Gran Premio di Germania 1979

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Germania Ovest Gran Premio di Germania 1979
323º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 10 di 15 del Campionato 1979
Circuit Hockenheimring-1970.svg
Data 29 luglio 1979
Nome ufficiale XLI Großer Preis von Deutschland
Luogo Hockenheim
Percorso 6,789 km
Distanza 45 giri, 305,505 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Francia Jean-Pierre Jabouille Canada Gilles Villeneuve
Renault in 1'48"48 Ferrari in 1'51"89
(nel giro 40)
Podio
1. Australia Alan Jones
Williams-Ford Cosworth
2. Svizzera Clay Regazzoni
Williams-Ford Cosworth
3. Francia Jacques Laffite
Ligier-Ford Cosworth

Il Gran Premio di Germania 1979 è stata la decima prova della stagione 1979 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 29 luglio 1979 sul Circuito di Hockenheim. La gara è stata vinta dall'australiano Alan Jones su Williams-Ford Cosworth; per il vincitore si tratto del secondo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo lo svizzero Clay Regazzoni anch'egli su Williams-Ford Cosworth e il francese Jacques Laffite su Ligier-Ford Cosworth.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

L'Autodromo Nazionale di Monza venne visitato dal delegato tecnico della FISA Robert Langford, che ne confermò l'omologazione per tre anni. Ciò garantiva definitivamente la tenuta del Gran Premio d'Italia sul circuito monzese.[1]

La Talbot dichiarò il suo interesse a rientrare in Formula 1 dalla stagione 1980, tramite una collaborazione con la Matra.[2] La casa francese aveva già partecipato come Talbot-Lago alle edizioni del 1950 e del 1951 del Campionato mondiale di Formula 1.

Niki Lauda, lamentandosi della qualità della sua presente scuderia, la Brabham, minacciò, in assenza di progetti chiari per il futuro, di accettare una delle varie offerte che gli erano giunte per la stagione 1980, tra le altre, da Renault e McLaren.[3] La Parmalat, sponsor del pilota austriaco, smentì dal suo canto, l'interesse per l'acquisto della Walter Wolf Racing, quale nuova scuderia ove far correre Lauda.[4] Lauda condusse dei colloqui nel weekend con la McLaren, cosa che spinse la Brabham a cercare un accordo con Riccardo Patrese.[5]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dei controlli tecnici sulle Ferrari impegnate nel precedente Gra Premio di Gran Bretagna la scuderia italiana scoprì che era stato utilizzato, per errore, un carburante meno performante di quello usato solitamente che era di 100 ottani, ed era fornito dall'Agip. La minor qualità della benzina venne anche considerata come causa dei problemi di alimentazione che costrinsero Gilles Villeneuve al ritiro. Per ovviare a questi inconvenienti in futuro la Ferrari chiese all'Agip la presenza di un tecnico per ogni gran premio.[6]

La McLaren affidò anche a Patrick Tambay un esemplare di M29. La Copersucar-Fittipaldi portò all'esordio la F6A; la Wolf ripresentò la WR8.

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un gran premio d'assenza avrebbe dovuto rientrare l'Alfa Romeo,[7] su cui avrebbe dovuto fare il suo esordio stagionale Vittorio Brambilla, fermo dall'incidente patito nel Gran Premio d'Italia 1979.[8] Successivamente la casa italiana decise di non prendere parte all'evento.[9][10] L'Alfa giustificò la scelta affermando di voler concentrare gli sforzi per l'approntamento della nuova monoposto.[11]

Jean-Pierre Jarier della Tyrrell non poté prendere parte al gran premio per un'epatite. Inizialmente venne indicato come suo sostituto Bruno Giacomelli, che fino a quel momento era stato l'unico pilota presentato dall'Alfa. Proprio la casa milanese, pur non presente all'evento, pose un veto alla sua partecipazione.[12] La Tyrrell decise così di impiegare Geoff Lees, pilota britannico che però non era fornito di licenza per correre in F1, che gli venne però rapidamente concessa.[13] Lees aveva tentato, senza successo, di qualificarsi al Gran Premio di Gran Bretagna 1978 con l'Ensign.

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima giornata di prove ufficiali il più rapido fu Jean-Pierre Jabouille in 1'48"48, tempo di 3"42 più basso di quello fatto segnare da Mario Andretti l'anno precedente. Al secondo posto di classificò Alan Jones, mentre terzo fu Jacques Laffite. Le due Ferrari di Jody Scheckter e Gilles Villeneuve chiusero al decimo e dodicesimo posto, rispettivamente. Il canadese aveva anche rotto le sospensioni in un'uscita di pista durante le prove libere del mattino, mentre Scheckter nel corso di quelle ufficiali aveva tamponato Carlos Reutemann.[13]

Jabouille, in forza del tempo molto basso ottenuto al venerdì, non effettuò molti giri al sabato, tanto che comunque nessun altro pilota fu capace di insidiarlo. Per Jabouille e la Renault si trattò della terza pole nel mondiale. Jones confermò la prima fila, riuscendo ad avvicinarsi al tempo del transalpino. La seconda fila vide la conferma per Laffite e l'exploit di Nelson Piquet. Notevoli furono anche i miglioramenti per le Ferrari, con Scheckter quinto e Villeneuve nono, penalizzato dall'uso del muletto, in quanto il motore della vettura titolare subiva delle perdite di potenza. Carlos Reutemann fu vittima di un'uscita di pista alla Ostkurve: la sua Lotus si distrusse contro le barriere ma il pilota rimase incolume.[5] Il medico della Formula 1, Rafael Robles, sconsigliò comunque all'argentino di prendere parte al gran premio.[14]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[15] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 15 Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault 1'48"48 1
2 27 Australia Alan Jones Regno Unito Williams-Ford Cosworth 1'48"75 2
3 26 Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Ford Cosworth 1'49"43 3
4 6 Brasile Nelson Piquet Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 1'49"50 4
5 11 Sudafrica Jody Scheckter Italia Ferrari 1'50"00 5
6 28 Svizzera Clay Regazzoni Regno Unito Williams-Ford Cosworth 1'50"12 6
7 5 Austria Niki Lauda Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 1'50"37 7
8 3 Francia Didier Pironi Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'50"40 8
9 12 Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari 1'50"41 9
10 16 Francia René Arnoux Francia Renault 1'50"48 10
11 1 Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'50"68 11
12 7 Regno Unito John Watson Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'50"86 12
13 2 Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'50"94 13
14 25 Belgio Jacky Ickx Francia Ligier-Ford Cosworth 1'51"07 14
15 8 Francia Patrick Tambay Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'51"47 15
16 4 Regno Unito Geoff Lees Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'51"50 16
17 20 Finlandia Keke Rosberg Canada Wolf-Ford Cosworth 1'52"01 17
18 30 Germania Jochen Mass Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'52"74 18
19 29 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'52"93 19
20 17 Paesi Bassi Jan Lammers Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 1'53"59 20
21 18 Italia Elio De Angelis Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 1'53"73 21
22 14 Brasile Emerson Fittipaldi Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 1'54"01 22
23 9 Germania Hans-Joachim Stuck Germania ATS-Ford Cosworth 1'54"47 23
24 31 Messico Héctor Rebaque Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'55"86 24
NQ 22 Francia Patrick Gaillard Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 1'55"95 NQ
NQ 24 Italia Arturo Merzario Italia Merzario-Ford Cosworth 2'01"84 NQ

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Alan Jones, al via, passò subito al comando davanti a Jean-Pierre Jabouille, Jacques Laffite, Jody Scheckter, Clay Regazzoni e Nelson Piquet. Il brasiliano venne passato dal suo compagno di scuderia Niki Lauda al secondo giro. Sempre nel secondo giro Carlos Reutemann fu costretto al ritiro per una collisione con Riccardo Patrese. L'argentino, a fine gara, accusò il pilota italiano per l'incidente.[14]

All'ottavo giro Jabouille attaccò Jones alla Sachs, sbagliò però il tempo della frenata, terminando in testacoda, e dovendosi ritirare. Nel corso dello stesso giro Clay Regazzoni prese una posizione a Scheckter. Nelle retrovie era autore di un buon recupero Gilles Villeneuve, che già dopo pochi giri, si era riportato in quinta posizione.

Al tredicesimo passaggio Regazzoni passò anche Jacques Laffite, grazie anche a un errore del francese alla prima chicane, ma non attaccò poi successivamente Jones, per ordini di scuderia. Villeneuve scontava la rottura dell'alettone posteriore, ciò permise a Niki Lauda di passarlo al ventisettesimo giro. Un giro dopo l'austriaco fu però costretto al ritiro per la rottura del motore.

Al giro 33 Piquet passò Villeneuve per la quinta posizione. Negli ultimi giri il canadese fu costretto a una sosta ai box per sostituire l'alettone, sosta gli costò la sesta posizione. Anche Piquet però fu costretto ad abbandonare la gara a due tornate dal termine per un problema al motore. Il battistrada Jones, negli ultimi giri, dovette rallentare il ritmo sia a causa di un problema a uno pneumatico, sia per la perdita di potenza del suo motore.

Vinse comunque Alan Jones, per la seconda volta nel mondiale dopo la vittoria nel Gran Premio d'Austria 1977, al volante di una Shadow. Fu la prima vittoria iridata per una vettura che portava il numero 27.[16] Per La Williams questa fu la seconda vittoria consecutiva. Clay Regazzoni giunse secondo, davanti a Jacques Laffite, poi Scheckter, John Watson e Jochen Mass.[17]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[18] furono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 27 Australia Alan Jones Regno Unito Williams-Ford Cosworth 45 1h24'48"83 2 9
2 28 Svizzera Clay Regazzoni Regno Unito Williams-Ford Cosworth 45 +2"91 6 6
3 26 Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Ford Cosworth 45 +18"39 3 4
4 11 Flag of South Africa (1928–1994).svgJody Scheckter Italia Ferrari 45 +31"20 5 3
5 7 Regno Unito John Watson Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 45 +1'37"80 12 2
6 30 Germania Jochen Mass Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 44 +1 giro 18 1
7 4 Regno Unito Geoff Lees Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 44 +1 giro 16
8 12 Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari 44 +1 giro 9
9 3 Francia Didier Pironi Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 44 +1 giro 8
10 17 Paesi Bassi Jan Lammers Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 44 +1 giro 20
11 18 Italia Elio De Angelis Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 43 +2 giri 21
12 6 Brasile Nelson Piquet Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 42 Motore[19] 4
Rit 29 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 34 Foratura 19
Rit 8 Francia Patrick Tambay Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 30 Sospensione 15
Rit 20 Finlandia Keke Rosberg Canada Wolf-Ford Cosworth 29 Motore 17
Rit 5 Austria Niki Lauda Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 27 Motore 7
Rit 25 Belgio Jacky Ickx Francia Ligier-Ford Cosworth 24 Foratura 14
Rit 31 Messico Héctor Rebaque Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 22 Tenuta di strada 24
Rit 1 Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 16 Trasmissione 11
Rit 16 Francia René Arnoux Francia Renault 9 Foratura 10
Rit 15 Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault 7 Testacoda 1
Rit 14 Brasile Emerson Fittipaldi Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 4 Problemi elettrici 22
Rit 2 Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1 Collisione con R.Patrese 13
Rit 9 Germania Hans-Joachim Stuck Germania ATS-Ford Cosworth 0 Sospensione 23
NQ 22 Francia Patrick Gaillard Regno Unito Ensign-Ford Cosworth
NQ 24 Italia Arturo Merzario Italia Merzario-Ford Cosworth

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monza o.k. per tre anni, in La Stampa, 18-7-1979, p. 15.
  2. ^ (ES) Talbot quiere volver a la F-1, in El Mundo Deportivo, 23-7-1979, p. 38. URL consultato il 9-10-2012.
  3. ^ (ES) Ultimatum de Lauda a su equipo, in El Mundo Deportivo, 25-7-1979, p. 29. URL consultato il 9-10-2012.
  4. ^ (ES) Lauda seguira corriendo en 1980, in El Mundo Deportivo, 20-7-1979, p. 26. URL consultato il 9-10-2012.
  5. ^ a b Cristiano Chiavegato, Jabouille favorito, poi bagarre, in La Stampa, 29-7-1979, p. 15.
  6. ^ Cristiano Chiavegato, La Ferrari tradita a Silverstone dal tipo di benzina, in La Stampa, 16-7-1979, p. 12.
  7. ^ L'Alfa Romeo a Hockenheim, in La Stampa, 12-7-1979, p. 19.
  8. ^ Cristiano Chiavegato, Brambilla a 42 anni torna in Formula 1, in Stampa Sera, 26-7-1979, p. 13.
  9. ^ Cristiano Chiavegato, Forfait a sorpresa dell'Alfa Romeo, in La Stampa, 27-7-1979, p. 17.
  10. ^ Brambilla deluso, in La Stampa, 27-7-1979, p. 17.
  11. ^ L'Alfa annuncia il ritorno a fine '79, in La Stampa, 28-7-1979, p. 15.
  12. ^ Giacomelli non corre con la Tyrrell, in La Stampa, 26-7-1979, p. 17.
  13. ^ a b Cristiano Chiavegato, È il momento delle Renault- Le Ferrari sono in difficoltà, in La Stampa, 28-7-1979, p. 15.
  14. ^ a b Cristiano Chiavegato, Accuse di Reutemann a Patrese, in Stampa Sera, 30-7-1979, p. 11.
  15. ^ Risultati delle qualifiche
  16. ^ (FR) Statistiques Numéro-Victoires-Chronologie, statsf1.com. URL consultato l'11-10-2012.
  17. ^ Cristiano Chiavegato, Ancora le Williams: 1° Jones, 2° Regazzoni, in Stampa Sera, 30-7-1979, p. 11.
  18. ^ Risultati del gran premio
  19. ^ Nelson Piquet classificato, pur essendosi ritirato, avendo coperto più del 90% della distanza.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1979
Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of South Africa (1928–1994).svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977–1981).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1978
Gran Premio di Germania
Edizione successiva:
1980
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1