. ^ a b (EN) Insanul Ahmed, Who is SZA?, su complex.com, Complex, 8 settembre 2013.
  9. ^ (EN) Alex Morris, How SZA Beat Depression and Cracked the Top 10 With 'Ctrl', su rollingstone.com, Rolling Stone, 30 agosto 2017.
  10. ^ (EN) Lake Schatz, SZA gives motivational speech at old high school, performs "The Weekend": Watch, su consequenceofsound.net, Consequence of Sound, 5 giugno 2018.
  11. ^ (EN) Reggie Ugwu, SZA Talks Quitting Her Day Job, Working With Holy Other & Emile Haynie, su billboard.com, Billboard, 23 maggio 2013.
  12. ^ (EN) Album Review: SZA - Z, su Consequence, 11 aprile 2014. URL consultato il 4 agosto 2020.
  13. ^ SZA Discusses Co-Writing Nicki Minaj's "Feeling Myself" & Updates "A" Album Status | Get The Latest Hip Hop News, Rap News & Hip Hop Album Sales | HipHopDX, su web.archive.org, 3 gennaio 2015. URL consultato il 4 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2015).
  14. ^ (EN) Travis Scott (Ft. ScHoolboy Q) – Ok Alright. URL consultato il 14 aprile 2021.
  15. ^ Rihanna Scores Record Eighth No. 1 From 'ANTI' on Dance Club Songs Chart, su Billboard, 20 febbraio 2018. URL consultato il 4 agosto 2020.
  16. ^ Rihanna Brings Out SZA & Drake for 'Consideration' & 'Work' at the 2016 Brit Awards | Billboard, su billboard.com. URL consultato il 4 agosto 2020.
  17. ^ (EN) SZA Announces 'CTRL' Album, Drops 'Drew Barrymore' Single, su Rap-Up. URL consultato il 4 agosto 2020.
  18. ^ HipHopDX- https://hiphopdx.com, SZA Signs To RCA Records, su HipHopDX, 28 aprile 2017. URL consultato il 4 agosto 2020.
  19. ^ a b (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 4 agosto 2020.
  20. ^ (EN) CTRL by SZA. URL consultato il 4 agosto 2020.
  21. ^ SZA, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2020.
  22. ^ a b c SZA | full Official Chart History | Official Charts Company, su officialcharts.com. URL consultato il 4 agosto 2020.
  23. ^ Hip Hop Album Sales: SZA's "CTRL" Debuts On Billboard 200, su hiphopdx.com, HipHopDX, 19 giugno 2017. URL consultato il 4 agosto 2020.
  24. ^ SZA Thanks Fans For 2.3 Billion "CTRL" Streams, su hiphopdx.com, HipHopDX, 22 agosto 2018. URL consultato il 4 agosto 2020.
  25. ^ (EN) SZA & Calvin Harris – The Weekend (Funk Wav Remix). URL consultato il 4 agosto 2020.
  26. ^ (EN) Erica Gonzales, SZA's Solange-Directed Music Video for "The Weekend" Is Here and The Looks Are Incredible, su Harper's BAZAAR, 22 dicembre 2017. URL consultato il 4 agosto 2020.
  27. ^ (EN) SZA, su GRAMMY.com, 19 maggio 2020. URL consultato il 4 agosto 2020.
  28. ^ (EN) Bruce Haring, Bruce Haring, NAACP Image Awards Nominees: Netflix, OWN Lead In TV; Universal, Annapurna, Open Road Top Film, su Deadline, 20 novembre 2017. URL consultato il 4 agosto 2020.
  29. ^ Solange, Bruno Mars Lead 2017 Soul Train Awards Nominations, su Billboard, 17 ottobre 2017. URL consultato il 4 agosto 2020.
  30. ^ (EN) Jenna Amatulli, The 2018 BET Awards Nominations Are Here And DJ Khaled Must Be Screaming, su HuffPost, 16 maggio 2018. URL consultato il 4 agosto 2020.
  31. ^ (EN) Billboard Music Awards 2018: Complete List of Winners!, su Us Weekly, 20 maggio 2018. URL consultato il 4 agosto 2020.
  32. ^ (EN) Gabriella Ginsberg, Maroon 5 & SZA Team Up For Perfect End-Of-Summer Song ‘What Lovers Do’ — Listen, su Hollywood Life, 30 agosto 2017. URL consultato il 4 agosto 2020.
  33. ^ (EN) Amanda Wicks, Listen to SZA’s New Song “Quicksand”, su Pitchfork. URL consultato il 4 agosto 2020.
  34. ^ SZA Recording Joint Album With Mark Ronson & Tame Impala - That Grape Juice, su thatgrapejuice.net. URL consultato il 4 agosto 2020.
  35. ^ (EN) Michelle Kim, Lorde Announces New SZA-Featuring “Homemade Dynamite” Remix, su Pitchfork. URL consultato il 4 agosto 2020.
  36. ^ (EN) Kendrick Lamar And SZA Release 'All The Stars' Single From 'Black Panther', su NPR.org. URL consultato il 4 agosto 2020.
  37. ^ (EN) Listen To SZA’s New Song “Broken Clocks”, su The FADER. URL consultato il 4 agosto 2020.
  38. ^ Here Are the Lyrics to Cardi B's 'I Do,' Feat. SZA, su Billboard, 10 maggio 2018. URL consultato il 4 agosto 2020.
  39. ^ (EN) SZA & DJ Khaled Conquer the Throne in Victorious 'Just Us' Video: Watch, su Billboard, 17 maggio 2019. URL consultato il 4 agosto 2020.
  40. ^ (EN) SZA Confirms Release Date For "GoT" Collab With Travis Scott & The Weeknd, su HotNewHipHop. URL consultato il 4 agosto 2020.
  41. ^ (EN) Emma Carmichael, Emma Carmichael, The Rebirth of SZA, su Rolling Stone, 26 febbraio 2020. URL consultato il 4 agosto 2020.
  42. ^ (EN) SZA says she’s been in the studio with Sia and Timbaland, su NME Music News, Reviews, Videos, Galleries, Tickets and Blogs | NME.COM, 28 febbraio 2020. URL consultato il 4 agosto 2020.
  43. ^ (EN) Claire Shaffer, Claire Shaffer, Justin Timberlake, SZA Get Funky on 'The Other Side', su Rolling Stone, 26 febbraio 2020. URL consultato il 4 agosto 2020.
  44. ^ Hit Different. URL consultato il 12 settembre 2020.
  45. ^ (EN) Gary Trust, Olivia Rodrigo's 'Drivers License' No. 1 on Hot 100 For 3rd Week, Dua Lipa's 'Levitating' Hits Top Five, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 27 marzo 2021.
  46. ^ (EN) Claire Shaffer, Althea Legaspi, Doja Cat, SZA Play Intergalactic Game With Astronaut in 'Kiss Me More' Video, su rollingstone.com, Rolling Stone. URL consultato il 21 aprile 2021.
  47. ^ (EN) Justin Bieber holds ARIA #1 single for second week with Peaches, su aria.com.au, ARIA Charts, 16 aprile 2021. URL consultato il 29 aprile 2021.
  48. ^ (EN) James Masterton, Charts analysis: Lil Nas X reaches new weekly sales peak, su Music Week, 16 aprile 2021. URL consultato il 29 aprile 2021.
  49. ^ (EN) Eric Torres, Doja Cat and SZA Win Best Pop Duo/Group Performance at 2022 Grammys, su Pitchfork, 4 aprile 2022. URL consultato il 4 aprile 2022.
  50. ^ (EN) Trace William Cowen, SZA's "I Hate U" Gets an Official Release After Going Viral on TikTok, su complex.com, Complex, 3 dicembre 2021.
  51. ^ (EN) Matthew Strauss, Listen to Summer Walker and SZA’s New Song “No Love”, su pitchfork.com, Pitchfork, 5 novembre 2021.
  52. ^ (EN) Zoe Haylock, SZA Fans, Desperate for New Music, Made an Unreleased Track Go Viral, su vulture.com, Vulture, 11 febbraio 2021.
  53. ^ (EN) Alex Gonzalez, SZA's Long-Awaited Single 'Shirt' Finally Has A Release Date, And It's Not Too Far Away, su uproxx.com, Uproxx, 26 ottobre 2022.
  54. ^ (EN) EJ Panaligan, SZA Announces New Album 'S.O.S.' Slated for December Release, su variety.com, Variety, 16 novembre 2022.
  55. ^ (EN) Matthew Ismael Ruiz, SZA Announces Release Date For New Album S.O.S., su pitchfork.com, Pitchfork, 4 dicembre 2022.
  56. ^ SZA music style, su nowtoronto.com. URL consultato l'8 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2014).
  57. ^ (EN) SZA: Z, su Pitchfork. URL consultato l'8 agosto 2020.
  58. ^ (EN) SZA Reveals Album with Tame Impala and Mark Ronson, in Rap-Up. URL consultato l'8 agosto 2020.
  59. ^ SZA Talks Quitting Her Day Job, Working With Holy Other & Emile Haynie, su Billboard, 25 maggio 2013. URL consultato l'8 agosto 2020.
  60. ^ SZA: 'Z' Album Review | Neon Tommy, su web.archive.org, 31 luglio 2018. URL consultato l'8 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2018).
  61. ^ SZA Talks 'Z' Album & Being the Only Girl In Top Dawg Entertainment, su Billboard, 7 aprile 2014-. URL consultato l'8 agosto 2020.
  62. ^ (EN) Album Review: SZA - Z, su Consequence, 11 aprile 2014. URL consultato l'8 agosto 2020.
  63. ^ Why SZA's Huge Natural Hair is Our New Obsession, su web.archive.org, Vogue, 1º agosto 2014. URL consultato l'8 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2014).
  64. ^ Aimee Cliff, Five things you should know about SZA, su redbull.com, 7 aprile 2014. URL consultato l'8 agosto 2020.
  65. ^ (EN) Who Is SZA?, su Complex. URL consultato il 30 agosto 2020.
  66. ^ Outtakes: SZA on writing for Beyonce and sampling Timberlake, su AP NEWS, 20 dicembre 2017. URL consultato il 30 agosto 2020.
  67. ^ a b (EN) Nathan Reese,Ammiel Mendoza, SZA Interview 2013, su refinery29.com. URL consultato il 30 agosto 2020.
  68. ^ Sza Talks Beyoncé, Rihanna, and the Importance of Staying Present, su LNTV. URL consultato il 30 agosto 2020.
  69. ^ (EN) Joseph Erbentraut, You Don't Know SZA Yet, But You Will, su HuffPost, 23 luglio 2014. URL consultato il 30 agosto 2020.
  70. ^ (EN) Glenn Rowley, SZA Supports Cancellation of George Floyd Sit-In Amid ‘Risk Factors’, su Billboard, 2 giugno 2020. URL consultato il 26 novembre 2022.
  71. ^ (EN) Carl Lamarre, SZA Is on a Mission to Fight For Climate Justice and Her Own Inner Healing, su Billboard, 17 febbraio 2021. URL consultato il 26 novembre 2022.
  72. ^ (EN) Hollie Silverman, SZA accusation prompts Sephora to close all locations Wednesday for diversity training | CNN Business, su CNN, 3 giugno 2019. URL consultato il 26 novembre 2022.
  73. ^ (EN) Roman White, SZA Wants to Boycott Starbucks After Company Bans BLM Attire For Employees, su The Source, 12 giugno 2020. URL consultato il 26 novembre 2022.
  74. ^ (EN) Britni Danielle, SZA Shares Empowering Message For Women: We Don’t Need Men To 'Be Valid', su Essence, 23 ottobre 2020. URL consultato il 22 novembre 2022.
  75. ^ (EN) Leonie Cooper, SZA: R&B’s dazzling new talent talks living in a commune and new album ‘Ctrl’, su NME, 9 agosto 2017. URL consultato il 26 novembre 2022.
  76. ^ (EN) Tara C. Mahadevan, SZA Launches ‘Sustainability Gang’ Merch to Help Save Oceans, su Complex, 14 agosto 2019. URL consultato il 26 novembre 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315601660 · ISNI (EN0000 0004 4802 241X · Europeana agent/base/144891 · LCCN (ENno2015048573 · GND (DE1234174731 · BNF (FRcb17746090d (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2015048573