Paulo Vitor Barreto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paulo Vitor Barreto de Souza
Nazionalità Brasile Brasile
Italia Italia
Altezza 171 cm
Peso 65 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Gozzano
Carriera
Giovanili
2000-2004Treviso
2002Milan
Squadre di club1
2004-2005Treviso 25 (14)
2005-2007Udinese 53 (11)
2007-2008Treviso 32 (17)
2008-2011Bari 76 (41)
2011-2013Udinese 11 (2)
2013-2015Torino 28 (8)
2015Venezia 5 (2)
2019Gozzano 1 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 agosto 2019

Paulo Vitor Barreto de Souza (Rio de Janeiro, 12 luglio 1985) è un calciatore brasiliano, attaccante del Gozzano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Possiede il passaporto italiano.

A 13 anni lascia il Brasile sua terra natale per intraprendere la carriera di calciatore grazie alla società Treviso Calcio, che lo recluta in una squadra giovanile della città di Rio de Janeiro. A Treviso inizia la sua carriera che proseguirà in varie società calcistiche italiane.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un attaccante che predilige il piede destro, tecnicamente molto dotato, abile nell'uno contro uno e con un'ottima visione di gioco, nonché di grande velocità.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Treviso e Milan[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Treviso, nel 2002 viene ceduto in prestito al Milan, dove viene aggregato alle formazione Allievi. Con la formazione rossonera partecipa e vince al Torneo Città di Arco, battendo in finale la Fiorentina[1].

Tornato a Treviso, viene aggregato in prima squadra per la stagione 2003-2004, in Serie B. In squadra con attaccanti come Reginaldo, Massimo Ganci e Luigi Anaclerio, totalizza 7 presenze.

Ha giocato nel Treviso, in Serie B, nel 2004-2005, segnando 12 reti e conquistando la promozione (la prima in Serie A per la società veneta). Nella stessa stagione, il 2004-2005, nella gara contro il Bari (sua futura squadra), in un duello aereo con Michele Anaclerio l'attaccante brasiliano cadde rovinosamente per terra sbattendo la schiena, riportando un trauma distorsivo del rachide cervicale; non ci furono lesioni permanenti[2]. Questo infortunio non gli permise di giocare la semifinale di play-off con il Treviso, gara poi persa contro il Perugia per 0-1 in casa e 2-0 in Umbria.

Udinese[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005-2006 è passato all'Udinese. Con i friulani esordisce in Serie A il 28 agosto 2005 in Udinese-Empoli 1-0 subentrando al 66' al posto di Antonio Di Natale. Il primo gol nella massima serie arriva il 27 novembre 2005 in Parma-Udinese 1-2 dove è decisivo per la vittoria con una doppietta. Nella prima stagione colleziona un totale di 4 gol in 27 partite di campionato, uno nei preliminari di Champions League (contro lo Sporting Lisbona) e 2 in Coppa UEFA (doppietta ai francesi del Lens).

Nel suo secondo anno in maglia bianconera segna altri 4 gol in Serie A in 26 partite; in entrambe le stagioni in cui ha militato con l'Udinese la squadra ha conquistato il decimo posto in classifica.

Ritorno al Treviso[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2007 Barreto torna al Treviso con la formula del prestito con diritto di riscatto, non prima di aver prolungato il contratto con i friulani sino al 2012, e segna 14 gol in 32 partite nel campionato di Serie B.

Bari[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 luglio 2008 passa al Bari in prestito per la stagione sportiva 2008-2009[3]. Il 21 aprile 2009, in occasione della partita di campionato Ancona-Bari, ha messo a segno la sua prima tripletta nei campionati italiani, arrivando a un totale di 23 marcature nella stagione 2008-2009 del campionato di Serie B.

Il 3 luglio 2009 Bari e Udinese raggiungono l'accordo per sancire la permanenza della punta brasiliana in biancorosso tramite la formula del prestito oneroso[4]. Il primo gol in Serie A con il Bari lo sigla in Bari-Atalanta (4-1) del 20 settembre 2009[5]. A fine stagione è il capocannoniere della formazione biancorossa con 14 reti segnate.

Il 25 giugno 2010 il Bari raggiunge un accordo con l'Udinese per l'acquisto dell'intero cartellino della punta brasiliana e la cessione, contemporanea, della metà alla stessa Udinese[6]. Nella stagione 2010-2011 realizza 4 gol, e alla fine della stagione lascia Bari.

Ritorno all'Udinese, Torino e Venezia[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 giugno 2011 viene riscattato dall'Udinese[7] e nelle successive due stagioni gioca 12 partite in totale con i friulani.

Il 17 gennaio 2013 il Torino acquista il calciatore in compartecipazione per 1,8 milioni dall'Udinese. Qui ritrova Gian Piero Ventura, suo allenatore al Bari. Esordisce in maglia granata il 20 gennaio nella trasferta di Pescara vinta dal Torino per 2-0. Segna il suo primo goal col Torino il 30 marzo nel posticipo contro il Napoli giocato all'Olimpico ritornando così al goal. Si ripete nella sfida esterna contro il Bologna la settimana successiva, siglando il gol del momentaneo 0-1. Conclude la stagione con 16 presenze e 3 gol e il 19 giugno seguente viene rinnovata la comproprietà tra la società friulana ed il Torino.[8] Il 20 giugno 2014 il Torino riscatta l'intero cartellino del giocatore brasiliano dopo l'apertura delle buste[9].

Dopo tre stagioni, il 30 giugno 2015 non rinnova il contratto coi granata e il 4 settembre 2015 firma per il Venezia, appena rifondato in Serie D. La permanenza in laguna si conclude il 17 dicembre 2015.

Dopo quattro anni di lontananza dall'agonismo (nel corso dei quali continua comunque ad allenarsi)[10], il 15 luglio 2019 viene convocato al raduno del Gozzano[11]; fa il suo esordio con la squadra piemontese domenica 4 agosto, in occasione della partita di Coppa Italia Serie C contro il Renate.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2003-2004 Italia Treviso B 8 0 CI 0 0 - - - - - - 8 0
2004-2005 B 25 14 CI 1 0 - - - - - - 25 14
2005-2006 Italia Udinese A 27 6 CI 3 0 UCL+CU 5[12]+3 1[13]+2 - - - 38 7
2006-2007 A 26 5 CI 0 0 - - - - - - 26 4
2007-2008 Italia Treviso B 32 17 CI 1 0 - - - - - - 33 14
Totale Treviso 65 31 2 0 - - - - 67 31
2008-2009 Italia Bari B 32 23 CI 2 2 - - - - - 34 25
2009-2010 A 31 14 CI 0 0 - - - - - - 31 14
2010-2011 A 13 4 CI 0 0 - - - - - - 13 4
Totale Bari 76 41 2 2 - - - - 78 43
2011-2012 Italia Udinese A 7 1 CI 0 0 UCL+UEL 0+1 0 - - - 8 0
2012-gen. 2013 A 4 1 CI 0 0 UCL+UEL - - - - - 4 0
Totale Udinese 64 13 3 0 9 3 - - 76 13
gen.-giu. 2013 Italia Torino A 16 3 CI - - - - - - - 16 3
2013-2014 A 11 0 CI 0 0 - - - - - - 11 0
2014-2015 A 1 0 CI 0 0 UEL 5[12] 1 - - - 6 1
Totale Torino 28 8 0 0 5 1 - - 33 4
lug.-dic. 2015 Italia Venezia D 5 0 CI-D 1 1 - - - 6 1
Totale carriera 238 93 8 3 14 4 - - 260 93

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bari: 2008-2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Associazione calcio Milan, Beppeviola-arco.it, 22 settembre 2002. URL consultato il 13 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2011).
  2. ^ Bari, il pareggio dopo la paura - La Repubblica
  3. ^ Il Bari prende Barreto Archiviato il 27 ottobre 2010 in Internet Archive. asbari.it
  4. ^ Ventura, nei prossimi giorni sarà formalizzato il contratto Archiviato il 27 ottobre 2010 in Internet Archive. Asbari.it
  5. ^ Il Bari passeggia, l'Atalanta affonda, La Gazzetta dello Sport.
  6. ^ Barreto è del Bari, asbari.it (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2010).
  7. ^ Barreto riscattato dall'Udinese
  8. ^ BARRETO RESTA AL TORO Archiviato il 22 giugno 2013 in Internet Archive. torinofc.it, 19 giugno 2013
  9. ^ Barreto e Larrondo al Toro, su torinofc.it, 20 giugno 2014. URL consultato il 2 ottobre 2015.
  10. ^ Il derby dell’Agogna dal sapore sudamericano: Pablo e Vitor tocca a voi!, su derbyderbyderby.it, 6 agosto 2019. URL consultato il 19 agosto 2019.
  11. ^ Monopoli, dietrofront Barreto: non c'è, parte in raduno col Gozzano, su tuttocalciopuglia.com, 15 luglio 2019. URL consultato il 15 luglio 2019.
  12. ^ a b 2 presenze nel Terzo turno preliminare.
  13. ^ 1 rete nel Terzo turno preliminare.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]