Prisencolinensinainciusol/Disc Jockey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Prisencolinensinainciusol)
Jump to navigation Jump to search
Prisencolinensinainciusol/Disc Jockey
Prisencolinensinainciusol - MinaCelentano.png
Video del remix del 2016
ArtistaAdriano Celentano
Tipo albumSingolo
Pubblicazione3 novembre 1972, 1992
Dischi1
Tracce2 (1972) 3 (1992)
GenerePop
EtichettaClan Celentano (CLN 1319)
Adriano Celentano - cronologia

Prisencolinensinainciusol/Disc Jockey sono i due brani contenuti nel quarantottesimo 45 giri di Adriano Celentano, che venne pubblicato nel 1972.
Nel 1992 è stata stampata una versione in LP e CD con due remix: Molella Remix e Fargetta Remix.

Prisencolinensinainciusol[modifica | modifica wikitesto]

«Questa canzone è cantata in una lingua nuova che qualcuno capirà; avrà un solo significato: amore universale[1]»

Prisencolinensinainciusol è particolarmente riconoscibile per il ricorso ad una lingua inventata, un grammelot simile ad una sorta di inglese maccheronico, in cui le poche parole che potrebbero essere riconoscibili (frequente il ricorso nel testo al verso ol rait, uguale come suono all'inglese All Right, cioè tutto bene) comunque non formano alcuna frase di senso compiuto. Adriano Celentano dichiarò in una intervista di aver scritto il testo nonsense di Prisencolinensinainciusol cantando su una melodia in loop, da lui creata[2], mentre era in sala d'incisione per lavorare sul brano Disc Jockey[3], poi diventato il lato B del 45 giri. Secondo Celentano il testo del brano rappresenterebbe "la ribellione alle convenzioni. Anche musicali".[2] Questo uso della parola è conosciuto come glossolalia, dove il parlante non conosce la lingua. Ciò nonostante molti tentarono di trovare una traduzione nel senso del brano, arrivando a pensare si trattasse di un insieme di varie lingue.[2] Il brano sarà poi inserito nell'album Nostalrock del 1973.

Prisencolinensinainciusol venne inizialmente utilizzata come sigla del programma radiofonico Gran varietà, ma nonostante il successo che il brano ebbe nelle Fiandre in Belgio (quarta posizione), Paesi Bassi (quinta posizione), in Francia (sesta posizione) e in Germania[4], in Italia il singolo non riuscì neppure ad entrare in classifica[4]; entrò invece, a sorpresa, in classifica negli Stati Uniti (al settantesimo posto)[5], cosa più unica che rara per un cantante italiano.

Soltanto due anni dopo, nel 1974 Prisencolinensinainciusol fu nuovamente "lanciata" da Celentano in due trasmissioni di successo: Formula Due (nel quale Celentano, nelle vesti di un professore, canta il brano alle proprie alunne[4][6]) e Milleluci, in cui Celentano si esibisce insieme a Raffaella Carrà[4]. Il singolo in questa occasione entrò in classifica, e riuscì a salire sino alla quinta posizione dei singoli più venduti[7], risultando alla fine dell'anno il quattordicesimo singolo più venduto in Italia.[7]

Nel 1992 Prisencolinensinainciusol (FARGETTA REMIX) LP-single - Superbest (Adriano Celentano)

Nel 1994 viene lanciata in versione Il seme del Rap il quarto brano Quel punto

Nel 1995 doppio remix Prisencolinensinainciusol (Remixed by Alex) Il seme del rap(Remixed by Scatman John) è stratti Alla Corte del Remix

Nel dicembre 2009, il blogger canadese Cory Doctorow ha parlato nel suo celebre blog Boing Boing del brano, citandolo come "simbolo del fascino dello slang finto-anglofono"[2], e suscitando l'interesse dei suoi lettori[3]. I commenti sui vari blog statunitensi portano al brano, a quasi quarantuno anni dalla sua pubblicazione, una nuova ondata di popolarità, e si arriva a definirlo uno dei primi rap italiani della storia. Lo stesso Celentano ha confermato questa ipotesi.[3]

Nel 2012 viene cantata anche Adriano Live

Nel 2014 la canzone è stata scelta da Microsoft come colonna sonora del video promozionale del videogioco Forza Horizon 2[8].

Nel 2016, durante la cerimonia di chiusura dei giochi olimpici di Rio de Janeiro, un atleta panamense ha esposto un cartello con un omaggio alla canzone e all'amore universale[9].

Nel 2016 Adriano Celentano ha incluso nell'album le migliori con Mina un remix prodotto da Benny Benassi. Nel remix Mina canta alcuni pezzi del brano. Per questa versione è stato prodotto anche un video con protagonista il ballerino Roberto Bolle, ed è stato girato tra la Galleria Vittorio Emanuele II, il centro di Milano ed il Teatro alla Scala.[10]

Nel 2017 è incluso nella prima puntata della terza stagione della serie televisiva Fargo.

Disc Jockey[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  • 7" singolo – BF 70026[11]
  1. "Prisencolinensinainciusol" (testo e musica: Adriano Celentano) - 3:54
  2. "Disc Jockey" (testo e musica: Luciano Beretta, Adriano Celentano, Miki Del Prete) - 4:54

Tracce (1992)[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

  1. Prisencolinensinainciusol (fargetta remix) 4:41
  2. Prisencolinensinainciusol 3:50

Lato B

  1. Prisencolinensinainciusol (molella remix) 4:08

12. Prisencolinensinainciusol feat. Mina (cantante)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dicitura sul retro di copertina del 45 giri
  2. ^ a b c d Prisencolinensinanciusol Il web impazzisce Celentano primo rapper[collegamento interrotto]
  3. ^ a b c Celentano: quel mio rap senza senso
  4. ^ a b c d Hit Parade Italia - PRISENCOLINENSINAINCIÙSOL
  5. ^ come riportano tutti i numerosi volumi scritti su Celentano, tra cui "Adriano Celentano 1957/2007 - 50 anni da ribelle" di Sergio Cotti, ed. Editori Riuniti' del 2007 a pagina 94, ed ovviamente le classifiche americane
  6. ^ TecheTecheTè (Rai 1) del 7 giugno 2015
  7. ^ a b Hit Parade Italia - I singoli più venduti del 1974
  8. ^ Celentano conquista Microsoft con 'Prisencolinensinainciusol', su ADN Kronos, 26 settembre 2014.
  9. ^ Rio 2016, cerimonia di chiusura: spuntano i versi di Celentano, su Repubblica, 22 agosto 2016.
  10. ^ MinaCelentano, il video di «Prisencolinensinainciusol» con Roberto Bolle, sorrisi.com, 16 dicembre 2016. URL consultato il 30 maggio 2017.
  11. ^ Prisencolinensinainciusol/Disc Jockey, Discografia Nazionale della Canzone Italiana. Ministero dei beni e delle attività culturali. URL consultato il 25 agosto 2013.
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica