Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Est 1983

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stati Uniti GP degli Stati Uniti-Est 1983
380º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 7 di 15 del Campionato 1983
Circuit Detroit.png
Data 5 giugno 1983
Nome ufficiale 2sd Detroit Grand Prix
Circuito Circuito di Detroit
Percorso 4,023 km
Circuito cittadino
Distanza 60 giri, 241,380 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Francia René Arnoux Regno Unito John Watson
Ferrari in 1'44"734 McLaren-Ford Cosworth in 1'47"668
(nel giro 55)
Podio
1. Italia Michele Alboreto
Tyrrell-Ford Cosworth
2. Finlandia Keke Rosberg
Williams-Ford Cosworth
3. Regno Unito John Watson
McLaren-Ford Cosworth

Il Gran Premio degli Stati Uniti d'America Est 1983 è stata la settima prova della stagione 1983 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 5 giugno 1983 sul Circuito di Detroit. La gara è stata vinta dall'italiano Michele Alboreto su Tyrrell-Ford Cosworth; per il vincitore si trattò del secondo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il finalndese Keke Rosberg su Williams-Ford Cosworth e il britannico John Watson su McLaren-Ford Cosworth.

Essa fu la ventitreesima, e ultima, vittoria per la Tyrrell in una gara valida per il mondiale di F1.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

A fine maggio venne annunciato che Gérard Ducarouge, tecnico progettista dell'Alfa Romeo, sarebbe passato, dal 1º giugno, in forza alla Lotus.[1]Gli organizzatori del GP di New York chiesero di posticipare la loro gara dall'inizio di settembre, al 23 dello stesso mese.[2]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Dopo le critiche subite dal tracciato, per l'edizione precedente, l'organizzazione s'impegno a coprire ben 70 tombini che erano presenti sulla pista. Venne modificato anche il disegno della pista, con la soppressione del tornante posto alla curva 5 (Jefferson Street), mentre venne riprofilato il tornante che precedeva il rettilineo dei box. Infine venne ridisegnata anche l'entrata ai box. Alain Prost, pilota della Renault, mantenne però le critiche alle sconnessioni della pista. Anche Nelson Piquet fu molto critico sulla sicurezza della pista, puntando il dito sull'entrata alla corsia dei box, a causa del posizionamento, troppo pericoloso, di un guardrail. Eddie Cheever, invece, lodò il nuovo layout della pista.[3][4][2]

La Brabham inviò reclamo contro il nuovo tipo di tubo di scappamento utilizzato, dal GP di Monaco, da parte della Renault, considerato come un'appendice aerodinamica mobile. La casa francese si difese affermando che tale apparecchiatura serviva solo a raffreddare gli pneumatici. La Renault, dal canto suo, si lamentò per l'eccessiva larghezza dell'alettone posteriore utilizzato proprio dalla Brabham.

La Ferrari presentò un alettone posteriore, sulla vettura di René Arnoux, con ben quattro profili, mentre l'Alfa Romeo 183T godette di una nuova geometria delle sospensioni, di alettone inediti, e di una nuova configurazione del motore, con una valvola a monte del turbocompressore, che serviva a sbarrare il passaggio d'aria e mantenere il corretto livello di rotazione del motore.[3]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Il gran premio venne definito "degli Usa Est", per distinguerlo dall'altra gara in programma negli Stati Uniti d'America nello stesso anno, a Long Beach La gara venne anche denominata "Gran Premio di Detroit".[3]

Alla gara non prese parte, per problemi finanziari, la RAM-March, con Eliseo Salazar che non fu capace di mettere assieme il budget necessario.[3]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Al venerdì la pioggia accolse la prima giornata di prove. La temperature era molto bassa, tanto che sulle cime dei grattacieli, attorno alla pista, si verificò anche del nevischio. Tali condizioni atmosferiche favorirono le vetture a motore aspirato: il più veloce fu infatti Keke Rosberg (in 2'06"382), pur menomato da un raffreddore. A causa della difficile situazione del tracciato vi furono diversi incidenti: Jacques Laffite distrusse la sua monoposto contro il muretto dei box; il pilota risultò incolume. Elio de Angelis criticò la sicurezza del tracciato, soprattutto in condizioni di bagnato. Dietro al finlandese della Williams si classificarono Jean-Pierre Jarier e Nigel Mansell, staccati di oltre un secondo. Il primo pilota dotato di motore turbo fu Andrea de Cesaris, quarto.[3][5][2]

Il giorno seguente le condizioni climatiche furono completamente diverse, con sole e temperature in crescita, tanto che vennero favoriti quei piloti che aveva ottenuto i tempi migliori nella prima fase della sessione di qualifica; la crescita dell'umidità rese infatti la pista molto scivolosa. Tornarono competitivi i motori sovralimentati: René Arnoux colse la sedicesima pole position nel mondiale (agganciando nella speciale classifica di tutti i tempi delle partenza al palo Stirling Moss al sesto posto), davanti a Nelson Piquet e al compagno di scuderia Patrick Tambay, che si attardò nel trovare la migliore regolazione della sua vettura e non poté competere con Arnoux. Marc Surer, quinto, staccato di due secondi, fu il più veloce tra i conduttori spinti da motori non turbo. Piercarlo Ghinzani, ventiquattresimo, qualificò per la prima volta l'Osella-Alfa Romeo.[3][6]

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il giro di formazione Andrea de Cesaris segnalò che la sua Alfa Romeo si era spenta, sulla griglia di partenza. La procedura venne così interrotta, e venne lanciato un nuovo giro di formazione, mentre la gara venne accorciata di una tornata.

Al via Patrick Tambay rimase fermo in griglia, e venne fortunatamente evitato da tutti gli altri partecipanti. Nelson Piquet si pose al comando, precedendo René Arnoux, e un trio di piloti italiani Elio de Angelis, Michele Alboreto e Andrea de Cesaris. Dal problema di Tambay venne penalizzato anche Marc Surer, che partito dietro di lui, venne rallentato dalla Ferrari ferma, perdendo cinque posizioni. La scuderia italiana chiese, invano, il rifacimento della procedura di partenza, nella speranza di far ripartire Tambay. Nel corso del primo giro, intanto, de Cesaris passò Alboreto.

La gara di de Angelis s'interruppe al sesto giro, per un guasto al cambio: il pilota romano era stato comunque penalizzato per partenza anticipata. Nello stesso giro si ritirò anche Eddie Cheever, che fermò la sua monoposto all'entrata del tunnel, in posizione alquanto pericolosa. Due giri dopo Alboreto cedette la quarta piazza a Keke Rosberg.

Favorito da una diversa strategia di gara, che prevedeva il rifornimento a metà gara, René Arnoux conquistò la testa della gara al decimo giro. Il giro seguente Rosberg scalò ancora una posizione, passando de Cesaris, per il terzo posto. Al giro 12 Surer raccolse un detrito che, infilatosi nel radiatore, ne surriscaldò l'acqua, che iniziò a cadere sulla pista. I commissari esposero la bandiera di segnalazione, che costrinse il pilota elvetico ai box. Un de Cesaris in crisi perse ancora due posizioni, a favore di Alboreto e Derek Warwick.

Al giro 20 Keke Rosberg conquistò il secondo posto, passando Piquet. La gara di Warwick venne interrotta al giro 25, quando, al momento del rifornimento, il suo motore iniziò a perdere potenza. Al trentesimo passaggio vi furono i rifornimenti per Arnoux, Rosberg e de Cesaris. La sosta del francese fu molto rapida, tanto che Arnoux rientrò in pista ancora primo; il finlandese invece sperimentò dei problemi per una ruota, e venne rimandato in pista quinto. La classifica vedeva perciò René Arnoux primo, poi Nelson Piquet, Michele Alboreto, Jacques Laffite, Keke Rosberg e John Watson.

Il colpo di scena di presentò al giro 32 quando Arnoux si trovò costretto al ritiro per un problema all'iniezione. Nello stesso passaggio de Cesaris, nel tentativo di passare Thierry Boutsen terminò in una via di fuga, e chiese l'aiuto dei commissari per riprendere la pista, scendendo in undicesima posizione. Jacques Laffite effettuò la sua sosta, rientrando quinto.

La gara di Nelson Piquet fu regolare fino al giro 51, quando una foratura alla posteriore sinistra lo levò dai piani della graduatoria. Passò a condurre Michele Alboreto, seguito da Keke Rosberg e John Watson. Dopo la sosta, per la sostituzione dello pneumatico, il brasiliano della Brabham rientrò in gara quarto.

La classifica rimase congelata negli ultimi giri. Alboreto conquistò così la sua seconda vittoria nel mondiale, la ventitreesima e ultima per la Tyrrell. Essa fu anche la sola del motore Ford Cosworth DFY.[3]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[7] furono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 3 Italia Michele Alboreto Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 60 1h50'53"669 6 9
2 1 Finlandia Keke Rosberg Regno Unito Williams-Ford Cosworth 60 + 7"702 12 6
3 7 Regno Unito John Watson Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 60 + 9"283 21 4
4 5 Brasile Nelson Piquet Regno Unito Brabham-BMW 60 + 1'12"185 2 3
5 2 Francia Jacques Laffite Regno Unito Williams-Ford Cosworth 60 + 1'32"603 20 2
6 12 Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 59 + 1 giro 14 1
7 30 Belgio Thierry Boutsen Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 59 + 1 giro 10  
8 15 Francia Alain Prost Francia Renault 59 + 1 giro 13  
9 36 Italia Bruno Giacomelli Regno Unito Toleman-Hart 59 + 1 giro 17  
10 26 Brasile Raul Boesel Francia Ligier-Ford Cosworth 58 + 2 giri 23  
11 29 Svizzera Marc Surer Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 58 + 2 giri 5  
12 23 Italia Mauro Baldi Italia Alfa Romeo 56 + 4 giri 25  
13 8 Austria Niki Lauda Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 49 Sospensione[8] 18  
NC 33 Colombia Roberto Guerrero Flag of Hong Kong (1959-1997).svg Theodore-Ford Cosworth 38 Non classificato 11  
Rit 34 Venezuela Johnny Cecotto Flag of Hong Kong (1959-1997).svg Theodore-Ford Cosworth 34 Cambio 26  
Rit 22 Italia Andrea de Cesaris Italia Alfa Romeo 33 Turbo 8  
Rit 28 Francia René Arnoux Italia Ferrari 31 Probl. Elettrici 1  
Rit 4 Stati Uniti Danny Sullivan Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 30 Probl. elettrici 16  
Rit 25 Francia Jean-Pierre Jarier Francia Ligier-Ford Cosworth 29 Ruota 19  
Rit 9 Germania Manfred Winkelhock Germania ATS-BMW 26 Collisione 22  
Rit 35 Regno Unito Derek Warwick Regno Unito Toleman-Hart 25 Motore 9  
Rit 6 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Brabham-BMW 24 Freni 15  
Rit 11 Italia Elio de Angelis Regno Unito Lotus-Renault 5 Cambio 4  
Rit 16 Stati Uniti Eddie Cheever Francia Renault 4 Distributore 7  
Rit 32 Italia Piercarlo Ghinzani Italia Osella-Alfa Romeo 4 Surriscaldamento 24  
Rit 27 Francia Patrick Tambay Italia Ferrari 0 Motore 3  
NQ 31 Italia Corrado Fabi Italia Osella-Ford Cosworth      

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Francia Renault 36
2 Regno Unito Williams-Ford 32
3 Italia Ferrari 31
4 Regno Unito Brabham-BMW 27
5 Regno Unito McLaren-Ford 25
6 Regno Unito Tyrrell-Ford 11
7 Regno Unito Arrows-Ford 4
8 Italia Alfa Romeo 1
9 Regno Unito Theodore-Ford 1
10 Regno Unito Lotus-Ford 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1, formula1.com.

  1. ^ Gerard Ducarouge, in La Stampa, 28 maggio 1983, p. 20.
  2. ^ a b c Cristiano Chiavegato, Nella pioggia Rosberg naviga meglio di tutti (PDF), La Stampa, 4 giugno 1983, p. 21. URL consultato il 13 gennaio 2015.
  3. ^ a b c d e f g (FR) 7. Etats-Unis Est 1983, su statsf1.com. URL consultato il 16 ottobre 2015.
  4. ^ Cristiano Chiavegato, Formula 1, Tambay a Detroit pensa a una corsa difensiva, in La Stampa, 3 giugno 1983, p. 23.
  5. ^ Cristiano Chiavegato, Lauda: "Detroit, il trampolino per una stagione di rilancio" (PDF), Stampa Sera, 4 giugno 1983, p. 20. URL consultato il 13 gennaio 2015.
  6. ^ Cristiano Chiavegato, Arnoux in pole position con la Ferrari a Detroit (PDF), La Stampa, 5 giugno 1983, p. 23. URL consultato il 13 gennaio 2015.
  7. ^ Risultati del gran premio
  8. ^ Niki Lauda, pur ritirato, venne classificato, avendo coperto più del 90% della distanza.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1983
Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa (1928-1994).svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1982
Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Est
Edizione successiva:
1984
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1