Jean-Pierre Jarier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Pierre Jarier
Nome Jean-Pierre Jacques Paul Jarier
Nazionalità Francia Francia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Formula 1, Sport Prototipo
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1971, 1973-1983
Scuderie March
Shadow
Penske
Ligier
ATS
Lotus
Tyrrell
Osella
Miglior risultato finale 12° (1979)
GP disputati 143 (134 partenze)
Podi 3
Punti ottenuti 31,5
Pole position 3
Giri veloci 3
 

Jean-Pierre Jacques Paul Jarier (Charenton-le-Pont, 10 luglio 1946) è un ex pilota di Formula 1 francese, campione europeo di Formula 2 nel 1973.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Charenton-le-Pont, vicino Parigi, Jarier si interessò al mondo dell'automobilismo a 21 anni.[1] Prima si era dedicato alle moto da corsa, ma a seguito di una promessa fatta alla madre di abbandonare questo suo interesse, la convinse a vendere l'auto di famiglia per comprargli una vettura per gareggiare nelle categorie minori.[1]

Debutta quindi nel 1967 alla Coppa Gordini, in cui ottiene qualche piazzamento. L'anno seguente conquista le prime vittorie e, grazie all'aiuto di Jean-Pierre Beltoise fece le prime esperienze alla guida di una monoposto in Formula Francia.[2] Nonostante i risultati non particolarmente brillanti passò alla Formula 3 nel 1969 e l'anno seguente concluse terzo nel campionato francese.

Questo risultato gli consentì, nel 1971, di passare alla Formula 2, categoria in cui ottenne diversi podi. Lo stesso anno debuttò pure in Formula 1. Nel 1972, però, a causa della mancanza di denaro, poté correre solamente alcune gare.[1] Solo nel 1973 venne assunto dal team ufficiale della March, con cui riuscì a imporsi e vincere il campionato.

Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1973, secondo quanto pattuito con la March avrebbe dovuto correre solamente alcune gare nella massima serie, ma il mancato accordo tra Chris Amon e il team britannico lo pose nella condizione di poter disputare quasi interamente il campionato, viste anche le difficoltà economiche della squadra che non poteva permettersi un pilota di primo livello.[2] La stagione si rivelò nel complesso deludente, anche per il fatto che la March non poteva permettersi di essere competitiva contemporaneamente sia in Formula 1 che in Formula 2, categoria in cui il francese stava dominando. Nonostante ciò il francese offrì buone prove a Monaco e in Francia.[2] Lo stesso anno Jarier era stato contattato dalla Ferrari con cui aveva firmato un contratto per disputare a Maranello la stagione seguente, ma a settembre fu costretto a rescinderlo a causa dell'opposizione della March che non voleva lasciarlo partire.[3]

Nella sua lunga carriera (134 Gran Premi corsi tra il 1971 e il 1983), le migliori occasioni di vittoria le ebbe al volante della Lotus, quando nella stagione 1978 fu chiamato a sostituire Ronnie Peterson deceduto dopo l'incidente al Gran Premio d'Italia. Nell'occasione il giornalista Franco Lini osservò: "O con la Lotus attuale tutti sono campioni o Jarier è un fuoriclasse e nessuno se ne è accorto".[4]

Risultati completi[modifica | modifica wikitesto]

1971 Scuderia Vettura Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
March 701 NA NC 0
1973 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
March 721G e 731 Rit Rit NC Rit Rit Rit Rit NA Rit NC 11 0
1974 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Shadow DN1 e DN3 Rit Rit NA Rit 13 3 5 Rit 12 Rit 8 8 Rit Rit 10 6 14º
1975 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Shadow DN3B, DN5 e DN7 NP Rit Rit 4 Rit Rit Rit Rit 8 14 Rit Rit Rit Rit 1,5 18º
1976 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Shadow DN8 e DN5 Rit Rit 7 Rit 9 8 12 12 9 11 Rit 10 19 18 10 10 0
1977 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Penske
Shadow[5]
Ligier[6]
PC4
DN8
JS7
6 NQ 11 11 8 Rit 9 Rit 14 Rit Rit 9 Rit 1 20º
1978 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Punti Pos.
ATS
Lotus[7]
HS1
79
12 NP 8 11 NQ NQ 15 Rit 0
1979 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Tyrrell 009 Rit Rit 3 6 5 11 Rit 5 3 Rit 6 Rit Rit 14 12º
1980 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of the United States.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Tyrrell 009 e 010 Rit 12 7 Rit 5 Rit Rit 5 15 Rit 5 13 7 NC 6 13º
1981 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg Punti Pos.
Ligier
Osella[8]
JS17
FA1B
Rit 7 8 8 10 Rit 9 Rit Rit 0
1982 Scuderia Vettura Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg Punti Pos.
Osella FA1 Rit 9 Rit 4 Rit NQ Rit WD 14 Rit Rit Rit NQ Rit Rit NP 3 20º
1983 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Punti Pos.
Ligier JS21 Rit Rit 9 Rit Rit Rit Rit Rit 10 8 7 Rit 9 Rit 10 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Sportprototipo[modifica | modifica wikitesto]

Jarier alla guida di una Matra Simca nel 1974

Oltre che nelle competizioni con le monoposto, Jarier si è distinto anche nelle competizioni del Campionato mondiale sportprototipi, prima come pilota ufficiale della Matra Simca e poi collaborando alla conquista del titolo mondiale 1977 dell'Alfa Romeo al volante della Tipo 33. Oltre ad aver partecipato a varie edizioni della classica 24 Ore di Le Mans, si è anche aggiudicato la 24 Ore di Spa del 1993 al volante di una Porsche 911.

Si ritirò dalle competizioni nel 2003.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1988 vive in una fattoria a La Môle.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) DRIVERS: JEAN-PIERRE JARIER, grandprix.com. URL consultato il 3 settembre 2014.
  2. ^ a b c Gabriela Noris, «Non è vero che Hunt sia più bravo di me!», in Autosprint, nº 42, 15 ottobre 1973, pp. 14-15.
  3. ^ a b (FR) Jean-Pierre Jarier ou le portrait au vitriol d'un ancien pilote de F1, in nicematin.com, 23 novembre 2010. URL consultato il 3 settembre 2014.
  4. ^ Gianni Cancellieri-Cesare De Agostini, 33 anni di gran premi iridati-Vol.II, Conti Editore, 1982, pag.253..
  5. ^ Con la Shadow nel GP degli Stati Uniti-Est.
  6. ^ Con la Ligier nel GP del Giappone.
  7. ^ Con la Lotus dal GP degli Stati Uniti-Est.
  8. ^ Con l'Osella dal GP di Gran Bretagna.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]