Gran Premio di Spagna 1974

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Spagna Gran Premio di Spagna 1974
239º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 15 del Campionato 1974
Jarama old circuit map.png
Data 28 aprile 1974
Nome ufficiale XX Gran Premio de España
Luogo Jarama
Percorso 3,404 km
Distanza 84[1] giri, 285,936 km
Clima Piovoso
Risultati
Pole position Giro più veloce
Austria Niki Lauda Austria Niki Lauda
Ferrari in 1'18"44 Ferrari in 1'20"83
(nel giro 47)
Podio
1. Austria Niki Lauda
Ferrari
2. Svizzera Clay Regazzoni
Ferrari
3. Brasile Emerson Fittipaldi
McLaren-Ford Cosworth

Il Gran Premio di Spagna 1974 è stata la quarta prova della stagione 1974 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 28 aprile 1974 sul Circuito permanente del Jarama, posto nelle vicinanze di Madrid. La gara è stata vinta dall'austriaco Niki Lauda su Ferrari; per il vincitore si trattò del primo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo lo svizzero Clay Regazzoni, anch'egli su Ferrari e il brasiliano Emerson Fittipaldi su McLaren-Ford Cosworth.

Per la Scuderia Ferrari si trattò della cinquantesima vittoria nel campionato mondiale di Formula 1.[2] Niki Lauda ottenne, in questa gara, un hat trick, conquistando pole position, giro veloce in gara e vittoria.[3]

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La pista del Jarama subì profondi cambiamenti, rispetto all'ultima edizione del gran premio qui tenuta, nel 1972. La larghezza del tracciato fu aumentata e furono posizionate delle barriere di sicurezza ai bordi della pista.

La Tyrrell presentò il modello 007, elaborato da Derek Gardner. La scuderia britannica affidò l'unico modello presente a Jody Scheckter, mentre Patrick Depailler proseguì a utilizzare la vecchia 006.

Esordì nel campionato mondiale la Amon col modello AF101. Concepita da Gordon Fowell, la monoposto si ispirava alla March 731 e alla Lotus 72E. Fece il suo esordio in una gara iridata anche la Trojan-Tauranac Racing, scuderia legata alla casa automobilistica britannica Trojan, con la T103: si trattava originariamente di una vettura di Formula 5000, adattata alla F1, concepita da Ron Tauranac.[2]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Rikky von Opel prese il posto di Richard Robarts alla Brabham. Il pilota del Liechtenstein aveva iniziato la stagione con la Ensign, anche se non aveva preso parte a nessuna gara, trovando la vettura poco competitiva. La Shadow sostituì il defunto Peter Revson con Brian Redman. Redman aveva già corso per la scuderia statunitense nel Gran Premio degli Stati Uniti d'America 1973. Alla McLaren Denny Hulme affrontò la gara col numero 56, in luogo del tradizionale 6.

Chris Amon rientrò nel campionato, al volante della propria scuderia. La Trojan affidò la sua unica monoposto a Tim Schenken; l'australiano aveva corso per l'ultima volta nel mondiale nel Gran Premio del Canada 1973, con una Iso-Marlboro. La scuderia privata Finotto iscrisse una Brabham BT42 per il pilota elvetico Silvio Moser. Il pilota, però, fu vittima di un grave incidente nella 1000 km di Monza, corsa pochi giorni prima del gran premio. Le gravi ferite non gli consentirono di prendere parte all'evento e lo portarono al decesso nel maggio del 1974.[2][4]

Tra gli iscritti alla gara risultava anche il pilota locale Jorge de Bagration, che aveva acquistato una Surtees TS16, grazie al sostegno di una catena di grandi magazzini, El Corte Inglés. De Bagration era figlio della famiglia reale della Georgia, nato a Roma, ma presto trasferito in Spagna. Aveva un a certa esperienza sia nella gara di durata che in Formula 2.

Il presidente della Federazione Automobilistica Spagnola (Real Federación Española de Automovilismo) perse però la lista degli iscritti alla gara, che dovette essere così redatta nuovamente, dimenticando però di menzionare de Bagration. Il pilota perse il sostengo del suo sponsor, che anzi negò di averglielo mai dato, e, quando riammesso nella lista, non ebbe più il sostegno economico necessario per partecipare al gran premio.[5][6]

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Ronnie Peterson su Lotus fu il pilota più rapido, nella prima giornata di prove ufficiali. Lo svedese colse il tempo di 1'18"47, nuovo record del tracciato, quattro decimi in meno di Niki Lauda e oltre un secondo meglio di Clay Regazzoni. L'exploit di Peterson venne spiegato per l'uso di pneumatici di migliore qualità. La sessione fu caratterizzata da due incidenti. Il primo fu Vittorio Brambilla, che uscì di pista al rettilineo Pegaso. La sua March colpì i basamenti di un ponte che passava sopra la pista: il pilota fu illeso ma sulla vettura si verifico un principio d'incendio. Più grave la vicenda che coinvolse Denny Hulme, che seguiva Brambilla. Il neozelandese, che stava affrontando un giro veloce, si girò su una macchia d'olio, presente nel punto dell'incidente appena avvenuto, e investì un commissario di pista che, in gravi condizioni, venne trasportato in ospedale.[7][8]

Al sabato le Ferrari si migliorarono, con Lauda che, per 3 centesimi, batté il tempo di Peterson, conquistando la sua seconda pole position in una gara valida per il mondiale di F1. La seconda fila venne conquistata da Regazzoni e Fittipaldi, davanti a Jacky Ickx e Carlos Reutemann. Lauda affermò che la partenza al palo fosse molto importante per la gara, essendo quello del Jarama un circuito stretto, impegnativo, e con poche possibilità di effettuare dei sorpassi.[9]

Anche la giornata del sabato vide diversi incidenti. Vittorio Brambilla, Patrick Depailler e Jean-Pierre Beltoise uscirono di pista, al termine del lungo rettilineo dei box. François Migault terminò fuori pista invece dopo una curva, nella parte più elevata del circuito. Sulla March di Brambilla si ruppe l'impianto frenante: la vettura fu così danneggiata nell'uscita di pista che non poté essere riparata per la gara, costringendo il monzese a non partecipare al gran premio. Migault ruppe il casco, riportando lievi lesioni al volto e alla parte destra del corpo. Beltoise, invece, criticò il lavoro dei commissari. Il francese si lamentò per il fatto che le vetture incidentate di Depailler e Migault fossero state tenute troppo vicine alla pista, rendendo così più pericolosa un'uscita dal tracciato.[10]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[11] si è avuta questa situazione:

Pos No Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 12 Austria Niki Lauda Italia Ferrari 1'18"44 1
2 1 Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'18"47 2
3 11 Svizzera Clay Regazzoni Italia Ferrari 1'18"78 3
4 5 Brasile Emerson Fittipaldi Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'19"25 4
5 2 Belgio Jacky Ickx Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'19"28 5
6 7 Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 1'19"37 6
7 20 Italia Arturo Merzario Italia Iso Marlboro-Ford Cosworth 1'19"54 7
8 56 Nuova Zelanda Denny Hulme Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'19"66 8
9 10 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito March-Ford Cosworth 1'19"81 NP[12]
10 3 Sudafrica Jody Scheckter Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'19"86 9
11 24 Regno Unito James Hunt Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 1'19"87 10
12 14 Francia Jean-Pierre Beltoise Regno Unito BRM 1'20"03 11
13 17 Francia Jean-Pierre Jarier Stati Uniti Shadow-Ford Cosworth 1'20"20 12
14 9 Germania Ovest Hans-Joachim Stuck Regno Unito March-Ford Cosworth 1'20"46 13
15 18 Brasile Carlos Pace Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'20"52 14
16 28 Regno Unito John Watson Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 1'20"54 15
17 4 Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'20"65 16
18 33 Regno Unito Mike Hailwood Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'20"65 17
19 19 Germania Ovest Jochen Mass Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'20"80 18
20 26 Regno Unito Graham Hill Regno Unito Lola-Ford Cosworth 1'20"99 19
21 15 Francia Henri Pescarolo Regno Unito BRM 1'21"32 20
22 16 Regno Unito Brian Redman Stati Uniti Shadow-Ford Cosworth 1'21"35 21
23 37 Francia François Migault Regno Unito BRM 1'21"43 22
24 30 Nuova Zelanda Chris Amon Regno Unito Amon-Ford Cosworth 1'21"79 23
25 8 Liechtenstein Rikky von Opel Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 1'21"85 24
NQ 23 Australia Tim Schenken Regno Unito Trojan-Ford Cosworth 1'21"89 25[12]
NQ 27 Regno Unito Guy Edwards Regno Unito Lola-Ford Cosworth 1'21"96 NQ
NQ 21 Danimarca Tom Belsø Italia Iso Marlboro-Ford Cosworth 1'22"09 NQ

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Alla domenica il tracciato venne colpito da una forte poggia, poco prima del via. Ciò costrinse i piloti a optare per le gomme da bagnato. Al via Ronnie Peterson pattinò leggermente, ma riuscì a prevalere sulle due Ferrari di Niki Lauda e Clay Regazzoni. Alle spalle dei due piloti ferraristi vi erano Jacky Ickx, Emerson Fittipaldi, Arturo Merzario, Jody Scheckter e Carlos Reutemann. Già al secondo giro Schcketer passò Merzario, mentre Jarier colse il nono posto, passando Hunt. Il britannico, al giro 4, cedette anche a Denny Hulme.

Al nono passaggio Reutemann effettuò un'escursione di pista, scendendo in diciassettesima posizione. Poco dopo la pioggia cessò: Peterson comandava con due secondi di margine su Lauda, seguivano poi Regazzoni, Ickx, Fittipaldi, Scheckter, Merzario e Hulme. All'undicesimo giro Scheckter ebbe la meglio su Fittipaldi, la cui McLaren scontava dei problemi tecnici. Peggio andava per un'altra McLaren, quella di Hulme, che fu costretto a una sosta ai box per controllare l'efficienza della monoposto, danneggiata al via da un contatto con Reutemann. L'argentino, dopo un'altra uscita di pista, fu costretto al ritiro.

Al giro 14 Jean-Pierre Jarier fu costretto ai box da un problema tecnico: la lunga sosta lo fece precipitare in ultima posizione. La pista, nel frattempo, si asciugava. Il primo a fermarsi fu Hans-Joachim Stuck, che era ottavo. Toccò poi a Regazzoni e Fittipaldi, col ticinese che mantenne il vantaggio sul brasiliano, che rientrò, invece, alle spalle di Stuck. Al ventunesimo passaggio si fermò anche il leader della corsa, Ronnie Peterson. La sosta era dovuta non solo all'esigenza di montare gomme da asciutto, ma anche per controllare il motore della sua Lotus. Nello stesso giro si fermarono anche Scheckter e Hunt.

Niki Lauda si trovò al comando, davanti a Ickx, Merzario e Regazzoni, che aveva appena passato Brian Redman. Seguivano Schenken, Depailler e Stuck. Al giro 23 l'austriaco si fermò ai box, per il cambio delle gomme, impiegando 35 secondi. Nello stesso passaggio si fermarono anche Merzario e Depailler. Al ventiquattresimo giro vi fu l'abbandono per Ronnie Peterson, per un problema al motore. L'altro pilota della Lotus, Ickx, ormai al comando, attese il giro 25, ma la lunghezza della sosta gli fece perdere diverse posizioni. Vi fu un problema alla ruota posteriore sinistra, con la chiave che rimase inserita nel dado della ruota. Il belga ripartì, ma si ruppe la chiave, spezzando l'attacco della ruota. Il pilota fermò all'altezza del box della Tyrrell, quando però si mise in azione l'estintore della vettura.

Si ritrovarono al comando le due Ferrari di Lauda e Regazzoni, seguite da Tim Schenken, che cambiò le gomme al giro 26, lasciando la terza posizione a Stuck. Seguivano poi Merzario, Fittipaldi e Mass. Scheckter era settimo, precedendo Pace. Ickx abbandonò la gara al giro 28, mentre Mass, per un guasto al cambio, dovette rinunciare a proseguire, al trentaseiesimo passaggio.

Al trentottesimo giro Merzario uscì di pista nella zona Pegaso: la sua Iso atterrò oltre le barriere, ferendo quattro fotografi. Il pilota uscì invece indenne dall'abitacolo. Lauda comandava con circa 25 secondi di margine su Regazzoni, seguivano poi Stuck, Fittipaldi, Scheckter e Hunt. Fittipaldi, dopo il miglior giro in gara, passò Stuck, entrando sul podio virtuale, al giro sessanta.

Le Ferrari controllavano la gara agevolmente, tanto da doppiare tutti gli altri concorrenti. Al sessantottesimo giro Hulme entrò in zona punti, passando James Hunt. Il britannico dovette poi cedere diverse posizioni, nella parte finale della gara. Il gran premio venne interrotto al raggiungimento delle due ore di gara, che non consentì di effettuare tutti i novanta giri previsti. Niki Lauda ottenne la sua prima vittoria nel mondiale di F1 (fu il cinquantaduesimo pilota a riuscirci),[13] davanti a Clay Regazzoni ed Emerson Fittipaldi. Lauda ottenne l’hat trick, con pole position, giro veloce e vittoria.[3] Per la Scuderia Ferrari si trattò del cinquantesimo successo in una gara valida per il mondiale. La scuderia non trionfava dal Gran Premio di Germania 1972.[2][14]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del gran premio[15] sono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 12 Austria Niki Lauda Italia Ferrari 84 2h00'29"56 1 9
2 11 Svizzera Clay Regazzoni Italia Ferrari 84 + 35"61 3 6
3 5 Brasile Emerson Fittipaldi Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 83 + 1 giro 4 4
4 9 Germania Ovest Hans-Joachim Stuck Regno Unito March-Ford Cosworth 82 + 2 giri 14 3
5 3 Sudafrica Jody Scheckter Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 82 + 2 giri 10 2
6 56 Nuova Zelanda Denny Hulme Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 82 + 2 giri 8 1
7 16 Regno Unito Brian Redman Stati Uniti Shadow-Ford Cosworth 81 + 3 giri 22  
8 4 Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 81 + 3 giri 17  
9 33 Regno Unito Mike Hailwood Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 81 + 3 giri 18  
10 24 Regno Unito James Hunt Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 81 + 3 giri 11  
11 28 Regno Unito John Watson Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 80 + 4 giri 16  
12 15 Francia Henri Pescarolo Regno Unito BRM 80 + 4 giri 21  
13 18 Brasile Carlos Pace Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 78 + 6 giri 15  
14 23 Australia Tim Schenken Regno Unito Trojan-Ford Cosworth 76 Testacoda[16] 26  
NC 17 Francia Jean-Pierre Jarier Stati Uniti Shadow-Ford Cosworth 73 Non classificato 13  
Rit 26 Regno Unito Graham Hill Regno Unito Lola-Ford Cosworth 43 Motore 20  
Rit 20 Italia Arturo Merzario Italia Iso Marlboro-Ford Cosworth 37 Incidente 7  
Rit 19 Germania Ovest Jochen Mass Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 35 Cambio 19  
Rit 37 Francia François Migault Regno Unito BRM 27 Motore 23  
Rit 2 Belgio Jacky Ickx Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 26 Freni 5  
Rit 1 Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 23 Motore 2  
Rit 30 Nuova Zelanda Chris Amon Regno Unito Amon-Ford Cosworth 22 Freni 24  
Rit 8 Liechtenstein Rikky von Opel Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 14 Perdita d'olio 25  
Rit 7 Argentina Carlos Reutemann Regno Unito Brabham-Ford Cosworth 12 Testacoda 6  
Rit 14 Francia Jean-Pierre Beltoise Regno Unito BRM 2 Motore 12  
NP 10 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito March-Ford Cosworth 0 Vettura indisponibile 9
NQ 27 Regno Unito Guy Edwards Regno Unito Lola-Ford Cosworth
NQ 21 Danimarca Tom Belsø Italia Iso Marlboro-Ford Cosworth
WD 25 Svizzera Silvio Moser Regno Unito Brabham-Ford Cosworth Infortunato
WD 29 Spagna Jorge de Bagration Regno Unito Surtees-Ford Cosworth

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Piloti

Costruttori

Motori

  • 50° vittoria per il motore Ferrari

Giri al comando

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gara prevista su 90 giri ma interrotta al raggiungimento delle due ore.
  2. ^ a b c d (FR) 4. Espagne 1974, su statsf1.com. URL consultato il 27 marzo 2019.
  3. ^ a b (FR) Statistiques Pilotes-Divers-Hat trick, su statsf1.com. URL consultato l'11 aprile 2019.
  4. ^ Giorgio Viglino, Grave lo svizzero Moser uscito di strada in curva (PDF), in La Stampa, 26 aprile 1974, p. 17. URL consultato il 4 aprile 2019.
  5. ^ (FR) Jorge de Bagration, su statsf1.com. URL consultato il 3 aprile 2019.
  6. ^ (EN) Jorge de Bagration - Biography, su f1rejects.com (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2013).
  7. ^ Le Ferrari dietro a Peterson (PDF), in La Stampa, 27 aprile 1974, p. 21. URL consultato il 4 aprile 2019.
  8. ^ (ES) Peterson, el mas rapido en los entrenamientos del G.P de España (PDF), in El Mundo Deportivo, 27 aprile 1974, p. 21. URL consultato il 4 aprile 2019.
  9. ^ Michele Fenu, Le Ferrari verso un trionfo? (PDF), in La Stampa, 28 aprile 1974, p. 21. URL consultato il 4 aprile 2019.
  10. ^ La macchina di Brambilla semidistrutta nelle prove (PDF), in La Stampa, 28 aprile 1974, p. 21. URL consultato il 4 aprile 2019.
  11. ^ Sessione di qualifica, su statsf1.com.
  12. ^ a b Vittorio Brambilla non prese parte alla gara in quanto la sua vettura non era disponibile. Tutti i piloti classificatisi alle sue spalle scalarono di una posizione sulla griglia. Tim Schenken, inizialmente non qualificato, venne ammesso al via.
  13. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Victoires-Chronologie, su statsf1.com. URL consultato l'11 aprile 2019.
  14. ^ Michele Fenu, Trionfo Ferrari (PDF), in Stampa Sera, 29 aprile 1974, p. 9. URL consultato l'11 aprile 2019.
  15. ^ Risultati del gran premio, su statsf1.com.
  16. ^ Tim Schenken, pur se ritirato, venne classificato, avendo coperto più del 90% della distanza.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1974
Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968–1992).svg Flag of South Africa (1928–1994).svg Flag of Spain (1945–1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1973
Gran Premio di Spagna
Edizione successiva:
1975
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1